Autore:
Giulio Scrinzi

RICCIARDO METTE IL TURBO Aveva già mandato dei segnali incoraggianti al termine del primo giorno di prove della scorsa settimana, dei primi riferimenti che oggi si sono ulteriormente concretizzati ponendolo al vertice della classifica di giornata. Stiamo parlando di Daniel Ricciardo, che al volante della sua Red Bull RB14 è stato capace di comandare il secondo giorno della seconda tranche di test sul circuito di Barcellona. Il suo tempo? Un sensazionale 1’18’’047 su gomme Hypersoft, mentre sono stati ben 165 i giri portati a termine: un altro riscontro positivo sulla crescente affidabilità della power unit Tag Heuer by Renault dell’ultima creazione di Adrian Newey.

HAMILTON MEGLIO DI BOTTAS Dietro all’australiano si sono confermate le due Mercedes, con Lewis Hamilton davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas: il Campione del Mondo in carica ha pagato 353 millesimi dalla vetta, mentre il finlandese ha accusato poco più di mezzo secondo. Insieme, però, hanno raggiunto la quota di 172 giri sulla pista spagnola, mostrando tutta la solidità della nuova W09 EQ Power+.

VETTEL QUARTO, RAIKKONEN KO Le Ferrari, invece, hanno mostrato qualche debolezza nella giornata di oggi: soprattutto Kimi Raikkonen, chiamato a portare in pista la SF71H già in mattinata ma costretto a sventolare bandiera bianca per un’indisposizione dell’ultimo minuto. Questo ha sconvolto i piani della Scuderia di Maranello, i cui colori sono stati tenuti alti da un Sebastian Vettel capace di arpionare il quarto tempo su gomme Soft a banda gialla. Il finlandese, invece, è tornato tra i cordoli nel pomeriggio, ma ha preferito concentrarsi su lavori di durata.

McLAREN ANCORA IN DIFFICOLTÀ Quinto tempo per la Toro Rosso oggi affidata a Brendon Hartley, bravo a precedere un Fernando Alonso che ha arpionato in extremis la sesta prestazione di giornata. Lo spagnolo, infatti, ha dovuto parcheggiare la sua McLaren nel corso del suo 48esimo passaggio a causa di una perdita d’olio da parte della power unit Renault. Questo ha obbligato i tecnici di Woking a sostituire l’intero V6 turbo-ibrido con un’unità nuova, arrivata solamente alla fine della sessione odierna. Settimo tempo per la Renault di Sainz davanti alla HAAS di Grosjean, mentre la Williams di Stroll ha completato la top ten. Fuori dai primi dieci la Force India e anche la Sauber, con Leclerc autore di un’uscita di pista dopo aver inanellato ben 160 giri con la sua nuova C37.

CLASSIFICA DI GIORNATA Qua di seguito la classifica del secondo giorno di prove sul circuito di Barcellona.

PILOTA TEAM TEMPO GAP GIRI
1. Daniel Ricciardo Red Bull Racing 1'18''047   165
2. Lewis Hamilton Mercedes 1'18''400 +0.353 90
3. Valtteri Bottas Mercedes 1'18''560 +0.513 85
4. Sebastian Vettel Ferrari 1'19''541 +1.494 66
5. Brendon Hartley Toro Rosso 1'19''823 +1.776 119
6. Fernando Alonso McLaren 1'19''856 +1.809 57
7. Carlos Sainz Jr Renault 1'20''042 +1.995 88
8. Romain Grosjean HAAS 1'20''237 +2.190 78
9. Kimi Raikkonen Ferrari 1'20''242 +2.195 49
10. Lance Stroll Williams 1'20''349 +2.302 63
11. Nico Hulkenberg Renault 1'20''758 +2.711 102
12. Esteban Ocon Force India 1'20''805 +2.758 130
13. Charles Leclerc Sauber 1'20''919 +2.872 160
14. Sergey Sirotkin Williams 1'22''350 +4.303 80

 


TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen valtteri bottas lewis hamilton f1 daniel ricciardo f1 2018 formula 1 2018 test f1 test formula 1 test f1 2018 test f1 2018 barcellona test f1 2018 barcellona 2 test f1 2018 barcellona 2 day 2