Autore:
Simone Dellisanti

BILANCIO IN ROSSO E’ un brutto momento per Maurizio Arrivabene. Il team manager della Scuderia Ferrari, quest’anno si è dedicato più a difendere il team di Maranello dalle critiche e dalle delusione dei tifosi piuttosto che a esultare per le vittorie della Ferrari SF16-H e dei suoi piloti, Vettel e Raikkonen.

LO SCUDO Anche in questi giorni, poco prima del Gran Premio della Malesia, il direttore della Scuderia Ferrari si è visto nuovamente costretto a difendere i propri uomini da nuove illazioni che, questa volta, vorrebbero il Presidente Marchionne intento a rinnovare nuovamente il reparto tecnico, deluso dai cattivi risultati della Rossa.

A POSTO COSI’ Queste le dichiarazioni di Arrivabene: “Siamo apposto così; gli uomini di cui disponiamo adesso vanno più che bene. L’atmosfera di lavoro a Maranello è molto buona. Lo stesso Mattia Binotto (il nuovo direttore tecnico del team) che ha sostituito Allison poco tempo fa, è un tecnico di valore e con lui abbiamo già rinnovato il nostro reparto tecnico. Ora dobbiamo solo concentrarci sulla vettura del prossimo anno, continuando a sviluppare anche quella di quest’anno. Il campionato non è ancora finito e quello che ci serve è solo un po' di tranquillità. Non abbiamo bisogni di altri rinforzi nel nostro reparto tecnico.”


TAGS: ferrari sergio marchionne f1 2016 f1 gp malesia maurizio arrivabene mattia binotto james allison