Autore:
Andrea Rapelli

CIAO LUCIANO Luciano Marabese ci lasciato, dopo una lunga malattia. Nato nel 1948 a Milano, è stato un designer vulcanico, che ha messo la sua firma su moto e scooter capaci di segnare, ciascuno a suo modo, la storia delle due ruote.

PIAGGIO Da sempre appassionato di motori, nel 1976 crea una moto da speedway per bimbi, che presenta al Salone di Milano dello stesso anno. Da quell'esperienza nasce la piccola factory HRD (acronimo di Happy Red Devils) e Luciano si fa le ossa in attesa di un trampolino di lancio che non tarda ad arrivare: nel 1984, infatti, comincia a collaborare con il Gruppo Piaggio.

APRILIA, GILERA E GUZZI Comincia con Gilera: sue sono le splendide CX125, SP125, KK, KZ e MX1, senza dimenticare la Nordwest (la prima supermotard prodotta in serie) e la Gilera RC. E poi il Gilera Runner, il Nexus, il Typhoon. Nel 1989 è la volta di Piaggio: da questa felice collaborazione nascono il Piaggio Hexagon, lo Sfera, lo Skipper, lo Zip, il Quarz, la Vespa Gran Turismo. Ma Luciano collabora anche con Moto Guzzi - sue Breva, Griso, V10 Centauro, Norge - e Aprilia, firmando la Pegaso 650 e lo scooterone Atlantic.

MP3 E QUADRO Ma il vero colpo di genio, nel 1999, è la sospensione anteriore a doppia ruota sterzante e capace di seguire i movimenti trasversali del veicolo: concepita dalla Marabese Design - azienda da lui fondata - andrà ad equipaggiare, sette anni più tardi, il Piaggio Mp3. E, successivamente, anche il Quadro, marchio svizzero di proprietà dei figli di Luciano, che produce scooter a tre e quattro ruote basculanti.

I funerali di Luciano Marabese si terranno giovedì 27 ottobre alle ore 10.30 nella chiesa di San Cornelio e Cipriano di Cerro Maggiore (MI).

 


TAGS: piaggio mp3 quadro morto luciano marabese