Autore:
Giulio Scrinzi

IN GAME Aprile è stato un mese fitto di appuntamenti, inaugurato con quello di Shanghai a cui ha fatto seguito quello sul circuito Sakhir di Manama, in Bahrain. Ma ora è il momento del quarto round, ospitato su quell'Autodromo di Sochi, in Russia, che finora ha premiato come unici vincitori i piloti della Mercedes, prima Lewis Hamilton nel biennio 2014-2015 e poi Nico Rosberg nella stagione passata. Anche noi non ci siamo fatti trovare impreparati, scendendo virtualmente in pista con la Force India VJM10 di Esteban Ocon grazie ad Assetto Corsa di Kunos Simulazioni.

DOPPIO CARATTERE L'Autodromo di Sochi è il primo circuito russo progettato dal famoso Hermann Tilke e costruito nella terra degli Zar al fine di ospitare in maniera esclusiva la Formula 1. Lungo 5,848 km e con 19 curve delle quali dodici a destra e sei a sinistra, è una pista che alterna settori molto tecnici e impegnativi ad altri più scorrevoli dove è possibile raggiungere elevate velocità di punta.

ASFALTO SCIVOLOSO Come da tradizione, continuiamo i nostri giri di pista alternando le varie vetture e i diversi piloti presenti sulla griglia di partenza 2017. Stavolta abbiamo deciso di utilizzare la Force India VJM10 in versione “Pantera Rosa” del giovane Esteban Ocon, la quale però ha messo in luce sul circuito russo diversi problemi di trazione in uscita di curva quando era il momento di accelerare. Con tutti gli ausili elettronici alla guida disattivati e utilizzando la mescola Ultrasoft più morbida con 6 litri di carburante a bordo, siamo riusciti a firmare un incoraggiante 1'36''709... lontano un secondo e mezzo dal record dell'anno scorso di Nico Rosberg (1'35''337).


TAGS: formula 1 f1 F1 2017 motorbox on track formula 1 2017 f1 2017 gp russia motorbox on track 2017 f1 2017 hot lap russia