DNA F1 Estrema dev’essere ed estrema sia. Anche dentro. La McLaren P1 GTR mostra per la prima volta il proprio abitacolo e scopriamo, così, che tra la P1 da pista e le Formula Uno di Woking c’è un filo rosso che renderà l’esperienza di guida ancor più elettrizzante per i pochi fortunati che avranno la chance di guidare una P1 GTR. Fulcro del posto guida, infatti, è un volante mutuato da quello della McLaren Mp4-23 campione del mondo nel 2008, tutto tempestato di bottoni che permettono al pilota di attivare ogni singola funzione – tra cui i cambi di assetto – senza staccare le mani dal volante.

IL MASTER Ma non finisce qui. Gli interni della McLaren P1 GTR sfoggiano anche sedili leggeri in fibra di carbonio stile DTM, privi di supporti perché montati direttamente al telaio in modo da risparmiare peso. Motivo per cui, a ciascuno dei clienti P1 GTR saranno prese letteralmente le misure per impostare la seduta. Questi driver riceveranno poi una preparazione alla guida della P1 GTR in pista tramite un corso – il GTR Programme – che si terrà su alcuni dei più suggestivi tracciati di F1 nel mondo. Ciò significherà avere a disposizione un team (coach e ingegneri) dedicato e tecnologie (telemetrie, analisi video, simulatori, ecc.) per migliorare le proprie tecniche di guida e performance. Proprio come un vero pilota di F1.


TAGS: mclaren p1 gtr gli interni