Autore:
Antonio Albertini

MISSION IMPOSSIBLE Recuperare 64 punti di distacco quando ce ne sono solo 104 a disposizione è decisamente un'impresa difficile, soprattutto se il pilota a cui doverli recuperare è un certo Lewis Hamilton, al volante della Mercedes W10 appena laureatasi campione del mondo Costruttori 2019. Diciamolo chiaramente: le possibilità che Valtteri Bottas possa conquistare il titolo Piloti rasentano lo zero. Nonostante questo, il finlandese vuole provare a rendere il più complicata possibile la vita al suo compagno di squadra negli ultimi quattro gran premi stagionali.

F1 GP Azerbaijan 2019, i festeggiamenti di Valtteri Bottas dopo il traguardo

ARRENDERSI MAI Bottas ammette di aver bisogno di un aiuto dalla fortuna e prende l'esito del recente GP Giappone come esempio del fatto che i risultati sorprendenti possono sempre accadere: "Non mi arrendo davvero finché c'è una teorica possibilità. Domenica è stato un buon esempio, su una pista dove è difficile superare. Inizi terzo, con due Ferrari davanti: è un caso difficile, ma vincere è possibile. Tutto è possibile, anche se sono realista nel dire che avrò bisogno di essere molto fortunato e vincere tutte le gare restanti, ma questo è un dato di fatto. Non ci penso molto a questo punto".

LEWIS IN FUGA A Suzuka, Bottas ha ottenuto la terza vittoria stagionale, dopo le due di inizio campionato che lo avevano illuso di poter essere un vero rivale per Hamilton, poi scappatogli rapidamente via in classifica generale. Il finlandese non cerca scuse per il terreno perso: "È colpa mia, soprattutto, se sono molto indietro nei punti rispetto a Lewis. È qualcosa che devo risolvere per il futuro, ma è dove siamo ora, bisogna prendere gara per gara e vedere come va".

GP Gran Bretagna 2019, Silverstone, Valtteri Bottas e Lewis Hamilton (Mercedes)

MESSICO E TITOLO? Il prossimo GP Messico, in programma all'Autodromo Hermanos Rodriguez, potrebbe già laureare Hamilton campione del mondo, nel caso in cui il britannico sarà in grado di ottenere almeno 14 punti in più di Bottas. Uno scenario possibile per chiudere il discorso iridato potrebbe essere questo: Hamilton vince con il giro più veloce in gara, mentre Bottas chiude al quarto posto. La Mercedes, essendo già certa che il titolo andrà a uno dei suoi piloti, ha già confermato per bocca di Toto Wolff che non interferirà con ordini di scuderia nel duello tra i due.


TAGS: mercedes formula 1 suzuka città del messico f1 Hamilton GP giappone GP messico messico wolff bottas f1 2019