Prova su strada
Porsche Cayenne Coupé

Porsche Cayenne Coupé,
quando l'apparenza non inganna. Test

Primo contatto con Cayenne Coupé, tettuccio spiovente ma non solo. Anche spoiler adattivo, sedili comfort, e i soliti motori turbo

30 0

VENGO ANCH'IO Perché mica poteva far finta di niente. Là fuori è un proliferare di 'sti benedetti Suv coupé, coi Suv di fascia premium che alla moda mostrano profonda sensibilità. Cayenne Coupé come risposta Porsche a un trend globale, e come è abitudine per una Cavallina puntigliosa, è una risposta dritta nei denti. Rivolta a BMW X6, la capostipite, ma anche a Mercedes GLE Coupé, Audi Q8, mettiamoci pure anche Lamborghini Urus. La base di partenza era un prodotto di per sé già eccezionale: Cayenne Coupé prende Cayenne e la deforma, il risultato è un'auto tutta nuova, e non solo per la forma del tettuccio. Adesso la passiamo ai raggi X.

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA Il nome è tutto un programma, Porsche Cayenne Coupé altro non è che Porsche Cayenne di terza generazione (anno di nascita 2017) declinata in salsa Suv coupé. Ovvero: anziché correre più o meno parallelo al suolo, sin dal montante A il tetto scende prima dolcemente, poi in modo via via più deciso verso il retrotreno. La metamorfosi in chiave coupé è in realtà più complessa: il parabrezza stesso è più inclinato, mentre in altezza il tetto si ferma 2 cm sotto la misura di Cayenne (168 cm). Pressoché invariate invece lunghezza (493 cm, cioè 1 cm in più) e larghezza (198 cm). D'altra parte, la piattaforma è tale e quale a Cayenne-punto-e-basta (MLB Evo). Ed è una garanzia.

AERO-CAYENNE La soluzione del padiglione arrotondato trasmette dunque un'immagine ancor più atletica, dinamica, "progressiva", ma Cayenne Coupé è anche di più. Al posteriore, oltre a quello fisso ecco più in basso anche lo spoiler adattivo (Cayenne Turbo docet), in grado cioè di alzarsi di 135 mm quando si superano i 90 km/h, aggiungere carico aerodinamico e completare il pacchetto Porsche Active Aerodynamics (PAA). Ridisegnati anche passaruota e portiere posteriori, mentre la targa è integrata nel paraurti: muscoli in bella vista, niente che disturbi lo spettacolo visivo. Ma è il caso di tornare un attimo al tettuccio. Eh già, perchè...

MINERALI PREZIOSI Perché di serie Porsche Cayenne Coupé adotta un tetto in vetro fisso panoramico di 2,16 mq, superficie trasparente di 0,92 mq e tendina avvolgibile per proteggere da freddo o irraggiamento solare. Ma a richiesta, si può sostituire il vetro con la fibra di carbonio. Dalla sagomatura che richiama vetture sportive come Porsche 911 GT3 RS, il tetto in "carbon fiber" fa parte di uno di tre pacchetti sport in struttura leggera. Gli altri due? Pack Sport Design per cerchi GT da 22 pollici (anziché i 20 pollici serie) in struttura leggera, fasce centrali dei sedili in tessuto con classico motivo a quadri, inserti in fibra di carbonio e Alcantara, inoltre un pacchetto specifico per Cayenne Turbo, con tanto di scarico sportivo.

VOTO 10 IN GEOMETRIA L'abitacolo è pensato in primo luogo per quattro persone, con divanetto posteriore suddiviso su due postazioni singole. In alternativa, è sempre possibile ordinare i sedili posteriori comfort a tre sedute, senza alcun costo aggiuntivo. Carrozzeria Coupé uguale minor spazio in verticale? Non se i sedili stessi sono stati abbassati di 3 cm, come nel caso in esame. Davanti, sedili sportivi regolabili elettricamente in otto posizioni con poggiatesta integrati, un mix di comfort e sostegno laterale. Sempre in tema spazio, la capacità del vano bagagli è di 625 litri, volume che raggiunge 1.540 litri ribaltando lo schienale dei sedili posteriori. Capacità leggermente inferiore per la Turbo: da 600 a 1.510 litri. Per fare un paragone, il bagagliaio di Cayenne standard misura 645 litri, quindi la Coupé paga solo 20 litri di differenza.

PURCHÈ SIA TURBO Cambia fuori (e un poco dentro), ma non sotto il cofano. Nuova Cayenne Coupé è proposta in tre varianti di motore: versione di accesso equipaggiata di 3 litri V6 turbo benzina da 340 cv e coppia massima di 450 Nm. Il pacchetto Sport Chrono è di serie: l'accelerazione 0-100 km/h in 6 secondi netti è a prova di bomba, la velocità massima tocca i 243 km/h. Cayenne S Coupé è invece spinta sempre da un V6, ma da 2,9 litri di cilindrata e con sovralimentazione biturbo: 440 cv di potenza, 550 Nm di coppia, 5 secondi sullo 0-100 km/h e 263 km/h di velocità. Arriviamo così al boss del quartiere: Cayenne Turbo Coupé pesca il V8 biturbo da 4 litri, 550 cv e 770 Nm di. Velocità massima di 286 km/h, ma occhio all'accelerazione 0-100 km/h: 3,9 secondi. Per tutti, trazione integrale e cambio automatico Tiptronic S a 8 rapporti. Non è finita qui: notizia recente è l'introduzione delle due versioni a propulsione ibrida plug-in, Cayenne E-Hybrid Coupé (460 cv e 43 km di autonomia in modalità elettrica) e Cayenne Turbo S E-Hybrid Coupé (680 cv, oh yes, e 40 km di autonomia a zero emissioni). 

QUI PREZZI Nuova Porsche Cayenne Coupé è già ordinabile, listino rispettivamente a partire da 86.690 euro (base), 99.250 euro (E-Hybrid), 103.040 euro (S), 151.230 euro (Turbo), infine 181.600 euro (Turbo S E-Hybrid). Il gap con Cayenne è perciò di circa 7-8.000 euro. L'auto dispone di un equipaggiamento di serie molto ricco: dalla fabbrica esce già con servosterzo Plus regolato in funzione della velocità, cerchi in lega da 20 pollici, ParkAssistant anteriore e posteriore con telecamera posteriore, regolazione elettronica degli ammortizzatori PASM (Porsche Active Suspension Management) e pacchetto Sport Chrono. Dalla teoria alla pratica: è il momento di salire a bordo e mettere in moto. Leggi oltre la gallery.

CAYENNE O 911? Vi sorprende se vi dico che la Turbo è un fulmine di guerra? Probabilmente, vi interesserà di più sapere come anche l'entry level di Cayenne Coupé (che un turbo comunque lo monta eccome) sia un'auto eccezionalmente divertente da portare a spasso. Ma andiamo con ordine. Ancora a qualche metro di distanza dal veicolo, la differenza di carrozzeria è lampante. Non corri certo il rischio di confonderla con Cayenne - Suv, la Coupé davvero appare come una 911 sui trampoli. Al posto guida, invece, riassapori l'intenso profumo 100% Cayenne, quindi sedili elettrici assai comodi ma anche sportivi (che bella la stoffa con motivo a quadretti, ma c'è anche la pelle), cockpit digitale, display centrale da 12,3 pollici ad alta definizione, volante e cielo (volendo) in morbida Alcantara. Uno scatto alla levetta di sinistra, e il motore prende vita.

ROMBO DI TUONO Mi capita una Turbo e non mi lascio sfuggire la chance: ho proprio voglia di metterla alla prova, perché anche un V8 a doppia sovralimentazione da 550 cv, mica è detto che un involucro di 20 quintali abbondanti lo digerisca senza scomporsi, si chiami esso Porsche Cayenne oppure no. Bene, bastano poche centinaia di metri, un allungo e due tornanti dolomitici, per arrendermi ed ammettere che vince lui, e a mani basse. 6.000 giri di rotazione infernale, la spinta dei 770 Nm che si materializza senza alcun ritardo. Salvo qualche vuoto se torni sul gas in terza in uscita da una svolta a U in salita, ma qui entrano in gioco le leggi della fisica. Per tutto il resto, l'ottovù biturbo quattro litri è una centrale termica industriale, e il sound che sgorga dagli scarichi, un ritornello rock che dà assuefazione. Ne apprezzi le sfumature soprattutto seduto in seconda fila: è come se stringessi un V8 sotto le tue ascelle. Da brivido.

POWER AND CONTROL Sin qui, il motore. Ma Cayenne Turbo Coupé è anche ben altro, leggasi in primo luogo quattro ruote sterzanti. Ecco perché l'auto curva tanto bene anche nel misto stretto: l'asse posteriore legge le manovre e si orienta in controfase per ridurre l'angolo di sterzo. E virtualmente, accorciare la vettura di un buon 30 cm. L'effetto deportante dell'alettone attivo è quasi impercettibile, a meno che non si voli in autostrada ben oltre i limiti del Codice, un'idea che vi sconsiglio caldamente (anche se la tentazione è forte, siamo esseri umani, mica robot). Palpabile è invece lo sforzo delle barre antirollio a controllo elettronico, nome proprio PDCC (Porsche Dynamic Chassis Control): anche scagliando Cayenne Coupé da sinistra a destra con la cognizione di un killer, il telaio oppone una resistenza formidabile, e il coricamento laterale è quello di una Cayman, altro che Suv.

GUSTO TUNGSTENO Eh sì, di Cayenne Coupé l'elettronica è grande amica: in caso di ingresso curva al limite, il PTV Plus (Porsche Torque Vectoring) corre a tagliare i rifornimenti di trazione alla ruota posteriore interna, simulando la reazione del classico colpetto al freno a mano. Ma lo fa in maniera talmente rapida, che manco hai il tempo di realizzare se hai commesso un errore oppure no. Tanto l'auto resta sui binari, ed è quel che conta. L'esemplare in prova monta cerchi da 22 pollici con spalla "barra 35": paghi qualche spicciolo in termini di filtraggio delle asperità del fondo, ma guadagni in precisione di sterzo. E a interrompere il rotolamento delle ruotone Pirelli, ecco di serie il sistema PSCB (Porsche Surface Coated Brake), dischi in ghisa grigia  autoventilanti (da 415 mm all'anteriore, 365 mm al retrotreno) con rivestimento in carburo di tungsteno. Molto efficaci, anche se richiedono un minimo di apprendistato: con sovrapprezzo, sempre a listino anche i dischi carboceramici.

ENTRY LEVEL A CHI? Cayenne Turbo potente come mi aspettavo e più agile di quanto mi aspettassi. Ma abbandonando il V8 per il V6, in realtà i rimpianti sono minimi. Nei tratti tortuosi i 340 cv del 3 litri turbo sono più che abbondanti, persino più puntuali, se si gioca bene col Tiptronic S a 8 marce (un convertitore di coppia, non un doppia frizione). Non il sound di un ottovù, il suono che entra in abitacolo, ma pur sempre un urlo carico di ormoni maschi. Insomma: prestigio inferiore alla Turbo, ma pacchetto tecnico e dinamico competitivo. Perché è il concetto stesso di Cayenne Coupé, motori a parte, la chiave per un'esperienza di guida (e di viaggio) che persino oltrepassa gli standard raggiunti da Cayenne originale. A proposito: la Coupé sta già vendendo bene, presto eguagliera la sorella più anziana anche come diffusione. Che coppia, ragazzi.


TAGS: porsche prova su strada suv coupé porsche cayenne coupe

Novità auto
Porsche Cayenne Turbo S E-Hybrid in carica

Cayenne S E-Hybrid 2019 è la Cayenne più potente di sempre. 680 cv

13
Novità auto
Nuova Porsche Cayenne S Coupé

Ordini aperti per la terza motorizzazione del Suv coupé di Stoccarda

4
Back To Top