Pubblicato il 19/07/20

RICORDI VINCENTI La stagione d'addio di Sebastian Vettel alla Red Bull, con il tedesco pronto a coronare il sogno di guidare una Ferrari, si era conclusa non senza qualche frizione tra il ragazzo di Heppenheim e la scuderia di Dietrich Mateschitz. Il tempo e il ricordo di quattro stagioni di successi iridati hanno però scemato quelle tensioni e negli anni il rapporto tra il tedesco e gli uomini guidati da Chris Horner è tornato ad essere molto buono. In un anno in cui l'attuale ferrarista partecipa al campionato già sapendo di essere stato appiedato, questo rapporto ritrovato può dare ovviamente adito alle voci di mercato che dipingono come probabile la ricreazione di quel binomio vincente.

INCONTRI ALLA LUCE DEL SOLE Su Vettel e la Red Bull in queste settimane abbiamo già sentito e riportate un'altalena di voci: Mateschitz che rivuole il figliol prodigo, Horner e Marko che replicano dicendo che non c'è posto per Seb, Albon che può contare sul sostegno della famiglia thailandese Yoovidhya... Il diretto interessato ha ribadito più volte che non c'è nulla di concreto al momento, ma in un contesto del genere ogni spunto può diventare un indizio. Quindi non è sfuggito come Vettel e i vertici del team Red Bull si intrattengano più volte nel paddock, senza preoccuparsi di poter essere ripresi. La nonchalance è tale che in Austria la Ferrari ha ricevuto un richiamo dalla FIA per il comportamento del suo pilota. Oggetto della reprimenda l'infrazione delle severe norme anti Covid-19 in vigore nel Circus: Vettel stava parlando con persone non appartenenti alla sua bolla di sicurezza, ossia del suo gruppo di lavoro, e perdipiù senza indossare la mascherina.

LA GIACCA ANONIMA Forse Horner, Marko e Vettel si stanno solo divertendo a inscenare questi siparietti per alimentare le voci di mercato e le fantasie dei tifosi. L'ultimo esempio arriva dall'Hungaroring: i tre si sono fermati a discutere circondati dalle telecamere, in modo che ciò che si dicevano potesse venire captato (vedi foto copertina). Il team principal della Red Bull, indicando la giacca del tedesco priva del nome del pilota, ha osservato: ''Ti hanno persino tolto il nome adesso?''. E, dopo la conferma da parte di Vettel, ha aggiunto: ''È un po' duro!''. Il tutto col sorriso sulla bocca, ma non è detto che in Ferrari apprezzino altrettanto queste scene. La stagione da separato in casa di Seb è ancora molto lunga...


TAGS: red bull vettel f1