Autore:
Massimo Grassi

ADIEU Al di là delle Alpi si sta preparando la nuova Rivoluzione Francese. Questa volta però non c’entrano Bastiglia e Ancien Régime, ma le auto con motori diesel e benzina che, secondo i piani del governo Emmanuel Macron, entro il 2040 non saranno più vendute in tutto il territorio francese. Un’azione radicale presentata ieri dal ministro dell’Ecologia Nicolas Hulot.

LA SITUAZIONE ATTUALE Secondo i dati di mercato in Francia il 95,2% delle auto vendute è mosso da classici motori benzina o diesel, con le ibride a quota 3,5% e le elettriche (la stragrande maggioranza marchiate Renault) a 1,2%. Una tendenza che nei prossimi 23 anni si ribalterà grazie anche un sostanzioso piano di incentivi per auto a benzina immatricolate prima del 2001 e diesel con almeno 20 anni.

EMISSIONI ZERO Il passo successivo allo stop della vendita di auto benzina e diesel prevede che entro il 2050 la Francia dovrà essere carbon neutral, significa che al di là delle Alpi non ci saranno emissioni di CO2. Durante la presentazione del piano Nicolas Hulot ha accennato al piano di Volvo e l’intenzione di produrre 5 nuovi modelli elettrici tra il 2019 e il 2021.


TAGS: incentivi auto elettriche emmanuel macron