Autore:
Simone Dellisanti

START La stagione WRC 2019 partirà il 27 gennaio con il Rally di Monte-Carlo e tutti gli occhi del pubblico e degli addetti ai lavori saranno puntati sulle performance di Sebastien Ogier, fresco campione del mondo nel campionato rally 2018 con la Ford ora passato sotto la corte di una Citroen Racing desiderosa, come non mai, di rimettersi in forma dopo alcune annate passate a digiuno da importanti vittorie iridate.

IL FRANCESE L'arma in più del team francese sarà proprio Ogier che, in questa stagione griffata 2019, andrà alla caccia del suo settimo sigillo mondiale consecutivo, dopo aver già gustato il dolce nettare della vittoria iridata con due vetture differenti, prima con la Golf R di Volkswagen e, solo lo scorso anno, con la Fiesta del team M-Sport. Per allontanare un po' le pressioni, il campione francese ha voluto sottolineare come non voglia essere e non si senta assolutamente la 'prima donna' del team Citroen Racing.

NON IONon voglio essere, da subito, il primo pilota per il team", ha dichiarato Ogier. "Siamo in due a iniziare il Mondiale 2019 per difendere i colori di Citroen e partiamo entrambi con le stesse chance di vincere o perdere. Ovvio che se durante l'anno uno dei due è davanti all’altro in termini di punti, a questo punto, è giusto che ci siano delle gerarchie ma per il momento, io e Esapekka Lappi, iniziamo alla pari".

PRESSIONI Non è proprio dello stesso avviso il giovane e promettente pilota di nazionalità finlandese, Esapekka Lappi, anche lui passato sotto l’ala protettrice di Citroen, dopo gli anni passati alla guida di una Toyota. “Ogier è un campione ed è chiaro a tutti chi, all'interno del team, è il primo pilota e chi il secondo”, queste le parole ironiche di Esapekka, “però sono d'accordo con Ogier, a Monte-Carlo iniziamo entrambi con le stesse opportunità di vincere il Mondiale, poi vedremo nel corso della stagione chi sarà davanti a chi".

 


TAGS: Sebastien Ogier esapekka lappi wrc 2019