Autore:
Andrea Minerva

RALLY SFORTUNATO Inutile nascondersi dietro a un dito, peggio di così non poteva andare. Il Rally di Roma Capitale è durato ben poco per Luca Rossetti, Eleonora Mori e la Citroen C3 R5 di Citroen Italia. Tutto è finito durante la quarta prova speciale che ha corrisposto con il secondo passaggio della “Pico-Greci”, il tratto cronometrato che ha falcidiato un numero sorprendente di concorrenti a suon di forature. Dello stesso problema è stato vittima anche l’equipaggio di Citroen, aggravato però dalla rottura del cerchio che a sua volta ha causato l’uscita di strada. E pensare che la gara non era affatto iniziata male. Dopo una prima prova speciale affrontata all’insegna della prudenza e della circospezione, “Rocs” aveva subito trovato un ottimo ritmo, imponendosi immediatamente tra i migliori, con uno smalto che ricordava molto la prestazione “monstre” messa in luce al “Targa Florio”. Poi purtroppo il patatrac, e la resa forzata. Questo stop rischia di pesare e non poco sulle ambizioni “tricolori” di Citroen Italia e dello stesso Rossetti, ma conti alla mano, la situazione non è così drammatica come potrebbe sembrare. Vediamo perché.

GARE FAVOREVOLI Al termine del Campionato Italiano Rally mancano ancora tre gare: il Rally del Friuli, il “Due Valli” e il “Tuscan Rewind”. Le prime due, almeno sulla carta, potrebbero essere favorevoli a Rossetti e alla Citroen C3 R5, in particolare il “Rally Due Valli” è stato vinto da “Rocs” nelle ultime due edizioni. Un dato a dir poco confortante, soprattutto se a questo aggiungiamo la grande crescita a livello di prestazioni della C3 R5 nelle gare su asfalto. Un altro elemento non trascurabile è il regolamento del Campionato Italiano Rally che prevede l’obbligo di scartare i due peggiori risultati della stagione, considerandone validi solo 6 su 8. A fronte di questo, la classifica del Cir è attualmente più corta di ciò che sembra. Non da ultimo va poi anche considerato che la gara finale del campionato, il “Tuscan Rewind”, avrà un coefficiente maggiorato di 1,5, elemento che contribuirà probabilmente a tenere aperta la lotta per il titolo tricolore fino alla fine. Ora vi proponiamo la breve dichiarazione rilasciata da Luca Rossetti dopo il ritiro al Rally di Roma Capitale.  

Luca Rossetti: “Abbiamo buttato al vento una buona occasione, il feeling con la vettura era buono. Seppure si trattasse di una gara che facevamo per la prima volta, dopo un avvio conservativo, nelle speciali 2 e 3 abbiamo staccato degli ottimi riscontri cronometrici. Abbiamo commesso un errore che sicuramente complica il nostro cammino nel Tricolore Rally.


TAGS: citroen italia citroen c3 r5 cir 2019 Rossetti rally roma capitale 2019