Autore:
Simone Dellisanti

PRIMO TEST OK Fernando Alonso ha mosso i suoi primi passi nella serie americana indyCar con la monoposto gestita da Andretti Autosport, affiliata McLaren. Prima di potersi schierare sulla griglia di partenza della 500 Miglia di Indianapolis, Fernando Alonso si è cimentato sull’ovale dell’indiana, nel Rookie Orientation Program. La necessaria sessione di test che tutti i piloti devono affrontare e superare, per poter correre e battagliare sugli ovali americani.

PRIMO OSTACOLO Il pilota spagnolo della McLaren ha superato la prova che consisteva in tre diverse sessioni. Il primo step prevedeva di percorrere 10 giri tra 205 e 210 miglia all’ora, il secondo, 15 giri da affrontare tra 210 e 215 miglia all’ora e, infine, il terzo step richiedeva 15 passaggi sulla linea del traguardo mantenendo una velocità tra 215 e 220 miglia all’ora.

PROVA SUPERATA Alonso è riuscito a superare tutte e tre gli step, anche se il suo tempo sul giro non è stato proprio competitivo e ha percorso il tornante più veloce e più difficile della pista con una velocità di 220 miglia orari, equivalenti a 354 km/h. Una buona velocità tenendo conto che la pista era viscida e bagnata dalla pioggia.

LA MACCHINA MI STA GUIDANDOÈ stato molto divertente” ha dichiarato alla fine delle sessioni, Fernando Alonsoall’inizio è stato difficile raggiungere la velocità giusta ma continuando a girare sulla pista, il feeling con la vettura è migliorato e mi posso dire soddisfatto dopo questi primi test. Devo ammettere che fino ad ora è stata la macchina a guidare me e non il contrario, quindi spero di poter girare ancora per essere pronto in vista della 500 Miglia di Indianapolis. Al momento tutto procede secondo i nostri piani ma ho bisogno di girare ancora per conoscere bene quali traiettorie percorrere nelle curve e quali marce usare”.


TAGS: fernando alonso 2017 500 miglia indianapolis indycar indycar alonso mclaren f1 2017 andretti autosport indycar