Pubblicato il 29/06/21

IL MERCATO SI RIANIMA La situazione della griglia di partenza MotoGP 2022 sembrava piuttosto chiara fino alla vigilia dello scorso weekend, poi nella serata di sabato hanno iniziato a girare voci iberiche circa un possibile e clamoroso passaggio di Maverick Vinales all'Aprilia, lasciando la Yamaha dopo 5 anni e tanti alti e bassi. Nel weekend i diretti interessati (Vinales, Aprilia per mezzo di Massimo Rivola e Yamaha con Lin Jarvis) non hanno né confermato né smentito. Lunedì la notizia bomba: Maverick e la Yamaha si separano ufficialmente. Il posto liberato dallo spagnolo in Yamaha mette in moto tutta una serie di meccanismi che ridisegnano l'assegnazione delle cinque (e non più quattro) selle ancora scoperte per la prossima stagione. 

MotoGP Olanda 2021, Assen: Maverick Vinales (Yamaha)

PRIMA... Prima del divorzio Vinales-Yamaha - che comunque avverrà solo a fine anno - restavano da capire fondamentalmente tre cose: se Rossi avesse scelto di continuare, chi sarebbe stato il secondo pilota dell'Aprilia e chi il secondo della KTM Tech3, mentre era in attesa di conferma il secondo sedile in Ducati del neonato team VR46, probabile appannaggio di Marco Bezzecchi in salita dalla Moto2. Gli arabi di Aramco, però, che sponsorizzeranno il team di Valentino, vorrebbero un pilota di punta per il ''loro'' team, e non che fosse semplicemente un punto d'approdo per i ragazzi dell'accademia rossiana. Da qui le parole del principe saudita (Aramco è compagnia di stato dell'Arabia) che invitava Valentino Rossi stesso a proseguire la sua carriera e fare un ultimo anno al fianco del fratello con la Ducati.

Andrea Dovizioso nel test con l'Aprilia a Jerez

...E DOPO Dopo la notizia di ieri, invece, cambiano le carte in tavola perché la Yamaha si troverà a dover scegliere due piloti e a decidere se a rimpiazzare Maverick nel team ufficiale sarà, come sembrerebbe naturale e scontato pensare, l'ottimo Franco Morbidelli. Nel mirino della casa di Iwata c'è anche il giovanissimo spagnolo Raul Fernandez, che sta sbalordendo in Moto2 ma che è in orbita KTM, correndo per il team Ajo. ''Se Morbido dovesse finire nel team ufficiale'', ci sarebbe da ridisegnare completamente la lineup del team Petronas (dove Morbidelli potrebbe anche restare ma con una moto ufficiale). Rimangono comunque due nomi all'appello, e se Yamaha dovesse riuscire a strappare alla casa austriaca  il talentino Fernandez - il cui sbocco naturale sarebbe in Tech3 al posto di Petrucci e al fianco del suo compagno attuale Remy Gardner - Iwata potrebbe pescare a piene mani in Superbike, dove sia l'americano Garrett Gerloff - visto in azione lo scorso weekend ad Assen al posto dell'infortunato Morbidelli - sia il turco Toprak Razgatlioglu, sarebbero all'altezza del ruolo.

FUTURO ITALIANO E Maverick che fine farà? La sensazione è che per lasciare così un team a metà stagione, un mezzo accordo con qualcuno già lo si abbia, e per questo l'ipotesi Aprilia, lanciata dai media spagnoli sabato sera, prende quota. D'altra parte nei giorni scorsi si è parlato spesso dei dubbi di Andrea Dovizioso - che per la casa di Noale era la prima opzione, ma che non prendendo una decisione repentina potrebbe spingere Aprilia a guardare altrova - e del fatto che il pilota di Forlimpopoli potrebbe invece rivestire per la casa italiana il ruolo di tester di lusso, un po' quello che ha fatto Pedrosa per KTM: zero stress, tanto divertimento in sella, una situazione che potrebbe andare a genio al pilota italiano. Ma per Maverick non c'è soltanto la pista Aprilia, perché se non potrà avere Rossi in sella, il principe saudita potrebbe ripiegare su Vinales, che con la Ducati andrebbe a formare una coppia esplosiva.

Moto2 Catalunya 2021, Montmelò: Raul Fernandez e Remy Gardner (Team KTM Ajo)

QUI AUSTRIA Anche la KTM ha una moto ancora libera, ma che vi possa approdare Vinales sembra, al momento, improbabile. Il piano A della casa di Mattighofen è quello di portare in MotoGP il giovane Fernandez e di ricomporre la coppia del team Ajo anche nella classe regina, ma se Raiul dovesse essere precettato dalla Yamaha, è possibile che venga confermato uno tra Iker Lecuona e Danilo Petrucci, con il pilota italiano che si era anch'esso offerto ad Aprilia nei giorni scorsi. Come finirà dunque? Lo scenario più probabile al momento è il duo iberico Aleix-Espargarò-Vinales in Aprilia e il duo Gardner-Fernandez in KTM Tech3. Ma i punti interrogativi restano, soprattutto sul secondo pilota del team VR46 (Bezzecchi, Rossi, Vinales...) e sulla composizione dei due team Yamaha (Quartararo con Morbidelli o Fernandez nel team ufficiale? Rossi resterà? Arriveranno Gerloff o Razgatlioglu dalla Superbike?). Insomma, c'è tantissima carne al fuoco, e le cinque settimane senza GP, che torneranno l'8 e il 15 agosto sulla pista del Red Bull Ring, potrebbero essere foriere di chiarimenti e di interessanti annunci.

MotoGP Olanda 2021, Assen: Garrett Gerloff (Yamaha Petronas)

La griglia di partenza 2022

  • Aprilia Racing: Aleix Espargarò, TBA
  • Ducati Lenovo Team: Pecco Bagnaia, Jack Miller
  • Yamaha Monster Energy: Fabio Quartararo, TBA
  • Red Bull KTM Racing: Miguel Oliveira, Brad Binder
  • Honda Repsol Team: Marc Marquez, Pol Espargarò
  • Suzuki Ecstar: Joan Mir, Alex Rins
  • Aramco VR46 Ducati: Luca Marini, TBA
  • Gresini Racing Ducati: Enea Bastianini, Fabio Di Giannantonio
  • LCR Racing Honda: Taka Nakagami, Alex Marquez
  • SRT Petronas Yamaha: Franco Morbidelli (?), TBA
  • Pramac Racing Ducati: Johann Zarco, Jorge Martin
  • Red Bull KTM Tech 3: Remy Gardner, TBA

TAGS: yamaha aprilia ducati ktm valentino rossi petronas andrea dovizioso danilo petrucci maverick vinales Toprak Razgatlioglu vr46 mercato motogp marco bezzecchi Garrett Gerloff Raul Fernandez MotoGP 2022