Pubblicato il 13/05/20

EFFETTO DOMINO Era inevitabile: la conferma della separazione tra la Ferrari e Sebastian Vettel scatena conseguenze inattese sul mercato piloti. Un effetto domino che coinvolge, a cascata, molte scuderie sullo schieramento di partenza del 2021. E che pone le fondamenta sull’assunto che sarebbe Carlos Sainz il sostituto del quattro volte campione del mondo al fianco di Charles Leclerc nel box del Cavallino. A tal proposito, secondo quanto riportato stamattina sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, per l’annuncio ufficiale dovrebbe essere ormai solo questione di ore, con lo spagnolo che in breve tempo ha vinto la concorrenza rappresentata principalmente da Daniel Ricciardo (qui la nostra analisi dei pro e dei contro di tutti i profili considerati per la sostituzione di Seb).

F1 GP Brasile 2019, Interlagos: Carlos Sainz (McLaren) festeggia sul podio il terzo posto

DANIEL VS CARLOS Erano stati protagonisti di una delle puntate della serie tv Netflix “Drive to Survive”, Ricciardo e Sainz. La loro rivalità in pista – esaltata più per scopi televisivi che non davvero avvertita nel corso del campionato – si è tramutata in duello di mercato per il sedile più ambito. Ma Carlito, che “costa” meno e potrebbe essere maggiormente disposto ad accettare un ruolo di supporto a capitan Charles, non ci ha messo molto a farsi preferire all’avversario italo-australiano. Forte dell’ottima stagione 2019 che lo ha visto trionfare su tutti i piloti del pacchetto di mischia vincendo il titolo della “Formula 1-B”, Sainz può coniugare esperienza e affidabilità con velocità e talento senza però essere (almeno sulla carta) troppo ingombrante per un Leclerc sempre più leader della Ferrari che sarà.

F1 GP Australia 2020, Melbourne: Daniel Ricciardo (Renault)

RICCIARDO VERSO WOKING Dal canto suo, Daniel comunque non resterebbe a guardare da lontano il terremoto di sedili. E, anzi, dovrebbe essere a sua volta interessato dall’effetto domino che l’affaire Vettel ha scatenato sul mercato piloti. Deluso dalle prestazioni della Renault e, si dice, sempre meno convinto del progetto a medio-lungo termine della Losanga, Ricciardo sarebbe prossimo ad accasarsi in McLaren per far coppia con Lando Norris. Il matrimonio che era saltato nell’estate 2018, quando “Big Smile” si era invece convinto delle buone prospettive della Renault, potrebbe dunque concretizzarsi a sorpresa. Sempre secondo la Rosea, Daniel non manterrà l’ingaggio da top driver al momento percepito a Enstone, ma ridurrà le proprie pretese in favore di un progetto tecnico cresciuto con l’arrivo del team principal Andreas Siedl e che promette di essere sempre più ambizioso grazie al ritorno dei motori Mercedes nel 2021.

F1, GP Brasile 2019: Sebastian Vettel (Ferrari)

E VETTEL? Impossibile non toccare la questione del futuro di Vettel, per il quale si parla di Renault – ipotesi più probabile anche sul piano economico – ma anche comunque di McLaren con un piccolissimo spiraglio Mercedes aperto ieri (anche se le dichiarazioni sembrano solo di circostanza) dal team principal Toto Wolff. Per un’analisi più puntuale del ventaglio delle ipotesi sul futuro del tedesco, che tra l’altro potrebbe anche scegliere di fermarsi, definitivamente o solo per un anno sabbatico, vi rimandiamo allo specifico approfondimento del nostro Luca Manacorda.


TAGS: renault ferrari formula 1 mclaren sebastian vettel Carlos Sainz f1 daniel ricciardo mercato piloti