Autore:
Andrea Minerva

LE PAGELLE Il Rally Italia Sardegna, oltre ad essere stato l’ottavo appuntamento del Campionato Mondiale Wrc, ha ospitato anche la quarta e la quinta prova del Campionato Italiano Rally. In sintesi i piloti della nostra Serie Tricolore, da giovedì a venerdì hanno disputato la gara1, sabato e domenica invece, gara 2. Ogni gara ha avuto un coefficiente di 0,75, con un punteggio di 11,25 punti per il vincitore di ognuna delle due gare, e gli altri a scalare fino alla decima posizione. La prima gara è stata vinta da Andrea Crugnola (Skoda Fabia R5), la seconda invece da Giandomenico Basso (Skoda Fabia R5). In entrambe le prove, Luca Rossetti (Citroen C3 R5) ha conquistato il secondo posto.

GIANDOMENICO BASSO: Che fatica gestire questo Rally Italia Sardegna. Gara 1, gara 2, e gli altri piloti italiani non iscritti al Cir comunque inseriti nella classifica e potenzialmente in grado di sottrarre punti agli equipaggi del Campionato Italiano. E, come se non bastasse, una gara tra le più difficili e toste della stagione. Giandomenico Basso ne esce comunque vincitore, dopo essersi aggiudicato gara 2 e alla fine del weekend aver conquistato il primato nella classifica di campionato. Dopo i problemi tecnici patiti in gara 1, comunque conclusa al terzo posto, gara 2 è stata un’altra storia, soprattutto nella fase finale. A quattro prove speciali dalla fine il “Giando” pagava ancora 23 secondi e mezzo a Rossetti, in quel momento leader della gara. Dopo gli ultimi quattro tratti cronometrati, Basso si ritrova invece primo con un vantaggio di 8 secondi e 1 decimo nei confronti dello stesso Rossetti, con tanto di sorpasso nella prova finale. Esperienza, talento e velocità. E’ così che il “Giando” è venuto fuori molto bene da quello che molto probabilmente è stato l’impegno più probante di tutto il campionato. VOTO: 8.5

LUCA ROSSETTI: Un esempio per chiunque nutrisse ambizioni di vincere il Campionato Italiano Rally. Perché il “Rocs” sbaglia niente, in Sardegna non forza mai oltre il dovuto, e si ritrova in tasca due secondi posti che valgono oro. Non va sottovalutato, che Rossetti non correva una gara su sterrato da diversi anni, e le prove attuali del Rally Italia Sardegna non le aveva mai nemmeno viste. Oltre a questo, anche la Citroen C3 R5 si è presentata nella soleggiata Alghero come “rookie” assoluta delle gare su terra, almeno per quanto riguarda il Campionato Italiano. Insomma, di elementi per essere abbastanza preoccupati dalle parti del Double Chevron ce n’erano eccome, ma Luca Rossetti ed Eleonora Mori escono da questo weekend di gara a testa alta e aspetto ancora più importante, con il secondo posto assoluto nella classifica di campionato, a tre punti dal leader Basso. Ah, per chi non lo avesse notato, Rossetti, senza tenere presente la suddivisione tra gara 1 e gara 2, è stato il miglior pilota del campionato italiano al Rally Italia Sardegna, con il 16° posto assoluto. VOTO: 7.5

ANDREA CRUGNOLA: Viaggia forte Andrea, tanto. La sua gara 1 è davvero spettacolare, molto consistente e giustamente premiata da una bella vittoria. Ma i festeggiamenti al team Hk racing durano poco: gara 2 è un calvarioDa subito ci si mette un problema serio al tubo dei freni, e nel corso delle prove successive ulteriori inconvenienti meccanici rovinano definitivamente questa seconda gara di Crugnola. La parte finale del Rally Italia Sardegna si trasforma per Andrea in una sorta di lungo trasferimento, per evitare ulteriori guai. In classifica, il distacco attuale da Giandomenico Basso è abbastanza preoccupante, 19,25 punti, anche se bisogna ricordare che Crugnola ha già scartato un risultato, mentre chi lo precede ancora nemmeno uno; ogni pilota iscritto al Cir è obbligato a scartare i due peggiori risultati della stagione. VOTO: 6.5

SIMONE CAMPEDELLI: Era il più atteso, e in effetti parte fortissimo, stimolato non solo dalla sfida per il Campionato Italiano ma anche dal confronto con i colleghi del “mondiale”. Le cose sembrano andare molto bene, ma il patatrac alla fine della gara 1 del Cir segnerà, in negativo, tutto il weekend di Simone Campedelli e Tania Canton. L’uscita di strada, in questo caso, pare imputabile alla rottura dell’idroguida. Da qui in avanti il Rally Italia Sardegna diventa una sorta di calvario per l’ex leader della classifica di campionato. C’è amarezza, delusione, e la sensazione palpabile di aver gettato al vento una grossa occasione. Ovviamente il campionato è a dir poco aperto, e in più, probabilmente a partire dal Rally del Friuli, lo stesso Campedelli avrà a disposizione la nuova Ford Fiesta R5 di M-Sport, di cui si dice un gran bene. Ma nel frattempo, le cose in Sardegna davvero non sono andate bene. VOTO: 5

CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO RALLY

1. BASSO  49.50 (nessuno scarto)

2. ROSSETTI  46.50 (nessuno scarto)

3. CAMPEDELLI  39.75 (1 scarto)

4. CRUGNOLA  30.25 (1 scarto)


TAGS: skoda fabia r5 Giandomenico Basso Simone Campedelli Ford Fiesta R5 citroen c3 r5 cir 2019 Rossetti rally italia sardegna 2019