Pubblicato il 10/11/20

PRIMA BOZZA Dopo settimane di indiscrezioni e speculazioni, finalmente la Formula 1 – in evidente ritardo rispetto alla solita tabella di marcia, ma è un ritardo giustificato dalla difficile situazione pandemica che gli organizzatori si sono trovati a dover fronteggiare in quest’annata oggettivamente complessa – ha pubblicato una prima bozza ufficiosa del calendario 2021. Una bozza che prevede ben 23 gare ma che lascia comunque lo spazio per possibili cambiamenti in corsa. Si partirà, sempre che le normative anti-contagio lo consentano, il 21 marzo con il Gp d’Australia, per concludere la stagione il 5 dicembre nella consueta cornice notturna di Abu Dhabi. Ma vediamo nel dettaglio le scelte di Liberty Media.

F1: il circuito dell'Albert Park di Melbourne, attuale sede del GP Australia

23 GARE Sarà un via sprint, considerando che il mondiale di Formula 1 inizierà una settimana dopo rispetto alla data originariamente prevista nel 2020, prima che il mondo si trovasse dinanzi alla imprevista variabile virus. Dopo Melbourne – intanto la Superbike ha comunque rinviato la tappa inaugurale di Phillip Island – si volerà in Bahrain per il primo back-to-back della stagione. La Cina tornerà in calendario dopo essere stata la prima a saltare formalmente in questo campionato, seguita due settimane dopo dal primo appuntamento incerto della stagione: il 25 aprile, data che si pensava assegnata d’ufficio al Gp del Vietnam, è contrassegnata con un “To Be Confirmed” che lascia dubbi sulla possibilità di vedere le monoposto sfrecciare sul nuovo circuito di Hanoi già nel 2021. Asterischi anche in corrispondenza delle tappe di Barcellona (9 maggio) e Interlagos (14 novembre), entrambe ancora in attesa di siglare il rinnovo del contratto con la F1.

Zandvoort, i lavori al banking della curva 14

NIENTE NOVITÀ Non c’è invece spazio, almeno per il momento e al contrario di quanto sperassero tifosi e piloti, per nessuno dei circuiti – nei giorni scorsi avevamo parlato della chance di vedere Imola e Portimao, inserite provvisoriamente nel sito ufficiale per la vendita dei biglietti in tribuna – utilizzati quest’anno per fronteggiare l’emergenza. Niente Mugello né Nurburgring, Turchia, Portogallo o Emilia Romagna, ammesso che uno di questi Gp non venga recuperato al posto degli asterischi di cui sopra. Al contrario di quanto accaduto con Hanoi, è confermato invece l’ingresso del Gp d’Olanda nella rinnovata cornice di Zandvoort, che però si sposta dallo slot primaverile a quello di fine estate: la gara nei pressi di Amsterdam si disputerà in mezzo ai classici appuntamenti di Spa e Monza per costituire un inedito triple header di Gp consecutivi per la ripartenza dopo le consuete tre settimane di sosta estiva. Il 28 novembre, poi, il già annunciato debutto del circus sul tracciato cittadino di Gedda, in Arabia Saudita.

FORMULA 1, IL CALENDARIO PROVVISORIO DEL MONDIALE 2021

Data Evento Sede
21/03 GP Australia Melbourne
28/03 GP Bahrain Sakhir
11/04 GP Cina  Shanghai
25/04 Da confermare Da confermare
09/05 GP Spagna Barcellona
23/05 GP Monaco Montecarlo
06/06 GP Azerbaijan Baku
13/06 GP Canada Montreal
27/06 GP Francia Le Castellet
04/07 GP Austria Spielberg
18/07 GP Gran Bretagna Silverstone
01/08 GP Ungheria Budapest
29/08 GP Belgio Spa
05/09 GP Olanda Zandvoort
12/09 GP Italia Monza
26/09 GP Russia Sochi
03/10 GP Singapore Marina Bay
10/10 GP Giappone Suzuka
24/10 GP Stati Uniti Austin
31/10 GP Messico Città del Messico
14/11 GP Brasile San Paolo
28/11 GP Arabia Saudita Gedda
25/11 GP Abu Dhabi Yas Marina

TAGS: formula 1 portimao imola melbourne f1 Zandvoort GP Arabia Saudita Calendario F1 2021 Calendario Formula 1