Autore:
Giulio Scrinzi

ASFALTO NUOVO Il nuovo asfalto del circuito di Jerez de la Frontera è stato una sorpresa per tutti i piloti del Mondiale Superbike e in particolare per i due titolari del team Aruba.it Racing Ducati. Nelle prove libere del venerdì, infatti, Marco Melandri e Chaz Davies hanno dovuto adattarsi alle nuove condizioni, valutando l'usura degli pneumatici per poi tentare l'assalto al tempo. I loro risultati? “Macho” ha centrato il quinto crono, mentre il gallese solamente il decimo riferimento, a causa di una caduta al tornantino finale quanto stava spingendo oltre il suo limite per insidiare la prima posizione di Jonathan Rea.

MARCO MELANDRIQuesto è stato uno dei miei venerdì migliori, nonostante alcuni problemi tecnici che ci hanno rallentato. In ogni caso il nuovo asfalto aiuta molto perchè non presenta le sconnessioni che c'erano in precedenza, ma allo stesso tempo è critico da interpretare perchè il grip sembra cambiare da un giro all'altro. Non sarà facile riuscire ad essere costanti sulla distanza di gara: sarà importante centrare un buon risultato in Superpole per partire davanti”.

CHAZ DAVIESNelle FP1 abbiamo lavorato per adattarci al nuovo asfalto, mentre nelle successive FP2 siamo usciti con gomme usate per verificare un paio di modifiche al setup. Purtroppo abbiamo pagato un problema tecnico che è culminato con una caduta all'ultimo tornantino. Sto bene, ho preso solo qualche botta e non è niente di serio. Ci rifaremo domani”.


TAGS: ducati superbike sbk marco melandri chaz davies Aruba.it Racing Ducati superbike 2017 sbk 2017 sbk jerez 2017 superbike jerez 2017