F1/news

F1, Ferrari: le dichiarazioni di Vettel e Raikkonen dopo il GP del Brasile


Avatar di Simone  Dellisanti , il 15/11/16

4 anni fa - Ecco le dichiarazioni di Vettel e Raikkonen dopo il Gran Premio del Brasile

Vettel: non credo che il sorpasso di Verstappen sia stato al 100% corretto

Benvenuto nello Speciale F1 GP BRASILE, composto da 13 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario F1 GP BRASILE qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!
AGLI SGOCCIOLI Il ventesimo e penulimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno, saluta e ci lascia con un risultato non troppo rassicurante per la Scuderia Ferrari. Sebastian Vettel ha concluso quinto sul Circuito di Interlagos, in una corsa condizionata dalla Safety Car e dalle red flag a causa di una fitta pioggia che ha costretto la direzione gara a ben due sospensioni con bandiera rossa.
 
VETTELvsVERSTAPPEN Ancora una volta il pilota tedesco si è misurato con Verstappen, stella nascente della Red Bull uscendone, purtroppo, sconfitto. Ecco le sue parole dopo il Gran Premio: “Eravamo fianco a fianco e aveva anche parte del mio muso davanti, arrivati in curva mi ha passato. Non è stato un sorpasso difficile, ma non credo sia stato del tutto corretto. In ogni caso non vale la pena lamentarsi. In più sono stato fortunato,non credo di essere stato il solo a restare vittima dell’aquaplaning oggi, almeno non sono andato a sbattere. Alla fine credo di aver fatto una bella rimonta ed è stato difficile recuperare, ho fatto fatica a superare soprattutto Sainz. Purtroppo ho impiegato molti giri prima di iniziare a sentirmi a mio agio in macchina, ma ormai era troppo tardi”.
 
AQUAPLANING La corsa dell'altro pilota Ferrari, Kimi Raikkonen è durata soltanto diciannove giri ed è terminata al secondo regime di safety car, il pilota finlandese ha perso il controllo della sua monoposto sul rettilineo d’arrivo a causa della pioggia, urtando violentemente le barriere di protezione. Ecco le sue parole: "Le condizioni oggi non erano certo facili: la pista era molto insidiosa e, quando fai molti giri dietro la Safety Car, tutto diventa ancora più difficile. Non pioveva molto, ma c’erano diverse pozze d’acqua. Il problema più grande era l’aquaplaning e ne ho fatto le spese dove non mi aspettavo, andando in testacoda sul rettilineo. Ero quasi riuscito a recuperare la macchina, ma era un gran brutto punto per andare a sbattere”.

Pubblicato da Simone Dellisanti, 15/11/2016
Gallery
f1 gp brasile
Logo MotorBox