F1 2017

F1 2017, GP Cina: le pagelle di Shanghai


Avatar Redazionale , il 10/04/17

4 anni fa - F1 2017, GP Cina: ecco le nostre impressioni sulla seconda gara stagionale

F1 2017, GP Cina: grazie alla vittoria sul circuito di Shanghai, ora Lewis Hamilton è a pari punti in classifica con il rivale Sebastian Vettel

Benvenuto nello Speciale F1 2017 GP CINA, composto da 10 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario F1 2017 GP CINA qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

GP CINA Mai dare giudizi affrettati: questa deve valere come regola per la stagione 2017 della Formula 1, dal momento che Lewis Hamilton è riuscito a ribaltare tutti i pronostici che lo vedevano come già in difficoltà dopo l'amaro secondo posto di Melbourne. Al contrario, sul circuito di Shanghai il pilota britannico ha firmato un sorprendente hat trick, con tanto di pole position il sabato e la doppietta di giro veloce e vittoria incontrastata nella gara di domenica. In questo modo ha messo in riga un Sebastian Vettel che, nonostante i propri sforzi nell'insidiare la Mercedes numero 44, non ha potuto far altro che accontentarsi della medaglia d'argento, precedendo sul traguardo la Red Bull di un Max Verstappen maestro di una rimonta eccezionale dalla 16esima posizione in griglia.

LE PAGELLE Dopo questa premessa, andiamo ora a dare i voti ai vari piloti e scuderie di questo secondo round stagionale, ospitato sul circuito cinese di Shanghai. Le pagelle, come tradizione, sono soggettive e, se volete dire la vostra, non esitate a dare qualche punto in più o in meno ai vari protagonisti del Circus iridato. Siete invitati anche a lasciare un commento sotto l'articolo oppure sulla pagina Facebook di MotorBox (educatamente, mi raccomando!), in modo da poterne discutere assieme.

LEWIS HAMILTON Voto 10 Chi lo vedeva già in difficoltà nello scorso appuntamento di Melbourne ha dovuto ricredersi: a Shanghai “Hammer” non solo ha demolito ogni record in qualifica, ma è riuscito anche a mettere a segno il giro veloce e la vittoria in una gara dominata dall'inizio alla fine. In partenza è stato un missile e poi non ha sbagliato più nulla, segno che anche la sua W08 EQ Power+ ha recuperato la sua micidiale competitività.

SEBASTIAN VETTEL Voto 8+ La strategia inseguita dopo il successo australiano è stata quella giusta: poche chiacchiere e sotto con il lavoro. Ma purtroppo non è sempre domenica: dopo essersi schierato in griglia senza centrare (volontariamente?) la sua seconda casella, Sebastian Vettel ha tentato di insidiare Hamilton con un pit-stop anticipato... che alla fine si è rivelato un buco nell'acqua, per il botto di Antonio Giovinazzi che ha costretto tutti i piloti a transitare dalla pit-lane. L'aver perso tempo dietro al compagno di squadra, poi, non lo ha sicuramente favorito. Spettacolare però il sorpasso all'esterno su Daniel Ricciardo, espressione di sicurezza e fiducia nei propri mezzi.

MAX VERSTAPPEN Voto 9 Costretto a partire dalla 16esima posizione in griglia per problemi a due dei cilindri della power unit Renault by Tag Heuer della sua RB13, Max Verstappen si è reso protagonista di una splendida rimonta che lo ha visto già alla fine del primo giro in settima piazza. Poi la sua gara è stata tutta un crescendo, in cui nel finale ha battagliato senza esclusione di colpi con il suo compagno di squadra. Che voglia ribadire il fatto che vuole essere lui la prima guida della Red Bull?

VEDI ANCHE



DANIEL RICCIARDO Voto 8- Con il suo quarto posto finale Daniel Ricciardo è riuscito a mettere una pezza al disastroso weekend nero nella sua amata Melbourne, anche se... il fatto di essere stato battuto dal compagno di squadra deve bruciargli, e parecchio. Lui, come al solito, ha fatto del suo meglio, con una RB13 sicuramente non all'altezza della concorrenza Mercedes e Ferrari.

KIMI RAIKKONEN Voto 7 Sembrava che a Melbourne fosse convinto di sapere cosa realmente mancasse alla sua SF70H, ed invece Kimi Raikkonen, anche a Shanghai, ha portato a casa un risultato al di sotto delle aspettative. Vuoi che le condizioni in gara non erano delle migliori, vuoi che ha avuto un'incomprensione con il muretto per il secondo pit-stop, ritardato e che lo ha costretto a rimanere in pista con le gomme finite... Però la strigliata da Sergio Marchionne a fine GP l'ha ricevuta. Il pilota finlandese deve cambiare marcia, e lo deve fare al più presto, già dal Bahrain.

VALTTERI BOTTAS Voto 6 Stavolta il neo acquisto della Mercedes non ha assolutamente brillato nel weekend cinese: dopo il terzo posto in qualifica preceduto di un solo millesimo dalla Ferrari di Sebastian Vettel, Valtteri Bottas ha provato a tenere il passo dei migliori... per poi andare in testacoda quando si trovava dietro alla safety car. Un errore che non ci voleva e che lo ha costretto ad una rimonta conclusa con il sesto posto sotto la bandiera a scacchi... sicuramente un risultato non all'altezza delle aspettative del reparto corse di Brackley.

CARLOS SAINZ JR Voto 7 Si è aggiudicato il premio di miglior pilota dietro ai big di Mercedes, Ferrari e Red Bull, ha azzardato una partenza con gomme soft da asciutto su pista ancora bagnata, ha baciato le barriere di protezione a causa di un testacoda ed alla fine ha comunque portato a casa un ottimo settimo posto. Questo è stato Carlos Sainz Jr nel GP di Cina, al volante di una Toro Rosso che si sta dimostrando sempre più competitiva e consistente.

ANTONIO GIOVINAZZI Voto 6 Nello scorso round australiano gli avevamo dato due voti in più per l'ottima gara portata a termine, mentre stavolta gli abbiamo regalato quantomeno la sufficienza. Perchè? La sua arrembanza data dalla forte motivazione di fare bene lo sta spingendo oltre i suoi limiti, e gli incidenti prima in qualifica e poi in gara nei quali si è reso protagonista, distruggendo per ben due volte la Sauber elvetica, ne sono la conferma. Il pilota di Martina Franca deve crescere, e più lo si fa correre più sarà in grado di gestire situazioni sempre più difficili. Speriamo di vederlo al volante della C36 anche in Bahrain.

FORCE INDIA Voto 6 La gara delle due Force India in versione “Pink Panther” è terminata con entrambi i piloti in zona punti grazie ad un nono posto di Sergio Perez e al decimo di Esteban Ocon. Due risultati peggiorati rispetto alle prestazioni viste in scena sull'Albert Park di Melbourne, ma la stagione è appena cominciata...

HAAS Voto 6 La scuderia americana si è messa in luce a Shanghai grazie ad un interessante ottavo posto di Kevin Magnussen, oscurato dall'11esimo di un Romain Grosjean che ha patito la retrocessione in griglia di partenza per il sorpasso in regime di bandiere gialle quando Giovinazzi è andato a muro. Come per la Force India, ci sono margini di miglioramento.

RENAULT Voto 5 Il weekend cinese della Renault è stato sicuramente deludente, visto che Nico Hulkenberg è arrivato 12esimo mentre Jolyon Palmer lo ha seguito in 13esima piazza. La RS17 non si è mai trovata a suo agio sul circuito di Shanghai, quindi la speranza è di vederla più competitiva nel prossimo appuntamento in Bahrain.

WILLIAMS Voto 5 La scuderia di Sir Frank non ha vissuto lo stesso fine settimana del precedente appuntamento di Melbourne: Lance Stroll è stato eliminato nelle prime battute per via di un contatto con Sergio Perez, mentre Felipe Massa non è andato oltre la 14esima posizione sotto la bandiera a scacchi. Urge un drastico cambio di rotta.

McLAREN-HONDA Voto NC La situazione stenta a migliorare nel box della McLaren: i problemi della MCL32 spinta dalla power unit Honda sono sempre più insistenti, e il doppio ritiro a Shanghai prima di Stoffel Vandoorne e poi di Fernando Alonso sono il segnale che bisogna prendere una decisione. O il fornitore giapponese porta finalmente un upgrade competitivo... oppure si cambia. Perchè altrimenti si ripete sempre la stessa storia.


Pubblicato da Giulio Scrinzi, 10/04/2017
Gallery
f1 2017 gp cina
Logo MotorBox