Autore:
Emanuele Colombo

ANDROID LOW COST Display da 5 pollici HD, fotocamera da 8 Mpixel, doppia sim, collegamento 4G LTE, chip quad core con 2 GB di RAM e 16 GB espandibili con Micro SD: la scheda del Mediacom PhonePad Duo B500 è di tutto rispetto e certo merita i 139 euro del prezzo di listino. La dote principale di questo smartphone Android low cost è però la batteria sostituibile da 5000 mAh, che dovrebbe garantirmi un'autonomia quasi doppia rispetto al mio fido Nexus 5X. Sarà vero? Per scoprirlo lo metto alla prova.

LA PROVA DEL NOVE Una domenica accendo il Mediacom PhonePad Duo B500, lo preparo per l'uso con i miei account e quant'altro, poi lo metto sotto carica e vado a dormire. Il lunedì mattina comincia una vera e propria gara di endurance che mi porterà a Misano per la prova delle Peugeot Gti e proseguirà nei miei normali spostamenti da giornalista: con solo il Mediacom a collegarmi con il resto del mondo.

TOUR DE FORCE Nel corso della settimana ho totalizzato circa 3 ore di telefonate, scattato le foto del servizio Peugeot che, un po' ritoccate nella luce e nei colori, potete vedere nel servizio sulla 208 Gti by Peugeot Sport (quelle dove non mi si vede alla guida). E poi ho aggiornato 9 app, ho mantenuto contatto con tutti i miei canali social e all'email collegandomi a diversi wi-fi.

INESORABILE Il risultato? Dall'accensione del telefonino alle 8,30 di lunedì, la batteria è andata in riserva solo alle 14,30 di giovedì pomeriggio: l'ora in cui mi appariva l'allarme di carica residua al 15% dopo 78 ore di funzionamento ininterrotto. Sembra di essere tornati ai tempi dei primi Nokia!

PICCOLE PECCHE Il Mediacom PhonePad Duo B500 mi ha insomma convinto per l'autonomia e per la dotazione tecnica, che tra l'altro lo rende veloce e reattivo con tutte le app più popolari. Qualche perplessità me l'ha creata l'integrazione tra il telefonino in sé e Android, che sul PhonePad ruota automaticamente la visualizzazione dello schermo in qualunque menu se inclino il telefono. Le notifiche sul display, poi, a telefono è bloccato rendono difficili da leggere i numeri per lo sblocco tramite PIN: risolverebbe il lettore di impronte digitali, diffuso sugli smartphone più prestigiosi, ma questo PhonePad ne è privo.

IL VERDETTO Con la tastiera virtuale, aggiungo, ho fatto più errori del solito e la fotocamera, pur discreta, non ha un obiettivo molto luminoso e la nitidezza degli scatti non è impeccabile. Considerando il prezzo, però, il Mediacom PhonePad Duo B500 mi sembra comunque un ottimo affare, tanto più che online si trova a prezzi ancora più bassi rispetto al listino ufficiale.


TAGS: prova test batteria smartphone mediacom phonepad duo b500 dual sim