Tuning

Dodge Challenger SRT8 ACR


Avatar di Luca Cereda , il 28/10/11

9 anni fa - Al SEMA sbarca una Challenger da sparo

Una dieta per ridurre il peso, un vestitino corsaiolo e nuovi muscoli per alte prestazioni. Così la Dodge Challenger si presenta al sema in questa versione personalizzata con l'aiuto della Mopar.

ALLA FIERA DEL WEST Sulla bisarca di Chrysler diretta al SEMA, il salone del tuning di Las Vegas (1-4 novembre), sale anche questa Dodge Challenger SRT8 ACR, frutto della collaborazione tra il braccio sportivo di Chrysler, la STR appunto, e la Mopar. Il risultato è una vetture ad alte prestazioni – ma omologata anche per girare su strada – customizzata con modifiche estetiche e tecniche che la imparentano ad altre versioni sportive del passato firmate Dodge.

BIANCONEROROSSA Detto che la base di partenza è la Challenger SRT8 392 - nientemeno che un mezzo da oltre 470 cavalli e 630 Nm di coppia - resta da capire com’è intervenuta la Mopar nel confezionare il corredo sportivo della Dodge Challenger SRT8 ACR, che per non nascondere le sue velleità pistaiole rinuncia al divanetto posteriore e monta, in chiave-sicurezza, rollbar e idrante all’interno della carrozzeria. La livrea, per cominciare, dipinta di bianco con una parte nero-carbone e una striscia tracciata dal cofano al paraurti anteriore per sottolinearne la lunghezza, è un omaggio alla Viper SRT10 ACR. Poi c’è tutto il trattamento riservato agli interni e alla meccanica, che dall’unica foto attualmente disponibile rimangono nascosti.

VEDI ANCHE



PESO PIUMA Tra questi rispondono all’appello: sedili leggeri con regolazioni sportive, volante a tre razze, pedaliera sportiva e consolle centrale impreziosita da finiture in fibra di carbonio. Per alleggerire il peso della Dodge Challenger SRT8 ACR, inoltre, i progettisti Chrysler e Mopar non hanno solo eliminato alcune componenti, ma hanno sostituito alcune parti con altre più leggere: è il caso, ad esempio, dei pannelli-porte in fibra di carbonio.  

SCARPE DA CORSA Lunga è anche la lista delle modifiche tecniche portate a questa Challenger da sparo, che interessano le molle delle sospensioni, lo scarico (di tipo “cat-back” e munito di collettori specifici), il cambio (dai rapporti più corti) e i cerchi da 20’’ (dal design dedicato e calzanti un set di pneumatici Goodyear F1 Supercar). Spoiler anteriore, un cofano in fibra di carbonio e parafanghi sportivi griffati ACR, infine, oltre ad aggiungere presenza scenica fanno infine, la loro piccola parte nell’ottimizzare l’aerodinamica. 


Pubblicato da Luca cereda, 28/10/2011
Vedi anche
Logo MotorBox