Autore:
Lorenzo Centenari

CRUISE (OUT OF) CONTROL Non è la prima volta che FCA litiga con l'elettronica. Stavolta, tuttavia, la grana assume proporzioni bibliche: 4,8 milioni di auto da richiamare (negli Usa), il dispositivo incriminato è il cruise control. A non funzionare correttamente sarebbe in particolare un aggiornamento al software, e così non resta che convocare alla base tutti i modelli costruiti dal 2014 in avanti, ed equipaggiati di un determinato release del controllo elettronico di velocità. 

NON APRITE QUELLA PORTA Una volta rientrati in officina, i veicoli saranno sottoposti a un update gratuito: nel frattempo, ai clienti interessati dal difetto il Gruppo consiglia di non attivare la funzione. La misura è squisitamente precauzionale, nessun incidente sarebbe ancora stato registrato a causa dell'anomalia al sistema. Avendo tuttavia FCA dovuto esporsi in modo tanto esplicito, evidentemente il problema non è nemmeno di quelli trascurabili. Correre subito ai ripari.

QUESTIONE DI SICUREZZA NAZIONALE L'invito a mantenere il piede sul pedale del gas arriva anche dalle autorità: l'NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) sarebbe a sua volta all'opera per contribuire a risolvere il difetto una volta per tutte. Per stessa ammissione di FCA, sul lotto di vetture sottoposte a richiamo il "virus" potrebbe, nella peggiore delle ipotesi, cancellare la funzione di regolazione automatica della velocità. Che la "processione" verso i dealer abbia inizio.


TAGS: elettronica usa richiami fca Cruise Control