MotoGP 2018, Rossi fissa gli obiettivi: "Voglio il secondo posto di Dovizioso"
MotoGP 2018

Rossi fissa gli obiettivi: "Voglio il secondo posto di Dovizioso"


Avatar Redazionale , il 25/10/18

2 anni fa - Nella conferenza di Phillip Island i protagonisti sono stati Rossi e Marquez

In una conferenza stampa di Phillip Island avara di top rider, i protagonisti sono stati Valentino Rossi e Marc Marquez

Benvenuto nello Speciale MOTOGP AUSTRALIA 2018, composto da 6 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP AUSTRALIA 2018 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

CHI SARÀ VICECAMPIONE? Con la battaglia per il campionato archiviata domenica scorsa a Motegi con il settimo titolo di Marc Marquez (quinto nella classe regina), la MotoGP è in cerca di temi per questo finale di campionato e Valentino Rossi ne fornisce uno di sicuro interesse non appena giunto a Phillip Island, dove questo fine settimana andrà in scena il Gran Premio d'Australia: la battaglia per il secondo posto. Andrea Dovizioso, con la caduta di domenica scorsa, ha perso punti importanti nei riguardi dello stesso Rossi, che è terzo e insegue a nove lunghezze di distacco dal forlivese.

PISTA UNICA A dare fiducia a Rossi sono, più che le prestazioni recenti della Yamaha, quasi mai all'altezza della Ducati nelle ultime gare, le indicazioni giunte dal Gran Premio dello scorso anno e la particolare conformazione del tracciato di Phillip Island. Quelle curve in percorrenza e quei cambi di direzione che nel 2017 hanno messo alle corde la Ducati di Dovizioso e ridotto al lumicino le sue possibilità iridate. "Questo è uno dei tracciati migliori della stagione, ma sarà importante il meteo" - ha esordito Valentino: "Il tracciato è molto fisico, ci sono tanti saliscendi e bisogna essere veloce in curve e nei cambi di direzione, è una pista particolare."

VEDI ANCHE



DOVI NEL MIRINO "Lo scorso anno entrambe le Yamaha sono andate bene qui, salendo sul podio: bisogna gestire al meglio gomme e temperature, speriamo di essere competitivi" - ha continuato Rossi in conferenza - "Il mio obiettivo  cercare di riprendermi il secondo posto del mondiale che ora è di Dovizioso. Sarebbe importantissimo, ma conterebbe soprattutto essere tra i primi tre alla fine della stagione. Ci proviamo ed è un obiettivo utile anche per tenere alta la concentrazione fino alla fine."

VALE & MARC In una conferenza avara di big, con Crutchlow, Bautista, Rins e il padrone di casa Miller a far compagnia a Rossi e Marquez, l'italiano è stato il più cercato dai giornalisti, che gli hanno chiesto anche un commento sul settimo titolo dell'acerrimo rivale. "La cosa fondamentale è che lui va forte ovunque, è questa la chiave." - ha concluso Valentino - "A volte su qualche pista c'è qualcuno che va come lui e può provare a batterlo impensierirlo, ma nessuno lo fa ovunque come lo fa lui."

SULLA CRESTA DELL'HONDA Dal canto suo lo spagnolo, con la serenità di chi può godersi le ultime tre gare senza troppi patemi (sì, ci sono ancora il titolo costruttori e quello team da conquistare, ma appare quasi una formalità), ha svelato di essere vulnerabile in alcuni campi "...tipo il ping pong! L'altro giorno prima della gara ho giocato con i miei meccanici, e mi hanno battuto tutti!". E alla domanda se con quei meccanici Marc ha intenzione di passarci tutta la carriera, o se andrà in cerca di nuovi stimoli altrove, la risposta è stata: "Ne possiamo parlare, non ho nessun problema a restare. Mi sento a casa con la Honda e sono un tutt'uno con la moto, siamo in uno dei migliori reciproci momenti, quando tutto va bene è sempre meglio continuare sulla stessa strada."

GLI OUTSIDER Il resto dei presenti non è stato molto incisivo nelle dichiarazioni, con un Alvaro Bautista che prima di salutare per la Superbike prenderà questo weekend il posto dell'infortunato Jorge Lorenzo nel team ufficiale Ducati, un Cal Crutchlow e un Jack Miller che qui puntano a stupire, e un Alex Rins che vuole proseguire il percorso di crescita intrapreso questa stagione con la Suzuki: "Possiamo fare bene anche qui in Australia" - ha dichiarato lo spagnolo - "Voglio dare battaglia a Valentino Rossi per il secondo posto" - ha spiegato lo spagnolo, visto che "secondo" è stato il pronostico di Valentino per la griglia. E poi domenica si vedrà, Marquez permettendo.


Pubblicato da Simone Valtieri, 25/10/2018
Gallery
motogp australia 2018
Logo MotorBox