Autore:
Antonio Albertini

CHIUSURA RIMANDATA Il GP Messico potrebbe consegnare a Lewis Hamilton il sesto titolo iridato. Il britannico deve conquistare 14 punti in più rispetto a Valtteri Bottas per assicurarsi il Mondiale Piloti con tre gare di anticipo. Uno scenario che il diretto interessato allontana, dichiarandosi molto preoccupato per la competitività della Mercedes all'Autodromo Hermanos Rodriguez, un circuito ricco di lunghi rettilinei.

F1, GP Messico 2018: Lewis Hamilton (Mercedes) in battaglia con Ferrari e Red Bull

PISTA NON AMICA "Penso che il Messico sia generalmente la nostra peggior gara dell'anno a causa del modo in cui la nostra monoposto è settata e sarà dura per noi - ha dichiarato Hamilton - Le ultime edizioni sono state piuttosto scioccanti per noi, anche se lì abbiamo vinto il titolo". Il pilota della Mercedes si riferisce in particolare alle ultime due edizioni, entrambe vinte da Max Verstappen, da lui concluse al quarto posto lo scorso anno e addirittura al nono - e doppiato - nel 2018, ma chiudendo matematicamente i discorsi per l'alloro.

SENZA SPERANZE? Hamilton torna sul leit motiv della Ferrari imbattibile sui rettilinei che tanto sta facendo discutere in queste settimane, anche se i 2285 metri di altezza del circuito messicano tendono a livellare le differenze di prestazione tra propulsori, ridando importanza al carico aerodinamico generato dal corpo vettura come dimostrano proprio gli ultimi successi Red Bull: "Spero in un fine settimana migliore, ma penso che sarà molto difficile battere le Ferrari con quei lunghi rettilinei. Non abbiamo alcuna speranza di cavarcela su quei rettilinei, questo è certo. Anche guardando gli altri, i McLaren stanno raggiungendo velocità importanti sui rettilinei, così anche le Red Bull, quindi penso che sarà una gara difficile". 

F1, GP Giappone 2019: Lewis Hamilton (Mercedes) precede Carlos Sainz (McLaren)

Con una Mercedes così in difficoltà secondo le sue previsioni, Hamilton non pensa di poter chiudere i discorsi sul titolo già questa domenica: "Non prevedo che accadrà in Messico. Penso che lotteremo per alcune gare". Dal canto suo, Bottas ha riconosciuto la difficoltà della sua situazione in ottica Mondiale, garantendo però di voler fare il possibile per giocarsi al meglio le sue residue speranze.


TAGS: honda ferrari mercedes formula 1 red bull mclaren f1 Hamilton GP messico bottas f1 2019