Autore:
Simone Valtieri

SI TORNA A ZANDVOORT Come avevamo anticipato nel LIVE in corso da Barcellona del primo giorno di test in-season (clicca qui per seguirli in diretta), il Gran Premio d'Olanda torna a essere realtà. Con il massiccio aiuto di Heineken - tra gli sponsor ufficiali della Formula 1 - i bolidi torneranno a correre a Zandvoort nel 2020, a 35 anni dall'ultima apparizione sullo storico tracciato dei Paesi Bassi.

PISTA STORICA A dare l'annuncio sono stati il sito ufficiale della Formula 1 e gli organizzatori dell'evento, che vanta una storica tradizione nel mondiale, avendo organizzato ben 30 GP tra il 1952 e il 1985. Su questa pista hanno trionfato campioni del calibro di Jim Clark (4 volte), Jackie Stewart (3), Niki Lauda (3), Alberto Ascari (2), Jack Brabham (2), James Hunt (2), Alain Prost (2) Juan Manuel Fangio (1), Stirling Moss (1), Graham Hill (1), Jochen Rindt (1) e Jacky Ickx (1), con 8 affermazioni della Ferrari, 6 della Lotus e 3 della McLaren.

EFFETTO VERSTAPPEN Il rientro della gara olandese in calendario si deve, per forza di cose, anche all'enorme interesse suscitato negli ultimi anni in patria dai progressi del giovane Max Verstappen, già tra le stelle della Formula 1 di oggi. La pista di Zandvoort ha già ospitato negli ultimi anni alcuni eventi Red Bull con la presenza dello stesso pilota, che dunque ha già provato le 13 curve dell'impegnativo tracciato olandese lungo 4.307 metri.

VIETNAM E OLANDA Il "Dutch Grand Prix" sarà la seconda grande novità del mondiale 2020, sebbene ancora non sia nota la sua collocazione in calendario, ed andrà ad aggiungersi al Gran Premio del Vietnam che si disputerà ad Hanoi. Zandvoort è stata alla fine la soluzione scelta per riportare a rombare le Formula 1 nel paese dei tulipani, parallelamente si era parlato nei mesi scorsi anche di gare cittadine ad Amsterdam e Rotterdam o di un GP sulla pista di Assen.


TAGS: formula 1 max verstappen f1 2020 GP Olanda 2019 Dutch Grand Prix Dutch Grand Prix 2020 Dutch Grand Prix F1