Pubblicato il 20/10/20

IL CALENDARIO RUBATO Il mondiale 2020 deve ancora terminare, ma inevitabilmente si parla già del calendario della stagione 2021. Nei giorni scorsi, è filtrata sul web un’ipotetica lista delle gare in programma per il prossimo campionato di Formula 1, che però ha portato a immediate smentite da parte di alcuni dei diretti interessati. Nella bozza trapelata su internet, infatti, l’apertura del campionato non sarebbe come da consuetudine a Melbourne ma in Bahrain, con la data dell’Albert Park che sarebbe rinviata a ottobre per far fronte all’emergenza CoViD-19 che stavolta (al contrario di quanto accaduto lo scorso marzo) non sta risparmiando lo stato di Vittoria.

F1 GP Australia 2020, Melbourne: il semaforo rosso destinato a rimanere tale

LA SMENTITA Nelle ore immediatamente successive all’uscita del “calendario rubato”, si sono però subito affrettate le smentite. Il primo a far sentire la propria voce è stato Andrew Westacott, uno dei capi promotori del Gp d’Australia a Melbourne che, interpellato da Nine Network, ha assicurato come la tappa “down under” sia ancora la principale candidata per l’apertura della stagione: “Melbourne continuerà a ospitare il primo appuntamento del campionato di Formula 1 nel tradizionale slot di marzo. L’evento contribuirà alla ripresa dell’industria dello sport e dei grandi eventi nello stato di Vittoria”. Allo stato attuale è, quindi, da escludere la possibilità che la tappa dell’Albert Park – un circuito cittadino che risente maggiormente delle limitazioni anti-Covid – possa slittare a ottobre.

Zandvoort, i lavori al banking della curva 14

ZANDVOORT NON CONFERMA Per una Melbourne che smentisce lo slot autunnale, c’è anche una Zandvoort che non conferma la data del 2 maggio, prevista nella bozza di calendario circolata nei giorni scorsi. “La Fom – spiega un portavoce dell’autodromo al quotidiano De Limburger – pubblicherà il calendario ufficiale a novembre. Non abbiamo altre informazioni e non sappiamo nulla del calendario che sta girando su internet”. La bozza ipotizzata nelle scorse ore da F1i, parla di una stagione a 22 appuntamenti priva delle storiche tappe in Brasile e Germania, ma con la presenza delle novità Vietnam e Olanda (già previste nel 2020 e poi saltate per via della pandemia) e anche del circuito di Jeddah, che ospiterebbe il Gp di Arabia Saudita in programma come penultimo appuntamento prima di Abu Dhabi. Esclusa, invece, la presenza dei tracciati (Mugello, Imola, Portimao, Nurburgring, Istanbul) visti in via eccezionale in questa stagione.


TAGS: formula 1 f1 f1 2021 gp australia GP Olanda Calendario F1 GP Arabia Saudita Calendario F1 2021 Bozza calendario 2021