Ducati Monster 950: vale la pena? Prova, pregi, difetti e prezzo
Day by Day

Ducati Monster 950 2021, vale la pena comprarlo? Per me sì. La prova


Avatar di Danilo Chissalé , il 23/08/21

4 settimane fa - Ducati Monster 950: vale la pena? Prova, pregi, difetti e prezzo

Migliorato tanto (eccezion fatta per la fedeltà alla tradizione) il nuovo Ducati Monster 950 2021 mi ha convinto. Prova, pregi e difetti

Sono poche le moto che hanno fatto discutere tanto quanto il nuovo Monster di Ducati. Eppure a me, fin dal primo momento, ha convinto. E non poco, tanto che nell’editoriale che ho scritto qualche mese fa la difendevo a spada tratta ancor prima di averla guidata. Prezzolato? Fazioso? No, amante del progresso e consapevole che se il mondo e la società si evolvono… perché non dovrebbe farlo una moto? Le conferme di essere dalla parte della ragione sono arrivate in seguito, con il primo contatto (qui il link per leggere la prova e guardare il video) e con la maxi comparativa delle naked medie, dove la moto di Borgo Panigale s’è confermata tra le migliori.

Sfida Naked medie: Ducati Monster +, 3/4 anteriore Sfida Naked medie: Ducati Monster +, 3/4 anteriore

DESIGN

Sfida Naked medie: Ducati Monster +, dettaglio del faro anteriore Sfida Naked medie: Ducati Monster +, dettaglio del faro anteriore

Emanuele, schierato tra le fila di chi vede poco Monster in questo nuovo Monster 2021, guardandolo disse: “È come se Marilin Monroe si rifacesse naso e zigomi… non sarebbe più riconoscibile, non sarebbe più un’icona!”. Condivisibile, ma io rispondo così, siamo sicuri che la bellezza inopinabile della pin up per eccellenza faccia andare in fremito i giovanotti di oggi tanto quanto lo fece con JFK e il genere maschile negli anni ‘60? La risposta probabilmente è no, e le icone non sempre fanno rima con vendite, i bilanci sono oggi più importanti degli ideali. Dunque ben vengano linee meno caratteristiche ma più moderne e poi, a dirla tutta, più la guardo e più mi convince questa Ducati Monster 2021: il frontale è decisamente più moderno, la linea a dorso di bisonte rimane e quella codina che punta all’insù è preludio al dinamismo nella guida. Quello che mi lascia di stucco è quanto sia compatta e tornita, specialmente a paragone con la moto che sostituisce… Sarà anche un po’ d’invidia la mia, lui in un anno ha “buttato giù” 18 kg con un peso di 166 kg, 188 kg in ordine di marcia, io solo qualche etto. Ducati, mi fai un piano d’alimentazione per favore?

POSIZIONE DI GUIDA

Sfida Naked medie: Ducati Monster + sul Passo del Bracco Sfida Naked medie: Ducati Monster + sul Passo del Bracco

VEDI ANCHE



Che la dieta abbia portato beneficio lo avverto anche una volta in sella, la moto si manovra da fermo con una facilità imbarazzante, è snella al cavallo – in modo tale che anche chi non spicca per altezza possa toccare con facilità il terreno – e la nuova posizione di guida ci mette “il carico”. Il salto nel ventunesimo secolo lo si percepisce specialmente sotto questo aspetto. Niente pancia distesa sul serbatoio e braccia distese a cercare il manubrio, il nuovo Monster è una naked moderna e come tale ha una posizione di guida più raccolta, con busto più eretto e minor carico sui polsi grazie anche al manubrio alla corretta distanza. Anche le ginocchia sono meno flesse grazie a pedane leggermente più basse. Tirando le somme si ha maggior controllo alle basse velocità e più confort, due vantaggi utili nella guida cittadina.

COME VA IN CITTÀ

A tal proposito: i miglioramenti più evidenti s’avvertono proprio nel traffico. La posizione in sella fa il grosso del lavoro ma un dettaglio da non sottovalutare è la frizione idraulica, unica nel segmento ad averla. Scordatevi i crampi alle mani che provocavano i vecchi Monster quando si rimaneva imbottigliati nel traffico, la nuova frizione è più leggera da azionare e prevedibile allo stacco. L’altra grande miglioria, la fluidità d’erogazione, è merito dell’elettronica e della taratura ottimale dei nuovi riding mode. Certo, un bicilindrico parallelo fronte marcia sarà sempre meno “zoppicante” di uno a L come il Testastretta 11°da 937 cc che spinger il Monster 2021, ma rispetto al passato non c’è paragone, specialmente con i riding mode Urban e Touring. Peccato che il calore sia ancora un problema nonostante non ci siano più i collettori vicino al polpaccio… ma con un cilindro proprio lì i miracoli non si possono fare. Il Monster mi colpisce anche per altri piccoli dettagli utili in città, come le frecce a disattivazione automatica (grazie alla piattaforma inerziale) che aiutano i più sbadati come il sottoscritto.

COME VA TRA LE CURVE  

Sfida Naked medie: Ducati Monster + dall'alto Sfida Naked medie: Ducati Monster + dall'alto

Ovviamente la città è solo uno degli ambienti in cui il Monster si sente a proprio agio, in realtà il suo habitat ideale sono le strade tutte curve… E non poteva essere altrimenti se “nasci” tra i leggendari Colli Bolognesi.  La dieta gli ha fatto bene, punta la corda della curva in un lampo e cambia direzione in metà del tempo e con minor impegno, diverte gli esperti e aiuta i principianti. La discesa in piega è svelta, diametralmente opposta a quella del vecchio Monster, ma nonostante ciò non si arriva “quasi nervosismo” della KTM 890 Duke. È più neutra e ispira confidenza nonostante non ci sia più tutto il carico sul davanti di prima. Quando si alza il ritmo, e il motore invita a farlo, emerge il lato debole del nuovo Monster: il comparto sospensioni. La forcella non regolabile obbliga ad una soluzione di compromesso tra confort e sportività e quando s’inizia ad attaccarsi ai freni il beccheggio è percepibile. Anche il mono ammortizzatore non è esente da critiche dato che fatica a digerire le asperità più secche anche a causa dell’assenza del leveraggio progressivo. Divertirsi col Monster ora è possibile dunque, sia affrontando un misto veloce in cerca di sensazioni da pilota, sia nello stretto con qualche accenno di monoruota in uscita di curva. Coinvolgimento, proprio quel che serve per far breccia nel cuore dei giovani motociclisti.

IL MOTORE

Sfida Naked medie: Ducati Monster +, dettaglio del motore Sfida Naked medie: Ducati Monster +, dettaglio del motore

Il motore è ancora protagonista, e non poteva essere altrimenti dato che il motto della Casa di Borgo Panigale è “Engine is the king”. Detto dell’ottimo lavoro nella taratura delle mappe motore, del calore, e dell’ottima risposta del gas, quello che colpisce di più è il suo carattere. Offre il meglio di sé ai medi regimi, da 3 a 8.000 giri, con una spinta che smove le viscere e coinvolge, come quell’assolo di chitarra che vi mette voglia di saltare sul divano e distruggere la scopa come se fosse la Stratocaster di Kurt Cobain. Fidi “scudieri” del motore sono il cambio e l’elettronica, due veri punti di forza di questo Monstrer. Il primo ha un’ottima taratura, preciso e rapido negli innesti specialmente con il quickshifter, la seconda è quanto di più sofisticato e personalizzabile si possa avere in questo segmento. Buoni i consumi, 5,2 l/100 km nel nostro percorso misto, fatto di tangenziali, città e tante curve.

PREZZO

Il nuovo Ducati Monster 2021 ha un prezzo di listino di 11.290 euro, più alto rispetto ad alcuni concorrenti ma la dotazione di livello, il marchio e le finiture curatissime si fanno pagare. La moto che abbiamo utilizzato in questa prova e nella nostra sfida naked medie 2021 è la versione Plus che costa 11.590 euro che comprende nel prezzo anche il cupolino e il coprisella per il passeggero, anche se, a dirla tutta, avrei fatto cifra tonda includendo anche il puntale per completare la linea. Tre le colorazioni disponibili, Ducati Red, Aviator Grey e Dark Stealth, ma tra gli optional non mancano colorazioni alternative e moderne per dare un tocco di personalizzazione in più. Avete del budget extra da poter spendere? I terminali di scarico Termignoni li consiglio caldamente, decisamente più riusciti di quelli originali, nota stonata nel design. Lo comprerei questo nuovo Monster? Probabilmente sì, costa tanto per un “giovane” come me, ma è il primo che rompe col passato, si guida benissimo e coinvolge anche i cuori più algidi… e chi se ne frega se Merilin Monroe si rifà gli zigomi.

SCHEDA TECNICA

Scheda tecnica Ducati Monster 2021
Motore Bicilindrico Testastretta 11° Euro 5
Cilindrata 937 cc
Potenza 111 CV a 9.250 giri/min
Coppia 93 Nm a 6.250 giri/min
Peso 188 kg o.d.m
Prezzo Da 11.290 euro

ABBIGLIAMENTO

L'abbigliamento della prova L'abbigliamento della prova

Casco Givi 50.6 Sport
Giacca Alpinestars T-GP PLUS R V3 AIR
Guanti Alpinestars Copper
Jeans Hevik Nashville
Scarpe TCX Rush 2 Air


Pubblicato da Danilo Chissalè, 23/08/2021

Tags
Gallery
Listino Ducati Monster
Allestimento CV / Kw Prezzo
Monster 111 / 82 11.290 €
Monster Plus 111 / 82 11.590 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Ducati Monster visita la pagina della scheda di listino.

Scheda della Ducati Monster
Vedi anche
Logo MotorBox