Pneumatici:

Dunlop Qualifier II


Avatar Redazionale , il 13/03/09

12 anni fa - Cambia tutto lo sportivo stradale di Dunlop

A quattro anni dall'arrivo sul mercato del Qualifier, Dunlop rivoluziona il suo pneumatico sportivo stradale e lancia il Qualifier II. Nuovo per come è costruito (doppia mescola), per come appare (design) e per come s'interfaccia al pilota. Lo abbiamo provato in ogni condizione in una due giorni molto intensa..


COM'È
"Pacchetto". Ormai ci siamo abituati a sentire questa parola quando si parla di moto da corsa. La usano molto i piloti della MotoGP, quando parlano del mezzo che hanno a disposizione. Per loro il "pacchetto" è quell'insieme di elementi (motore, telaio, sospensioni, gomme) che miscelate alla perfezione rendono un mezzo vincente. Non basta avere un motore super se la ciclistica non sta insieme, non basta avere una moto eccellente di ciclistica se ti mancano i cavalli. Se poi hai una buona moto ma gomme pessime non sei comunque competitivo. Insomma per essere i migliori più che primeggiare in modo assoluto in qualche cosa, occorre non avere punti deboli.

PACCHETTO DI GOMMA Parlando di pneumatici, il "pacchetto" è l'insieme di caratteristiche comportamentali che compongono una gomma. I tre elementi fondamentali sono il grip assoluto, il comportamento sul bagnato e la resa chilometrica. Secondo il tipo di pneumatico che occorra realizzare gli ingegneri e i chimici sanno su quale elemento occorre spingere. Se il pneumatico di cui si parla va sulle moto da turismo occorrono soprattutto durata e ottimo comportamento sul bagnato, se è un pneumatico racing occorre soprattutto il grip sull'asciutto. Fin qui mi pare tutto abbastanza chiaro.


I PIÙ DIFFICILI
Poi ci sono i pneumatici come il Qualifier II, per cui occorre che il pacchetto sia il più completo possibile. Perché i pneumatici sportivi stradali sono quelli che alla fine devono coprire il più grande range di utilizzo. Vanno a equipaggiare moto di ogni tipo, dalla supersportiva da 180 cv alla leggera naked alla pesante e veloce sport touring.Moto che ovviamente hanno pesi, prestazioni ed esigenze molto differenti tra loro. Esigenze che queste gomme devono soddisfare al meglio senza avere dei reali punti deboli. Ecco perché pneumatici come questi devono offrire un "pacchetto" il più completo possibile: gran grip (anche in pista), ottima tenuta sul bagnato, una durata chilometrica accettabile.

4 ANNI DOPO Dunlop in questo segmento ha lanciato nel 2005 il Qualifier, un prodotto molto importante perché era il primo che segnava un cambiamento nell'approccio progettuale e costruttivo dei pneumatici stradali della Casa inglese. Il primo poi ad avere un nome proprio e a non essere caratterizzato da una fredda e anonima sigla. Al momento del suo arrivo sul mercato il Qualifier era ai vertici del segmento, ma come sempre succede nell'infinita lotta (ma quanto si può migliorare ancora?) tra i costruttori di pneumatici, ogni prodotto che arriva successivamente sul mercato (anche della concorrenza) supera il precedente. Del resto, le Case che producono pneumatici sviluppano i propri prodotti proprio partendo dalla base di quanto c'è sul mercato, con l'intenzione di superarlo. Ecco perché a 4 anni dalla nascita il Qualifier meritava una rinfrescata. Le richieste del mercato e le moto si evolvono velocemente e occorre stare al passo con i tempi.


L'EREDE
Sebbene ne abbia mantenuto il nome, il Qualifier II non va considerato una semplice evoluzione del prodotto precedente, perché è stato l'approccio costruttivo ad essere completamente differente. Per realizzare il loro nuovo prodotto sportivo stradale in Dunlop hanno utilizzato la stessa metodologia che ha portato alla realizzazione del RoadSmart, una gomma, che dati alla mano, è stata spesso giudicata la migliore del suo segmento.

BUONA OVUNQUE In pratica, si è voluto realizzare il "pacchetto" più completo. Piuttosto che cercare di spingere al massimo su uno dei componenti (chessò, il grip assoluto o la tenuta sul bagnato) i tecnici Dunlop sono andati alla ricerca di un prodotto che fosse a livello del migliore competitor in ognuna delle caratteristiche in cui questi ultimi eccellono, senza avere reali punti deboli.


TRE PUNTI FERMI
Lo sviluppo ha portato appunto al Qualifier II, nuovo per costruzione ma soprattutto per le mescole e per il disegno che lo caratterizzano. Uno dei must dei progettisti era il miglioramento della tenuta e del feeling sul bagnato, risultato ottenuto utilizzando nuove mescole e un disegno differente (sia all'anteriore sia al posteriore) con incavi più profondi e larghi nella zona centrale per drenare meglio l'acqua.



AREA A TERRA +8% Il secondo era una maggiore omogeneità nella guida
, ottenuta con profili maggiormente "accordati" tra anteriore e posteriore (migliora dell'8 % la superficie a terra alle basse inclinazioni). Il terzo, non perdere grip (anzi se possibile guadagnarlo) e allungare lievemente la vita del pneumatico, risultato ottenuto con l'arrivo della doppia mescola (con due tipi di silice differenti per ottimizzarne il riscaldamento) per il posteriore: dura in centro e morbida ai lati. Insomma, un gran lavoro che ha portato alla realizzazione di un pneumatico che a dispetto del nome è davvero una generazione avanti rispetto a chi lo ha preceduto. Ma come va questo "pacchetto" Qualifier II? È davvero un pneumatico privo di punti deboli? Lo abbiamo provato di persona a Mireval, con un test molto particolare: due giorni di test in pista, su strada e sulla pista allagata di Mireval (Centro prove Dunlop).


COME VA
In questi due giorni ci siamo immersi nel ruolo dei tester Dunlop che qui in Francia sviluppano gli pneumatici di Casa. Proprio come fanno i test rider abbiamo avuto l'opportunità di comparare sul campo i due più recenti prodotti della concorrenza (per correttezza non vi dico quali) con il nuovo Qualifier II, ovviamente stesse pressioni (stradali 2,5 ant; 2,9 post, ho verificato di persona) stesse moto, stessi assetti per avere un reale metro di confronto.

VEDI ANCHE



UNO CONTRO DUE Una prova piuttosto insolita, e rischiosa per Dunlop se vogliamo, perché magari a qualcuno potrebbe piacere più un concorrente. Ma è evidente che chi ha progettato il Qualifier II sia molto sicuro del fatto suo ("non vogliamo assolutamente sminuire la concorrenza per cui nutriamo il massimo rispetto" ha dichiarato un responsabile Dunlop, "ma solo darvi gli strumenti più adeguati per verificare il buon lavoro che abbiamo fatto").


CONFIDENZA, PRIMA DI TUTTO
La voglia di offrire quel "pacchetto" completo e competitivo su tutti i fronti ha portato alla realizzazione di un pneumatico sportivo stradale di livello eccellente e che davvero tiene fede a quel "ride with confidence" (guida con fiducia) che ormai è diventato lo slogan della Casa inglese. Proprio il feeling, la grande confidenza che il pilota riceve quando la moto è calzata con le Qualifier II, è il punto di forza delle nuove Dunlop.

BAGNATO Se sul bagnato i primi Qualifier non eccellevano, adesso (provato sul campo) sono tra i primi della classe. Il grip sulla pista allagata di Mireval (trovare qualcosa di più viscido e infido è molto difficile) è di livello eccellente e quello che piace delle Qualifier II è la capacità di comunicare moltissimo con il pilota, sia all'anteriore (davvero ottimo) sia al posteriore, che ha delle perdite di aderenza morbide e controllate. Tra i competitor c'è chi può far leggermente meglio in termini di grip assoluto, ma senza dare la stessa fiducia e la stessa sensibilità, con perdite di aderenza più secche e meno controllabili.


IN PISTA
La prova in pista non è che una conferma della bontà del "pacchetto" Qualifier II, anche in questo caso (stessa moto, stesse pressioni, stessi assetti) di uno dei due competitor mi è piaciuto moltissimo il posteriore, dell'altro invece mi ha impressionato l'anteriore. Alla fine però la Qualifier II ne esce vincente per l'equilibrio globale e l'armonia dei profili, equivalendosi nel tempo sul giro (rilevato con il GPS) al migliore dei due competitor provati, ma con, in più, il pregio di offrire un feeling maggiore sia in ingresso sia in uscita di curva. Il pneumatico anteriore enfatizza la maneggevolezza assoluta del mezzo, lo rende molto rapido anche nei cambi di direzione senza però mai sconfinare nel nervosismo, la Qualifier, inoltre, era l'unica delle tre con cui mi fidavo ad entrare forte con i freni ancora in mano.

RIGIDO QUANTO BASTA Si percepisce che la carcassa è piuttosto rigida e dà un bel sostegno in staccata, e questo trasmette tanta fiducia, però la rigidezza non va a scapito del feeling come sulla "vecchia" Qualifier (leggete qui la prova e i commenti dei possessori) che era fin troppo dura e rimandava tutte le microasperità del terreno.


GRAN TRAZIONE
Per quanto riguarda il posteriore il giudizio resta ottimo anche sull'asciutto: impossibile metterlo in difficoltà su una naked come la Street Triple, dove ti trovi a dare gas in modo scriteriato (ma non erano gomme stradali?), mentre con le 1000 la perdita (inevitabile) di aderenza al posteriore arriva in modo morbidissimo e assolutamente controllabile.

SU STRADA Su strada sono ancora il feeling e la maneggevolezza ad essere l'arma vincente della Qualifier II. La Z 1000 che ha sempre avuto una tendenza ad "appoggiarsi" un po' sul posteriore, con queste gomme guadagna fluidità e rapidità di azione anche nei cambi di direzione; la fiducia sull'avantreno è massima e l'effetto autostabilizzante dell'anteriore è eccellente, così come lo smorzamento delle asperità, nettamente migliore del precedente che certo non era campione in questo (lo scrivemmo anche ai tempi della presentazione).

CHE BEL PACCHETTO! Insomma, pare proprio che il "pacchetto" offerto da Dunlop sia vincente. E dopo averla provata possiamo sicuramente dire che Qualifier II è un ottimo prodotto, senza alcun punto debole. Logico, un dubbio può anche sorgere. Essendo nato e sviluppato a Mireval il Qualifier II qui si sente a casa propria, ma i tecnici si sono detti disponibili a ripetere la prova in qualsiasi altro posto con pneumatici acquistati da un normale rivenditore. Ci stiamo già organizzando...

Ecco le misure in cui sarà disponibile la nuova Qualifier.

ANTERIORE
130/70ZR16

120/60ZR17

120/70ZR17

POSTERIORE
160/60ZR17

170/60ZR17

180/55ZR17

190/50ZR17

190/55ZR17

200/50ZR17


Pubblicato da Stefano Cordara, 13/03/2009
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox