F1 2018, GP Russia: maggiordomo Bottas, Hamilton vince e ipoteca il mondiale
F1 2018

GP Russia: maggiordomo Bottas, Hamilton vince e ipoteca il mondiale


Avatar Redazionale , il 30/09/18

3 anni fa - Bottas cede la posizione al compagno, regalando il successo a Hamilton

Bottas cede la posizione a metà gara al compagno, regalando il successo a Hamilton che non esulta e lo ringrazia. Vettel, terzo, può solo guardare

Benvenuto nello Speciale F1 2018 GP SOCHI, composto da 7 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario F1 2018 GP SOCHI qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

VITTORIA E POLEMICHE Lewis Hamilton vince il Gran Premio di Russia, il suo trionfo numero 70 in Formula 1 e prenota il quinto titolo mondiale, portando il vantaggio sul rivale Sebastian Vettel, terzo quest'oggi, a 50 punti in classifica quando mancano appena 5 gare al termine. Due le chiavi della gara: all'inizio il duello con Seb, che lo aveva superato in undercut, sul quale riprende la posizione appena uscito dai box con una manovra perentoria. Poi la discutibile strategia Mercedes, che ha ordinato a Bottas, potenziale vincitore del GP, di far passare il compagno. Il finlandese non la prende bene, lo evidenzia via radio, quarto finisce il suo connazionale Kimi Raikkonen, davanti alle due Red Bull di Verstappen. Settimo un bravissimo Charles Leclerc con la Sauber, primo del resto del mondo, che precede Magnussen con la Haas e le due Force India di Ocon e Perez. Sul podio Lewis Hamilton fa salire Valtteri Bottas sul gradino più alto, una replica di quanto avvenne tra Schumacher e Barrichello in Austria nell'ormai lontano 2002.

CHE SCATTI CHARLES E MAX! Al via Lewis Hamilton scatta leggermente peggio di Sebastian Vettel che lo affianca ma non riesce a superarlo, complice forse la scia di Valtteri Bottas, che scatta invece in maniera perfetta e mantiene la prima posizione. Bene anche Raikkonen, che mantiene la quarta posizione, e soprattutto Charles Leclerc, che al via passa Ocon e al giro successivo supera di giustezza Magnussen prendendosi la quinta piazza. Ma il protagonista dei primi giri è Max Verstappen, che nonostante le gomme Soft (le più dure di questo weekend) scatta a meraviglia ed  è 13° dopo un giro, 11° dopo due e nella top ten al terzo giro, nono. Salutano nel frattempo la truppa dopo i primi giri le due Toro Rosso di Gasly e Hartley, entrambe out per problemi tecnici.

VEDI ANCHE



SORPASSO E CONTROSORPASSO A movimentare i primi giri il solo Verstappen, che con la Red Bull dispensa sorpassi a destra e a manca e dopo soli 8 giri è già quinto, passando nell'ordine Ocon, Magnussen e Leclerc. Il danese, settimo, è il primo nella top ten a effettuare una sosta, al 10° giro, lo seguono poi Ocon e Leclerc, e infine Perez, lasciando risalire Daniel Ricciardo in sesta posizione. Al giro 13 si ferma il leader della gara Valtteri Bottas, e cambia le Ultrasoft con le quali era partito con le Soft. Lewis Hamilton ha pista libera e inizia a tirare, così come Vettel per non perdere contatto, con un distacco che si aggira sui 2" sin dall'inizio, ma passa appena un giro e il tedesco si ferma ai box tornando in pista dietro a Bottas. Hamilton si ferma al giro successivo ma non basta, Vettel gli soffia la posizione in undercut alla staccata  della curva 2! Finito qui? No, al giro successivo Hamilton sfrutta il DRS, prova a passare Seb che lo chiude con una manovra ai limiti, ma alla lunga curva che segue non può niente per difendersi dall'arrembante britannico, che prende la scia e si butta all'interno in staccata.

AIUTO FINLANDESE In testa alla gara c'è dunque Raikkonen. Il finlandese rientra ai box solo al giro 18 e cede la leadership a Max Verstappen, che precede Bottas, Hamilton, Vettel. Kimi rientra quinto, davanti a Ricciardo. La gara potrebbe tornare a vivacizzarsi al giro 25, quando il terzetto inseguitore raggiunge il leader Max Verstappen, ma a spegnerla ci pensa la Mercedes, ordinando a Valtteri Bottas di cedere la sua posizione a Lewis Hamilton. L'avvicendamento avviene in maniera palese e Bottas inchioda per far passare il compagno, mettendosi a sua protezione davanti a Vettel. Il tedesco non riesce comunque ad attaccare le Mercedes, oggi superiore soprattutto in trazione. Hamilton si mantiene a 2"-3" da Verstappen, attendendo la sosta ai box dell'olandese che arriva solo al giro 43, dopo il pitstop del compagno Ricciardo che ne approfitta anche per cambiare il muso, danneggiato al via.

FINALE CON POLEMICA Gli ultimi 13 giri non vedono Max Verstappen protagonista, che nonostante le gomme Ultrasoft nuove non riesce a recuperare sui rivali e si accontenta del quinto posto. Davanti Hamilton, Bottas e Vettel sono vicini tra loro ma il distacco si dilata piano piano e il Gran Premio finisce, senza sussulti, in quest'ordine. Lewis Hamilton non restituisce la posizione cedutagli da Bottas e conquista 7 punti in più rispetto ai 3 che già aveva garantiti su Vettel. Ai piedi del podio terminano Raikkonen, Verstappen e Ricciardo. A punti Leclerc - bravissimo con la Sauber - Magnussen, Ocon e Perez. Dopo la bandiera a scacchi la tensione si taglia con il coltello e le facce degli uomini Mercedes non sembrano quelle di un team che ha dominato la gara.

ORDINE D'ARRIVO GP RUSSIA

Pos. Pilota Team Giri Tempo
1 Lewis Hamilton Mercedes 53 1:27:25.181
2 Valtteri Bottas Mercedes 53 +2.545s
3 Sebastian Vettel Ferrari 53 +7.487s
4 Kimi Räikkönen Ferrari 53 +16.543s
5 Max Verstappen Red Bull-TAG Heuer 53 +31.016s
6 Daniel Ricciardo Red Bull-TAG Heuer 53 +80.451s
7 Charles Leclerc Sauber-Ferrari 53 +98.390s
8 Kevin Magnussen Haas-Ferrari 52 +1 lap
9 Esteban Ocon Force India-Mercedes 52 +1 lap
10 Sergio Perez Force India-Mercedes 52 +1 lap
11 Romain Grosjean Haas-Ferrari 52 +1 lap
12 Nico Hulkenberg Renault 52 +1 lap
13 Marcus Ericsson Sauber-Ferrari 52 +1 lap
14 Fernando Alonso Mclaren-Renault 52 +1 lap
15 Lance Stroll Williams-Mercedes 52 +1 lap
16 Stoffel Vandoorne Mclaren-Renault 51 +2 laps
17 Carlos Sainz Renault 51 +2 laps
18 Sergey Sirotkin Williams-Mercedes 51 +2 laps
NC Pierre Gasly Toro Rosso-Honda 4 DNF
NC Brendon Hartley Toro Rosso-Honda 4 DNF

Pubblicato da Simone Valtieri, 30/09/2018
Gallery
f1 2018 gp sochi
Logo MotorBox