Autore:
Salvo Sardina

RISCATTO Un quinto posto, ottenuto da André Lotterer in Messico, negli ultimi tre ePrix della stagione 2018-2019 della Formula E. Un po’ troppo poco per Ds Techeetah, vice campione in carica e detentrice del titolo piloti con Jean-Eric Vergne, reduce però da tre “zeri” consecutivi. Ecco perché l’ePrix di Sanya, quasi il giro di boa del campionato, assume una valenza strategica per la squadra cinese. E non solo perché quello sull’inedito circuito cittadino dell’isola di Hainan – 11 curve per 2.236 km – è l’appuntamento di casa del team.

PARLA VERGNE Proprio il campione in carica è quello più voglioso di riscatto dopo le ultime sfortunate uscite: “Nell’ePrix di Hong Kong ho di nuovo avuto degli incidenti, sembra che questa stagione la sfortuna non voglia proprio saperne di prendersi una pausa. Due contatti in due giri non sono il massimo, cercheremo sicuramente di fare in modo che l’ePrix di Sanya sia positivo per noi. Adesso è il tempo di buttarsi alle spalle questo periodo nero e di centrare un bel risultato nella nostra gara di casa”.

PARLA LOTTERER Non che il compagno di squadra di Jev, André Lotterer sia particolarmente felice di come sono andate le cose a Hong Kong. Impossibile dimenticare il tamponamento di Sam Bird a due giri dalla fine, che è costato la vittoria (e la zona punti) al tedesco tre volte trionfatore a Le Mans. “L’ultima gara – ha spiegato Lotterer, comunque molto competitivo nell’ultimo ePrix – è stata una delusione, mi sono messo quell’episodio alle spalle e mi sto concentrando sulla prossima gara. Sono più desideroso che mai di portare a casa la vittoria che ancora mi manca. Farcela nella nostra gara di casa sarebbe incredibile”. Quello di Sanya è il primo ePrix di Cina (fino al 2015-2016 si correva a Pechino) a cui partecipa il team Techeetah.


TAGS: formula e eprix vergne andrè lotterer ds techeetah Formula E 2018-2019 ePrix Sanya Sanya ePrix 2019