Autore:
Paolo Sardi

MOSTRA I MUSCOLI Dopo la classica manfrina a suon di teaser, la Kia Telluride approda finalmente sulla passerella del NAIAS di Detroit e lo fa catalizzando molti sguardi. Questa concept - che potrebbe dar vita a un modello di serie in un futiuro neanche tanto lontano - ha infatti una presenza scenica notevole e risulta sensibilmente più grande della Sorento che tutti conosciamo. Misure a parte, l’impatto visivo è notevole anche per le scelte stilistiche fatte dai designer della Casa, con forme pulite e muscolose al tempo stesso, specie a livello delle fiancate. Il muso fa la sua parte, con fari a Led incassati dallo sguardo particolarmente truce.

BUSINESS CLASS Spettacolare è anche l’apertura delle porte ad armadio, che lasciano vedere un abitacolo a sette posti disposti su tre file, l’ultima delle quali è a scomparsa nel piano di carico. Le prime due sono composte invece da vere e proprie poltrone, con quelle posteriori pronte a diventare chaise longue, con tanto di poggiapiedi. E’ qui che si trova la vera business class della Kia Telluride, i cui occupanti possono selezionare con semplici gesti la musica da ascoltare, eventualmente anche tramite delle cuffie Harman Kardon. I sedili possono tra l’altro rilevare i parametri vitali dei loro occupanti. Questi dati sono rielaborati e utilizzati dall’innovativo sistema Light Emitted Rejuvation per regolare l’illuminazione interna così da dare più energia ai passeggeri e curare il loro eventuale jetleg.

BIRRA ALLA SPINA Della Kia Telluride è interessante anche la meccanica. Questa concept è infatti ibrida plug-in e abbina un motore V6 3.5 a benzina da 270 cv a un motore elettrico, per una potenza totale di sistema di 400 cv


TAGS: detroit 2016 naias 2016 salone di detroit 2016 Kia Telluride