Cosa accomuna Corvette C8, Alpine, Fiat 124 spider, Honda NSX
Auto sportive

Le sottovalutate: 4 auto sportive ammirate dai rivali ma non dal pubblico


Avatar di Emanuele Colombo , il 30/08/22

1 mese fa - Corvette, Alpine, Fiat 124, Honda NSX snobbate in Italia. Perché?

Non sempre le auto migliori sono viste come tali, specialmente dal pubblico italiano. Ecco quattro casi eclatanti

Non capita spesso che il boss di una casa automobilistica spenda parole di elogio per la creazione di un marchio rivale, ma quando ciò accade, le sue parole devono far riflettere. ''All'Alfa san fare i guanti alle mosche'', diceva Enzo Ferrari, e in tempi ben più recenti c'è chi ha puntato i riflettori su modelli che, in Italia, non godono o non hanno goduto della giusta considerazione. Ecco quattro casi esemplari.

Nuova Chevrolet Corvette Z06: in arrivo con motore V8 aspirato da 670 CV Nuova Chevrolet Corvette Z06: in arrivo con motore V8 aspirato da 670 CV

LA FERRARI D'AMERICA

Nei suoi quasi 70 anni di storia si è guadagnata tonnellate di nomignoli, da ''la Ferrari d'America'' a ''plastic fantastic'', che allude alla carrozzeria in parte costruita con materiali plastici. Icona del motorismo a Stelle e Strisce, la Corvette non ha mai avuto grande seguto in Italia: un po' per le cilindrate sempre esagerate per la nostra mentalità, un po' per l'atteggiamento un po' snob di chi la Ferrari, quella vera, ce l'aveva già in casa  (casa intesa come Patria, non come domicilio). Mettiamoci anche una guida non sempre all'altezza delle sportive europee e si capisce come mai la Corvette sia un modello ancora a caccia di credibilità tra gli appassionati nazionali, anche se ormai da anni di credibilità ne ha da vendere. La consacrazione è il giudizio espresso pochi giorni fa da Christian Von Koenigsegg, boss della casa automobilistica omonima, che a margine della presentazione della sua nuova CC850 ha dichiarato: “Il fatto che General Motors possa offrire la nuova Corvette C8 a quel prezzo e con quel livello elevato di prestazioni è strabiliante. È un bene per loro e un bene per i loro clienti”. Se volete approfondire, leggete qui la nostra prova.

LA PREFERITA DI GORDON MURRAY

''È l'auto migliore che abbia mai guidato per guida e maneggevolezza. È meglio di una Porsche, è meglio delle supercar: è assolutamente geniale'', a dire queste parole è Gordon Murray, padre di alcune tra le più esotiche e performanti auto sportive di tutti i tempi: dalla truffaldina Brabham di Formula 1 con cui Piquet ha vinto il Mondiale nel 1981 alle stradali, come l'iconica McLaren F o la ultima creazione GMA T.33 (qui l'analisi tecnica). A quale auto si riferisce? Non a una supercar da centinaia di migliaia di euro, bensì alla Alpine A110 (qui la nostra prova), una sportiva da sessantamila euro talmente valida da aver costretto Murray a ripensare il progetto della sua hypercar da 2,6 milioni di euro GMA T.50 (qui in video). In particolare, Murray è rimasto folgorato dal funzionamento delle sospensioni e ha deciso di prendere la Alpine A110 come benchmark per la T.50: prima di guidare l'Alpine, l'Ingegnere non riteneva neppure necessario fare confronti, ma si è dovuto ricredere. Tanto da prendere una decisione sorprendente: adottare per la T.50 ammortizzatori passivi anziché attivi, come invece è uso sulle auto iper-esclusive. ''Ho comprato una Alpine A110'', spiega Murray'', ''e ha il miglior compromesso tra comfort e maneggevolezza di qualsiasi cosa abbia mai guidato''. Peccato che il nostro mercato non l'abbia premiata come merita: in giro se ne vedono pochissime.

VEDI ANCHE



Fiat 124 Spider, una MX5 in salsa italiana Fiat 124 Spider, una MX5 in salsa italiana

L'ITALIANA INCOMPRESA

Qualche sera fa ero a cena con un forte pilota italiano che è anche responsabile della scuola di uno dei brand più prestigiosi al mondo. Per scrupolo nei suoi confronti non vi rivelo il nome (magari i suoi datori di lavoro non gradirebbero), ma tra un Negroni e uno Spritz mi rivelava di essere stato folgorato da un'auto della concorrenza. Parlava della Fiat 124 Spider, la decappottabile che il marchio italiano per eccellenza aveva derivato dalla collaborazione con Mazda. Come tutti sanno, la Fiat 124 Spider ha molto in comune con la MX-5 (o Miata, che dir si voglia), rispetto alla quale ha diverse differenze. Tra queste, un look che omaggia un modello Fiat degli anni Sessanta, un assetto curato dai tecnici italiani e un motore millequattro turbo da 140 CV e 240 Nm: ben più ricco di coppia dell'unità che troviamo sotto al cofano della giapponese. Il mio commensale ne apprezzava oltremodo la dinamica, frutto anche di un peso non esagerato, e osservava che sarebbero bastati pochi e poco dispendiosi interventi per farla volare in pista. Purtroppo la Fiat 124 Spider è uscita di produzione nel 2019 senza aver mai neppure avvicinato la popolarità e l'apprezzamento della MX-5, che rimane probabilmente la decappottabile di maggior successo nella Storia.

Honda NSX 1990 Honda NSX 1990

LA FERRARI GIAPPONESE

Se la Corvette, più in alto, è la Ferrari d'America, la Honda NSX - al cui sviluppo aveva contribuito un certo Ayrton Senna - è stata vista da molti come una versione giapponese delle GT di Maranello degli anni Novanta. Anche per una certa somiglianza che derivava dall'essere stata impostata con l'aiuto di Pininfarina: lo stesso centro stile che a quell'epoca firmava quasi tutte le auto del Cavallino. Rispetto a queste ultime, la coupé giapponese faceva storcere il naso degli italiani sotto molti aspetti: una linea con uno sbalzo posteriore eccessivo, che si traduceva in una coda troppo lunga; un motore V6 dal frazionamento meno intrigante rispetto ai V8 italiani; un prezzo troppo vicino a quello delle Rosse. Peccato che proprio la Honda NSX - non la coeva Ferrari 348 - fosse ''l'auto migliore del suo tempo'' secondo Gordon Murray. Non a caso l'ingegnere sudafricano utilizzò proprio la NSX come punto di riferimento per la sua McLaren F1, una delle supercar più esclusive, performanti e tecnicamente raffinate di tutti i tempi. Per fortuna, al di fuori del Belpaese, la coupé giapponese ha colto il successo che meritava.


Pubblicato da Emanuele Colombo, 30/08/2022
Tags
Listino Chevrolet Corvette
Allestimento CV / Kw Prezzo
Corvette C8 Coupé Stingray 482 CV 2LT 482 / 354 90.100 €
Corvette C8 Coupé Stingray 482 CV 3LT 482 / 354 93.840 €
Corvette C8 Convertible Stingray 482 CV 2LT 482 / 354 96.760 €
Corvette C8 Convertible Stingray 482 CV 3LT 482 / 354 100.500 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Chevrolet Corvette visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Chevrolet Corvette
Vedi anche
Logo MotorBox