Autore:
Andrea Rapelli

KM VERI Dopo aver dato una rapida occhiata al triangolo volante-cambio-pedali (ormai dovreste essere esperti), la prima cosa da fare è cercare la vite a brugola o Torx vicino alla bocchetta aria sinistra, che permette di smontare la strumentazione: se vi sembra consumata o segnata può significare che alla 205 GTI in oggetto sia stata tolta un po' di strada dal contachilometri. Solitamente, le plastiche sono di buona fattura: qualche scricchiolio è normale e non deve spaventarvi. Controllate però che tutti i componenti funzionino a dovere, dalla ventola del riscaldamento allo sbrinatore del lunotto (almeno che si accenda la relativa spia).

SEDILI RARI Se tutte le operazioni precedenti hanno dato esito positivo non potete comunque cantar vittoria finché non esaminate i sedili: devono essere in tessuto Ramé Anthracite con fasce esterne in pelle grigio scuro, le prime a rovinarsi col tempo. Eventuali screpolature e tagli possono purtroppo rappresentare un grosso problema, perché la selleria è ormai quasi introvabile. Attenzione anche al divano posteriore, che deve essere ben fissato al pavimento e sdoppiato in percentuale 50:50. Infine, date uno sguardo alla moquette, che deve essere rossa e priva, per quanto possibile, di abrasioni e difetti.


TAGS: Peugeot 205 GTI