Autore:
Giorgio Sala
Pubblicato il 11/03/2020 ore 15:12

TANTI AUGURI! La stagione 2020 del campionato americano di Flat Track (AFT) sigla il 50° anniversario dal debutto della XR750, l’Harley-Davidson destinata alle gare su circuiti sterrati. Per celebrare questo glorioso traguardo, le moto del team ufficiale correranno con i colori storici della Casa di Milwaukee: l’arancione, il bianco e il nero. L’attuale XG750R porta avanti una tradizione ultrasecolare di Harley-Davidson nelle corse, iniziata – la storia si dice – con le gare di hill climb. La moto che adesso corre nel campionato di flat track statunitense è basata sulla XG750, una versione analoga alla nostra Street 750, ma opportunamente modificata nell'estetica e nella ciclistica, mentre il motore bicilindrico da 750 cc rimane pressoché invariato. Ispirato a questo concetto di moto era la XR1200, un modello stradale della Casa di Milwaukee venduta tra il 2007 e il 2012 e protagonista di un trofeo monomarca.Le Harley-Davidson da flat track fianco a fianco

STORIA GLORIOSA Il percorso dell’Harley-Davidson XR-750 nelle gare di flat track iniziò nel 1970 quando il teaam manager Dick O’Brian rimpiazzò la gloriosa KR750. La XR utilizzò un motore con teste dei cilindri riviste, un magnete al posto del generatore e una miglior lubrificazione del propulsore. Nel 1972 arrivò un altro motore, stavolta completamente in alluminio, che rese la XR-750 perfetta: dal 1972 al 2008 vinse 28 campionati americani su 37 disputati, diventando la moto più vincente di tutti i tempi. Inoltre, la XR divenne un’icona nella cultura americana anche grazie a Evel Knievel, che usò quel modello dal 1970 al 1976 per le sue acrobazie.


TAGS: storia harley-davidson flat track harley-davidson xg750r Harley-Davidson XR-750