Autore:
Andrea Minerva

SARDEGNA FELIX Il Rally Italia Sardegna ha ospitato, oltre all’ottavo appuntamento del Campionato Mondiale Wrc, anche la quarta e la quinta prova del Campionato Italiano Rally. La gara 1 si è svolta da giovedì fino a venerdì sera, gara 2 invece dalla giornata di sabato fino al pomeriggio di domenica. Ogni gara ha assegnato un punteggio calcolato in base ad un coefficiente di 0,75. Prima di questo rally, Citroen Italia nutriva giustamente qualche preoccupazione, dettata da motivazioni piuttosto concrete. La prima era data dalla lunga assenza di Luca Rossetti da una gara su fondo sterrato, la seconda dall’esordio della Citroen C3 R5 appunto in una gara su terra, almeno per quello che concerne il Campionato Italiano. Ma nonostante la sfida massacrante del Rally Italia Sardegna, Luca Rossetti ed Eleonora Mori si sono difesi alla grande, e non solo. I due secondi posti finali sono infatti la più palese testimonianza di un rally affrontato con grinta, determinazione e quando è servito, anche prudenza e saggezza tattica. Oltre a questo, Luca Rossetti si è tolto la grande soddisfazione di essere il primo pilota italiano nella classifica complessiva del Rally Italia Sardegna, con il 16° posto assoluto.

AD UN PASSO DAL VERTICE Al termine del Rally Italia Sardegna, Luca Rossetti guadagna una posizione nella classifica di campionato riservata ai piloti, salendo dal terzo al secondo posto. Il distacco dal primo è ora di tre punti. Anche per quello che riguarda la Classifica Costruttori, Citroen ha ridotto a soli 3,75 punti il distacco dalla prima posizione. Il risultato eccellente ottenuto dal marchio francese in terra di Sardegna è da attribuire anche alla affidabilità e alle prestazioni della Citroen C3 R5, capace di fornire un ottimo rendimento anche in condizioni tutt’altro che ottimali. Il percorso di crescita di questa vettura prosegue senza sosta, e gli ottimi riscontri pervenuti al Rally Targa Florio sono stati saldamente confermati anche in quest’ultima gara. Sono poi da evidenziare anche le buone performance degli pneumatici Pirelli, che hanno consentito a Luca Rossetti ed Eleonora Mori di mantenere un ritmo veloce e costante durante l’intera durata del Rally Italia Sardegna. Il prossimo appuntamento del Campionato Italiano Rally è il Rally di Roma Capitale in programma dal 19 al 21 luglio e valevole anche per il Campionato Europeo; in questa occasione si tornerà a correre sull’asfalto. Ora, come sempre, vi proponiamo i commenti di Luca Rossetti ed Eleonora Mori raccolti al termine del Rally Italia Sardegna.

Luca Rossetti: «Sono molto contento di questo risultato, ottenuto in una delle gare che considero tra le più impegnative dell’intero Campionato, su un tracciato completamento nuovo per me. E’ stata una gara che mi è piaciuta molto ma che è stata davvero dura, sia perché molto lunga in termini di chilometri percorsi, ma soprattutto perché il tracciato era estremamente impegnativo: in alcune Prove Speciali presentava un fondo duro ma pieno di pietre affioranti in superficie per cui l’aderenza era molto scarsa; in altri punti le sospensioni erano molto sollecitate per dossi, avvallamenti ed i continui cambiamenti di pendenza; nelle ultime Speciali invece il fondo era sabbioso e si degradava ad ogni passaggio, in particolare la Sassari-Argentiera, piena di solchi. In tutte le situazioni, pur diverse tra loro, non era per niente facile mantenere velocità elevate. Ad ogni modo siamo riusciti a trovare il giusto equilibrio e non commettere errori, mantenendo un buon ritmo di gara. Con il team tecnico di Fabrizio Fabbri abbiamo trovato il miglior set-up adatto alle caratteristiche di questo tracciato. Il feeling con la nostra C3 R5 è stato infatti molto buono sin dalle prime Speciali.». 

Eleonora Mori: «Il Rally Italia Sardegna ha rappresentato il mio debutto assoluto su terra. E devo dire che iniziare ad affrontare questo tipo di tracciato con la gara più impegnativa di tutto il Campionato, per me è stato davvero emozionante, soprattutto visto l’ottimo risultato raggiunto! Sono molto soddisfatta perché credo di essere riuscita nel mio intento di aiutare Luca ad affrontare con la massima concentrazione queste Speciali così dure, evitando le tante insidie che nascondono».

LE CLASSIFICHE CIR AL TERMINE DI GARA 2

Classifica Finale Gara 2 Rally Italia Sardegna

1. Basso – Granai (Skoda Fabia R5)

2. Rossetti – Mori (Citroën C3 R5) + 8,1

Classifica Campionato Italiano Piloti

1. Basso 49,5 punti

2. Rossetti 46,5 punti

3. Campedelli 39,75 punti

Classifica Campionato Italiano Costruttori

1. Ford 50,25 punti

2. Citroën 46,5 punti


TAGS: citroen italia citroen c3 r5 cir 2019 Rossetti rally italia sardegna 2019