NAIAS 2016

Buick Avista Concept


Avatar Redazionale , il 11/01/16

5 anni fa - Questa sportiva 2+2 è un inno alla bellezza e alla performance

Buick Avista: la concept sportiva che condivide il passo con la Camaro

Benvenuto nello Speciale SALONE DI DETROIT 2016, composto da 25 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI DETROIT 2016 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

RITORNO AL FUTURO Ha linee che conquistano la concept Buick Avista, presentata oggi al North American International Auto Show di Detroit. Con le scanalature che si dipartono a raggiera dalla calandra esagonale e con la sapiente alternanza di elementi concavi e convessi che domina su tutti i lati la carrozzeria, questa coupé sportiva svela un’indole da vera purista della forma. Ma la dichiarazione programmatica della concept è più specificamente quella di rinverdire le radici storiche del marchio, che si esprimono in una spasmodica ricerca di performance sportive sopraffine.

VEDI ANCHE



POLMONE D’ACCIAIO La capacità polmonare, in effetti, non le manca: la Buick Avista respira l’asfalto con un V6 da 3.0 litri in grado di scaricare sulle ruote posteriori la bellezza di 400 cv, mentre la trasmissione avviene con un cambio automatico a 8 marce. Una maggiore prontezza di riflessi è garantita dagli ammortizzatori autolivellanti (Magnetic Ride Control), che riducono il tempo di reazione a una manciata di millesimi di secondo mantenendo le ruote da 20” della Avista sempre incollate alla strada. La performance si combina poi all’ecologia grazie al sistema Start&Stop e alla tecnologia per la disattivazione selettiva dei cilindri. La Avista condivide con la Camaro le medesime specifiche di passo, che misura 2,812 mm.

ELEGANZA RICCA DI TECNOLOGIA Ci sono sorprese anche all’interno dell’abitacolo, che ammalia con le sue linee futuristiche ma non eccessivamente arzigogolate, sottolineate dalla sobria eleganza dei tessuti in pelle Superior Blue e Mist Gray, dalle rifiniture in fibra di carbonio e dai dettagli alluminio. La plancia si schiude facendo emergere il cockpit e il sistema di infotainment, entrambi completamente digitali. Le informazioni del navigatore, che vediamo proiettate sul parabrezza, alludono e preludono a una svolta verso la guida autonoma fra le auto di gamma. Tanto per non farsi mancare niente, la Avista si fregia anche di tetto panoramico, di un filtro purificatore per l’aria dell’abitacolo con funzione di aromaterapia, nonché di tecnologia fonoisolante di livello premium. 


Pubblicato da Francesca Mondani, 11/01/2016
Gallery
salone di detroit 2016
Logo MotorBox