Autore:
Salvo Sardina

LA PRIMA DI EVANS È Mitch Evans il vincitore dell’ePrix di Roma 2019. Il pilota neozelandese, partito dalla seconda posizione in griglia, è riuscito a 15 minuti dalla fine a scavalcare il poleman André Lotterer. Così il pilota del team Panasonic Jaguar Racing è riuscito a vincere la prima gara della carriera, soffiando all’esperto pilota tedesco il sogno di raggiungere finalmente il tanto agognato successo. Bravissimo il ventiquattrenne di Auckland a sferrare l’attacco decisivo nell’ultima chicane a 15 minuti dalla fine, con Lotterer costretto ad alzare il piede per evitare le barriere.

 

PARTENZA COI BOTTI E dire che l’ePrix di Roma sembrava essersi ormai indirizzato verso il pilota del team Ds Techeetah, il quale era partito bene dalla pole position evitando i fuochi d’artificio delle battute iniziali. In avvio è stato pessimo lo spunto di José Maria Lopez, lungo in curva-1 con l’asfalto ancora bagnato e infine contro le barriere a creare un ingorgo nel corso del secondo giro di gara. Costretta a esporre la bandiera rossa, la Direzione gara ha poi sospeso la corsa per quasi un’ora in modo da permettere ai marshal di riparare le protezioni.

SCINTILLE IN RIPARTENZA Dopo la lunga interruzione a salire in cattedra sono stati proprio André Lotterer e Mitch Evans, tallonati da Stoffel Vandoorne. Impossibile per tutti gli altri tenere il ritmo indiavolato dei primi tre della classifica, che hanno praticamente monopolizzato l’attenzione delle telecamere lasciando passare in secondo piano la lotta per le posizioni di rincalzo. Mentre il belga Vandoorne si staccava dal duo di testa, la tensione è rimasta altissima praticamente fin sotto alla bandiera a scacchi: una volta subito il sorpasso, Lotterer non ha infatti lasciato nulla di intentato per riprendersi la vetta, incontrando però sempre le ottime difese di Evans. Per il neozelandese così come per la Jaguar si tratta della prima vittoria in Formula E.

GLI ALTRI Quarta posizione per Robin Frijns, bravo a scavalcare un Sebastien Buemi che forse ha pensato più che altro al fatto che tutti i principali pretendenti al titolo si trovavano alle sue spalle. Lo svizzero è seguito dal compagno di team Nissan e.Dams, Oliver Rowland e da Lucas Di Grassi. Il brasiliano di casa Audi, protagonista di un paio di sorpassi spettacolari, è praticamente il primo dei piloti di alta classifica, seguito a ruota dal nuovo leader della classifica Jerome D’Ambrosio, da Antonio Felix Da Costa e Pascal Wehrlein. Non finisce bene la giornata di Jean-Eric Vergne, settimo al traguardo ma penalizzato con un drive through per aver effettuato un sorpasso in regime di full course yellow. Il francese campione in carica ha dunque chiuso al quattordicesimo posto. Ritiro per Daniel Abt, Maximilian Gunther, Felipe Massa, Edoardo Mortara e Gary Paffett.

Ordine d'arrivo Roma ePrix

Pos Pilota Team Tempo
1 Mitch Evans  Jaguar Racing 1'33:51.140
2 André Lotterer  Techeetah +0.979
3 Stoffel Vandoorne  HWA AG +6.399
4 Robin Frijns  Virgin Racing +9.181
5 Sébastien Buemi  Nissan e.dams +9.778
6 Oliver Rowland  Nissan e.dams +11.262
7 Lucas Di Grassi  Audi Sport Team ABT +24.340
8 Jérôme D'Ambrosio  Mahindra Racing +28.633
9 António Félix Da Costa  Andretti Autosport +30.651
10 Pascal Wehrlein  Mahindra Racing +30.735
11 Sam Bird  Virgin Racing +32.272
12 Alex Lynn  Jaguar Racing +42.238
13 Oliver Turvey  NIO Formula E Team +48.616
14 Jean-Éric Vergne  Techeetah +49.732
15 Tom Dillmann  NIO Formula E Team +52.253
16 José María López  Dragon Racing +1:10.373
17 Alexander Sims  Andretti Autosport +1:11.373
18 Daniel Abt  Audi Sport Team ABT + 1 giro
19 Maximilian Gunther  Dragon Racing + 1 giro
20 Felipe Massa  Venturi DNF
21 Edoardo Mortara  Venturi DNF
22 Gary Paffett  HWA AG DNF

TAGS: formula e eprix roma Formula E 2018-2019 RomeEPrix 2019 Circuito Eur