Autore:
Giulio Scrinzi

GP STORICO La prima edizione del GP di Germania risale addirittura al 1926, ma fu solo quella del 1951 che venne ritenuta valida per il Mondiale di Formula 1: all’epoca si correva sul difficile, lungo e insidioso circuito del Nurburgring Nordschleife, il quale nel 1976 fu teatro di quello spaventoso incidente accaduto a Niki Lauda, che si schiantò contro le rocce della curva Bergwerk. In seguito a questo dramma, la gara tedesca si spostò nel Tempio della Velocità di Hockenheim, che rimase sede privilegiata fino a metà degli anni 2000 nonostante il grande rinnovamento della pista del 2002 che comportò l’eliminazione dei lunghi rettilinei che la caratterizzavano.

UNA VOLTA PER CIASCUNO A partire dal 2008, però, una questione di diritti commerciali tra i club automobilistici AVD e ADAC, entrambi in difficoltà finanziarie, hanno fatto sì che a stagioni alterne il GP di Germania avrebbe preso vita prima sull’Hockenheimring e poi sul layout GP del Nurburgring. La sfida tra le due piste, alla fine, vide privilegiare la prima, la cui ultima edizione risale a due anni fa con Lewis Hamilton vincitore sulla sua Mercedes.

TRA LE FORESTE TEDESCHE Il circuito di Hockenheim è una pista situata nei pressi dell’omonima cittadina nel nord del Land Baden-Württemberg, e nel suo layout originale aveva una configurazione molto lunga ed estremamente veloce, che passava in mezzo ai boschi e alle foreste della Germania. Negli anni ‘70, però, la sua lunghezza complessiva fu ridotta a poco meno di 7 km e presentava dei lunghissimi rettilinei che gli hanno permesso di ottenere la fama di “Tempio della Velocità”. All’inizio degli anni 2000, però, i piani alti della Formula 1 ne hanno stravolto il layout, riducendolo agli attuali 4,574 km per 17 curve dal momento che i tratti boscosi non permettevano un’esposizione sufficiente di cartelli pubblicitari e perché si riteneva più efficace un GP più corto ma con un maggior numero di giri.

FATTI SALIENTI Dopo una breve pausa di un anno, quindi, il circuito di Hockenheim è pronto a tornare nel calendario iridato del Mondiale di Formula 1 2018. Quali sono i suoi fatti salienti? Il pilota più vincente è Michael Schumacher con quattro successi all’attivo, mentre il Costruttore che ha dominato la scena su questo tracciato è la Ferrari, con ben 21 vittorie in bacheca.

CARATTERISTICHE

Gran Premio di Germania
Paese Germania
Luogo Circuito di Hockenheim
Cadenza Annuale
Fondazione 1926: valevole per il mondiale dal 1951
Circuito di Hockenheim
Inaugurazione 1932
Lunghezza 4,574 km
Curve 17
Record del circuito 1'14''363 (Nico Rosberg, Mercedes, 2016)

TAGS: formula 1 f1 f1 2018 formula 1 2018 f1 2018 gp germania f1 germania 2018