Autore:
Giulio Scrinzi

UN PRIMO PASSO Sicuramente non era il ruolo che aveva sognato nella scorsa stagione 2017, quando ha provato prima la Renault RS17 nei test dell’Hungaroring e poi la Williams FW40 in quelli di Abu Dhabi, ma almeno in questo modo è riuscito a ritornare nel Circus iridato. Robert Kubica, infatti, è stato capace di convincere la Williams a credere in lui e a dargli un’opportunità come pilota… di riserva. Dal momento che il secondo sedile della FW41 è stato assegnato al rivale Sergey Sirotkin, il pilota polacco ha fatto di tutto pur di ottenere la posizione di “development driver” nel team di Grove, grazie al quale in futuro si potrebbero aprire altre interessanti opportunità per un possibile posto da titolare in un top team.

ATTIVITÀ FRENETICA In virtù del suo ruolo da terzo pilota, Robert sarà chiamato a sostenere un’attività davvero frenetica nell’imminente stagione 2018: innanzitutto parteciperà ai prossimi test pre-stagionali di Barcellona previsti per fine febbraio, ai quali si aggiungeranno quelli di metà Campionato e una serie di sessioni di prove libere durante alcuni weekend di gara. La sua esperienza, quindi, sarà di fondamentale importanza nello sviluppo della FW41 e nell’assistere i due ufficiali al fine di permettere loro di portare a termine nel migliore dei modi le qualifiche e le gare previste dal calendario iridato.

ROBERT KUBICA Ma sentiamo le parole di Robert Kubica, terzo pilota 2018 della Williams: “Sono felicissimo di entrare a far parte della Williams in qualità di pilota di riserva e development driver per la stagione 2018. Sento di essere al massimo della mia condizione fisica e questo ha richiesto un sacco di lavoro, quindi voglio ringraziare il team di Grove per l’opportunità che mi è stata concessa e per aver creduto nelle mie capacità. Mi sono divertito l’anno scorso a tornare nel paddock della Formula 1 e ora posso iniziare sul serio a lavorare di nuovo in questo ambiente. Il mio compito sarà quello di aiutare nello sviluppo della FW41 in modo da fare la differenza fin dal primo round di Melbourne. Avendo provato sia la FW36 che la FW40, voglio vedere come si comporterà in pista la nuova monoposto. Oltre a ciò, il mio obiettivo finale rimane sempre quello di tornare a correre in F1 e questo ingaggio rappresenta un altro step fondamentale verso quella direzione”.

CLAIRE WILLIAMS Questo, invece, il commento di Claire Williams, Deputy Team Principal: “Sono entusiasta di annunciare Robert come pilota di riserva e addetto allo sviluppo nel nostro reparto corse per la stagione 2018. Noi tutti in Williams siamo rimasti impressionati da quello che è stato in grado di fare in questi anni, per cui non vediamo l’ora di iniziare a lavorare con lui!”.

PADDY LOWE Queste, infine, le dichiarazioni di Paddy Lowe, Chief Technical Officer: “Innanzitutto voglio congratularmi con Robert per quello che è stato in grado di raggiungere in questi anni: far fronte alle sue disabilità, ritornare a un ottimo livello di forma e guidare di nuovo una Formula 1 è un grandissimo risultato. Per questo motivo lo abbiamo scelto in modo da dare un grande contributo al team, sia in pista che al simulatore. È un pilota che ho sempre ammirato per la sua forza di carattere e sono molto contento che lavorerà con noi nel 2018”.


TAGS: formula 1 robert kubica f1 williams martini racing f1 2018 robert kubica 2018 formula 1 2018 williams martini racing 2018 williams f1 2018 williams f1 robert kubica williams robert kubica williams 2018