Autore:
Simone Dellisanti

IL WRC PER TUTTI Siete fan del quattro volte iridato Sebastien Ogier e avete sempre desiderato di guidare la sua Polo R del Team Volkswagen Motorsport? Bene, ora potrete emulare anche voi le gesta del campione francese nel World Rally Championship (WRC), grazie al nuovo gioco WRC 6 sviluppato dal team Kylotonn Games, disponibile per PC, PS4  e XBOX ON.

SI POTEVA FARE DI PIU' In questa recensione voglio andare subito al dunque. WRC 6 è solo un lieve aggiornamento grafico del vecchio WRC 5 sviluppato da Milestone e niente di più. Purtroppo, nonostante l’anno di sviluppo, i francesi di Kylotonn non sono riusciti a tirare fuori dal cilindro il gioco che tutti noi, amanti del rally, aspettavamo.

COME SI...GUIDA Partiamo però dalle note positive, le sensazioni di guida che il gioco è riuscito a trasmettermi. WRC 6 riesce ad essere adatto sia per i puristi del genere sia per i novizi dei racing game e riesce perfettamente a mixare uno stile di guida più semplice e arcade, una volta attivati tutti gli aiuti alla guida presenti, con uno stile di guida più realistico trasmettendomi al meglio le reazioni fisiche della vettura, la trazione, il comportamento in frenata e l'inerzia, sia attraverso il pad sia sul mio volante Logitech Driving Force. Le risposte che l’auto ci invierà saranno diverse di volta in volta in base al fondo che staremo affrontando. Se percorreremo le strade asfaltate, le vie innevate o i sentieri sterrati, il comportamento dell’auto sarà sempre diverso e ci costringerà ad adattare il nostro stile di guida.

DEJA VU La struttura di gioco è rimasta essenzialmente la stessa dello scorso capitolo. Abbiamo due tipologie di gioco a disposizione. La modalità carriera, che ci farà partire dal Junior WRC dove vincendo gare con i team minori potremmo guadagnarci il diritto di entrare nel WRC2 e nel WRC, facendo il salto di categoria per accasarci in un team ufficiale e guidare vetture più competitive oppure, la modalità stagione, che ci permetterà di vivere tutte le gare ufficiali del Mondiale Rally, impersonando uno dei piloti ufficiali del campionato.

TROPPO APPROSSIMATIVA Passiamo ora alle note dolenti. La veste grafica del titolo non riesce certo a far gridare al miracolo. Come detto, WRC 6 è un semplice make up dello scorso capitolo. I modelli 3D e le texture delle vetture sono accettabili seppur non all’altezza dei titoli a cui fa concorrenza il gioco come Project Cars o Formula Uno 2016, così come i danni, ma a farmi storcere il naso è stato il lavoro approssimativo riservato al mondo di gioco che abbraccia il giocatore e che più volte ha rotto l'incanto dell'immedesimazione. L'ambiente circostante alla vettura è poco dettagliato e ricoperto da texture approssimative, inoltre, caratterizzato da cali di frame rate e tearing.

UNA GRADITA AGGIUNTA Da segnalare la presenza della modalità split-screen, ossia la modalità multiplayer in locale che permette di giocare in due sullo stesso tv o sullo stesso monitor con una porzione riservata ad ogni giocatore. Una gradita aggiunta che sicuramente aumenta la longevità del titolo. Presente anche il multiplayer classico online incentrato sulle classifiche globali e sugli eventi creati dagli utenti.  

VOTO FINALE La nuova fatica del team Kylotonn Games, WRC 6 ha dalla sua alcuni punti molto buoni, come un modello di guida molto personalizzabile e scalabile che può permettere una guida arcade o una più simulativa, ma ha anche tanti punti a suo sfavore, come la realizzazione tecnica alquanto approssimativa e la mancanza di novità rispetto al capitolo che l’ha preceduto. Un po' poco per il titolo che si fregia della licenza ufficiale del WRC. Il voto finale è un 5,5 in pagella.


TAGS: racing game Wrc 6 playseat simulazioni di guida Kylotonn Games gadget regali di natale