Autore:
Andrea Minerva

BASSO NON MOLLA Mancano solo due prove al termine del Rally di Roma Capitale, quinta prova del Campionato Italiano valevole anche per il Campionato Europeo, e nello specifico si tratta di due Super Stage da 1km e 100 metri l’una che si terranno lungo il Viale della Marina a Ostia a partire dalle 19.05 di questa sera. Troppo poco per stravolgere la classifica maturata fino a questo momento? Teoricamente sì, se non fosse che la 7°edizione del Rally di Roma Capitale ha proposto continui colpi di scena, ritiri, rimonte, ribaltoni e chi più ne ha più ne metta. Ma facciamo ordine. Dopo le prime otto prove speciali odierne, Giandomenico Basso e Lorenzo Granai (Skoda Fabia R5) sono ancora al comando grazie ad una seconda parte di gara intelligente e accorta. Ma proprio nel finale il “Giando” ha involontariamente dimezzato il suo vantaggio a causa di un “lungo” nella prova numero 13, la “Rocco – Santo Stefano”. Ora Basso ha un margine di 20 secondi e 8 decimi nei confronti di Simone Campedelli e Tania Canton (Ford Fiesta Evo R5) saliti al secondo posto dopo la penalità inflitta al pilota russo Lukyanuk prima della prova numero 11 (“passo della vettura non conforme”). A parte questo episodio, Campedelli e il team Orange1 hanno via via trovato una maggior confidenza con la nuova Fiesta R5 realizzata dalla M-Sport di Malcom Wilson e i riscontri cronometrici sono migliorati in maniera sensibile rispetto alla giornata di ieri. Dopo la penalità, Lukyanuk e Arnautov sono scivolati con la loro Citroen C3 R5 al terzo posto, ad oltre 40 secondi da Campedelli, ma non è tutto qui. Alle loro spalle è infatti arrivato il grande protagonista di questo rally: Andrea Crugnola. Il pilota del team Hk Racing, in gara con una Skoda Fabia R5, ha vinto fino a qui 11 prove speciali sulle 14 disputate in totale. Fantastico!! Se Crugnola non avesse patito una foratura nella prima tappa, riuscire a sconfiggerlo sarebbe stata un’impresa proibitiva per chiunque. La rimonta del pilota varesino, stamattina era settimo, è stata furiosa, ma probabilmente non è finita qui; Lukyanuk ha un vantaggio sullo stesso Crugnola di appena un secondo e la lotta per il terzo posto è completamente aperta. Per ora la top 10 del Rally di Roma Capitale è completata da Mares (Skoda Fabia R5) 5°, Ingram (Skoda Fabia R5) 6°, Herczig (Vw Polo Gti R5) 7°, Sesks (Skoda Fabia R5) 8°, Antonio Rusce (Skoda Fabia R5) 9° e Umberto Scandola (Hyundai i20 R5) 10°. Al riguardo di Rusce e Scandola, va annotato che il primo ha sofferto molto nel corso dell’intera giornata a causa di enormi problemi di grip determinati dalle gomme mentre “Umby” ha proseguito il percorso di conoscenza della I20 R5 senza però mai riuscire ad avvicinare i tempi dei migliori.

GLI ALTRI DEL CIR Prima di tutto ne approfittiamo per ricordare che in occasione della 7° edizione del Rally di Roma Capitale, i piloti iscritti al Cir otterranno i punti frutto della posizione effettivamente conquistata, quindi gli equipaggi del Campionato Europeo non saranno “trasparenti”. Detto della classifica assoluta, diamo ora un’occhiata alle altre classifiche della Serie Tricolore. Nel Campionato Italiano Junior Giuseppe Testa è al comando (29° assoluto), essendo anche l’unico superstite; Marco Pollara, che precedeva lo stesso Testa con un buon margine di vantaggio, è stato infatti squalificato dopo che la sua Ford Fiesta R2 si è bloccata per oltre 20 secondi allo start di una delle prove speciali della mattinata. Nella categoria Due Ruote Motrici, Tommaso Ciuffi, pilota ufficiale di Peugeot Sport Italia, è saldamente primo (20° assoluto) alla guida della Peugeot 208 R2B con un margine di oltre due minuti nei confronti di Davide Nicelli, a sua volta impegnato con successo nella sfida del Trofeo Peugeot Competition 208 Rally Cup Top. Tra poche ore il Rally di Roma Capitale emetterà i verdetti finali; la conclusione è affidata alle due Super Stage “Arena Aci Roma” che si disputeranno a Ostia alle 19.05 e alle 19.15. A dopo, per gli ultimi aggiornamenti e per le classifiche finali.

CLASSIFICA RALLY DI ROMA CAPITALE – SECONDA TAPPA (a due prove dalla fine)

1. BASSO

2. CAMPEDELLI  +20.8

3. LUKYANUK     +1.03.6

4. CRUGNOLA    +1.04.6

5. MARES           + 1.25.1

6. INGRAM        + 1.44.2

7. HERCZIG       + 1.47.9

8. SESKS             + 3.10.9

9. RUSCE            + 4.07.4

10. SCANDOLA  +4.39.5


TAGS: skoda fabia r5 Giandomenico Basso Simone Campedelli Ford Fiesta R5 Peugeot 208 R2B cir 2019 ciuffi rally roma capitale 2019