Pubblicato il 31/05/21

MUTAZIONE CROSS È ormai noto che i crossover dalle forme scolpite e dalla struttura rialzata piacciano parecchio. Il pubblico si trova davvero molto in sintonia con queste auto che offrono una posizione di guida rialzata, spazio a iosa e che non si fanno intimorire dalle sconnessioni del manto stradale. Un successo conclamato che ha costretto le classiche due volumi come la Fiat Tipo a reinventarsi per andare incontro alle nuove esigenze del mercato. Proprio in quest’ottica con il restyling 2021 - che porta in dote l'appendice Cross - la torinese decide di puntare su uno stile più baldanzoso, senza per questo sacrificare la sua indole da 5 porte tuttofare (qui la nostra video prova di Fiat Tipo 2021). Un cambio di passo che si nota tanto all’esterno quanto all’interno, con soluzioni tecnologiche avanzate e con un’abitabilità che non ha proprio nulla da invidiare a quella dei tanto apprezzati SUV compatti da città.

LE NOVITÀ DEL FACELIFT

Partiamo subito dal presupposto che Fiat Tipo Cross non è di certo l’auto con cui si affrontano con spirito gagliardo guadi, sentieri impervi e fondi a bassa aderenza - difficile spingersi oltre qualche strada bianca di campagna. Le protezioni in plastica sul paraurti anteriore, i brancardi grigi nella parte inferiore delle fiancate e la luce da terra maggiorata (sono circa 4 i centimetri in più rispetto alla tradizionale Tipo Life e 7 i centimetri in più di altezza complessiva ai mancorrenti) mi aiutano di sicuro a destreggiarmi nella giungla cittadina - consentendo alla mia Tipo Cross d’incassare meglio qualche “colpetto” d’appoggio durante i parcheggi e mettendomi al riparo dalle sgradevoli “grattate” su certi dossi di rallentamento non a norma. Personalmente di questa Tipo Cross apprezzo il colore, l’Arancia Paprika si sposa bene con i cerchi in lega grigi da 17 pollici a 5 razze e con i mancorrenti sul tetto, aggiungendo così quel tocco di personalità che le permette di distinguersi dalle tantissime altre Tipo che incrocio per strada. Anche il frontale è cambiato, via il vecchio logo della Casa torinese e spazio al badge dai caratteri cubitali, ai cui lati si trovano i nuovi fari full-LED dal profilo tagliente. Un dettaglio interessante è che la griglia anteriore dispone di lamelle che alle alte velocità si chiudono, riducendo così la resistenza aerodinamica. 

Fiat Tipo Cross 2021: 3/4 anteriore

SENZA FRONZOLI Una volta a bordo riesco a ritrovare in pochi minuti la posizione di guida più adatta alla mia stazza. Le leve per la regolazione in altezza e profondità si raggiungono senza problemi. Una volta sistemata la seduta inizio a esplorare l’abitacolo della mia Tipo Cross. Mi piace il volante multifunzione, ha una bella impugnatura e i tasti per la configurazione del quadro strumenti digitale da 7 pollici e del regolatore di velocità sono ben posizionati e facilmente raggiungibili - riducono al minimo le distrazioni. La plancia è dominata dalle plastiche, morbide sulla parte superiore, più rigide su quella inferiore. Lo stesso materiale è stato scelto anche per i pannelli porta: qui, a mio parere, si è fatta un po’ di economia utilizzando plastica grezza. Ciononostante, nell’insieme il cruscotto è ben assemblato, a riprova che la Tipo Cross è un’auto che bada al sodo, ma che sa bene come soddisfare i suoi clienti. Lo si capisce anche da alcuni dettagli che non passano inosservati, come il fondo dei portaoggetti in plastica morbida per attutire i rumori e i sedili soffici in tessuto (anche se poco avvolgenti).

IL NUOVO INFOTAINMENT

Passo in avanti anche per quanto riguarda il sistema multimediale di bordo. Il già citato cluster digitale da 7 pollici, chiaro e ben leggibile, lavora in coppia con uno schermo da 10,25 pollici a sbalzo a centro plancia (optional). Premetto che apprezzo quei modelli in cui lo schermo è orientato verso il guidatore, qui invece su Tipo Cross il touchscreen è dritto, parallelo al profilo delle plancia per non escludere il passeggero. Con il nuovo UConnect 5 interagisco con facilità ed entro presto in sintonia. Le risposte ai comandi sono istantanee così come il supporto dell’assistente vocale. Peccato solo che sul modello in prova non sia previsto il navigatore satellitare, un’assenza a cui faccio fronte collegando via wireless il mio IPhone, così il display mi consente di accedere a tutte le funzionalità di Apple CarPlay. In questa maniera riesco a posizionare il mio smartphone sulla piastra a induzione, ricaricando allo stesso tempo un secondo dispositivo tramite la porta USB. Poco felice invece la posizione della rotellina del volume audio sul tunnel centrale, è troppo arretrata e durante la guida si fa proprio fatica a raggiungerla, meglio affidarsi ai tasti di regolazione dietro al volante. Sono rimasto sorpreso dalla potenza dell’impianto di climatizzazione automatico monozona. ’aria che fuoriesce dalle bocchette di ventilazione fa davvero gelare le mani! Non ho dubbi, è l’ideale per affrontare le più torride giornate d’agosto.

Fiat Tipo Cross 2021: posto di guida

LE DIMENSIONI CONTANO

Con 4,39 metri di lunghezza e 1,54 metri di larghezza le dimensioni di Tipo Cross sono praticamente identiche a quelle della cinque porte Tipo Life. L’unica eccezione è l’altezza che sulla crossoverina è di 1,56 metri contro 1,49 metri della sorella meno avventurosa. Sono numeri che si esprimono in un’abitabilità di tutto rispetto! Pensate che anche con il sedile di guida posizionato parecchio indietro io, che sfioro il metro e novanta, riesco ad accomodarmi sul divanetto senza problemi. Anche la testa rimane - tutto sommato - ben lontana del tetto. Certo, se dovesse aggiungersi un terzo occupante sul retro la situazione si complicherebbe, ma in generale posso dire che in quattro persone si viaggia in scioltezza, in cinque invece si è un po’ più stretti. Anche il bagagliaio è notevole con i suoi 440 litri, un valore non così distante dai 456 litri dichiarati da una best-seller di categoria come Ford Puma (qui la nostra prova del MegaBox). In generale il vano è ben sfruttabile, forse un po’ troppo inffossato e dunque un po’ difficile da raggiungere vista anche la notevole altezza dal suolo (oltre 75 centimetri) della Cross. Io, per il mio weekend in Umbria sono riuscito a sistemarci senza affanno due trolley da viaggio e un paio di capienti borsoni. 

TRE CILINDRI SOPRA IL CIELO Venendo invece alla parte tecnica va senza dubbio segnalato il debutto su Tipo Cross del motore FireFly 1.0 tre cilindri turbo benzina da 100 CV e 190 Nm. Un propulsore compatto e brillante quanto basta, in grado di smarcare lo 0-100 in 12,2 secondi e di raggiungere una velocità massima di 183 km/h. Certo, se cercate le performance non è questa la soluzione migliore, forse meglio optare per il 1.6 Diesel da 130 CV. Non mi convince del tutto la scelta di equipaggiare il 1.0 FireFly con un cambio manuale 5 marce. Nelle lunghe trasferte autostradali - a 130 orari - il tricilindrico frulla intorno ai 3.000 giri/minuto, avrei preferito un rapporto in più così da permettere al motore di galoppare senza fiatone. Nell’uso quotidiano il motore si dimostra comunque reattivo, merito del turbo e della distribuzione MultiAir che migliora la risposta ai bassi regimi senza perdere verve. Malgrado l’assenza dell’architettura mild-hybrid, nelle ripartenze da fermo il FireFly non si fa mai cogliere impreparato, lo Start & Stop funziona a dovere riavviando prontamente il motore senza alcuna incertezza. L’unico difetto che notato è che nelle accensioni a freddo il motore tende a rumoreggiare e a vibrare leggermente - un inconveniente che si risolve però dopo pochissimi minuti, una volta che l’unità raggiunge la temperatura d’esercizio.

Fiat Tipo Cross 2021: motore

AL VOLANTE

La mia trasferta in centro Italia mi ha permesso di mettere alla frusta la torinese in un tragitto andata/ritorno di oltre 1.300 chilometri. Non appena entro al casello di Melegnano, alle porte di Milano, imposto il regolatore di velocità a 130 km/h. Fino agli Appennini il mio viaggio trascorre senza intoppi, la macchina scorre sul nastro d’asfalto puntando dritto verso le alture a cavallo fra Emilia-Romagna e Toscana. I primi duecento chilometri passano in scioltezza, l’unica pecca è lieve rumore di rotolamento che arriva dagli pneumatici invernali. Ma è dopo Bologna, quando la strada incomincia a inerpicarsi sull’Appennino, che inizio ad aver bisogno di tutti 100 CV della Tipo Cross. Ammetto che in certi momenti - per non perdere verve - mi tocca giocare un po’ con il cambio 5 marce e scalare uno o due rapporti. Nel complesso la trasmissione della torinese si dimostra puntuale negli innesti, anche se la corsa decisamente lunga della leva non mi fa impazzire. Superata Arezzo la strada prosegue quasi in discesa verso il lago Trasimeno ed è proprio in prossimità di Perugia, dove la A1 si fa un po’ più malconcia, che apprezzo la taratura decisamente morbida delle sospensioni che mi fa quasi rimbalzare sulle imperfezioni del manto. A dirla tutta quest’effetto “rebound” lo avverto perlopiù sulle buche piccole, quando invece l’asfalto è costantemente segnato da fratture e sconnessioni qualche spiacevole contraccolpo purtroppo lo avverto. Per raggiungere Todi, meta del mio viaggio, mi tocca arrampicarmi su stradine strette che tornano utili per capire la risposta dello sterzo. Sebbene all’apparenza mi sembri poco comunicativo, noto con piacere che la risposta è tutto sommata adeguata, senza contare che nelle manovre posso sempre avvalermi della funzione City - utilissima nei parcheggi. Unica pecca, in un quadro nel complesso più che soddisfacente, i freni a tamburo al posteriore - nel quotidiano lavorano senza problemi - ma nelle lunghe discese, se li sollecito, accusano un po’ la fatica.

CONSUMI Con un serbatoio di benzina da 50 litri, un pieno mi ha permesso di raggiungere l’Umbria con qualche litro di verde ancora a disposizione. Così facendo, per il ritorno ho sborsato 30 euro per tornare a casa, parcheggiando nel vialetto con ancora 28 km di autonomia. In generale non posso lamentarmi dei consumi de 1.0 FireFly di Tipo Cross. Al termine della mia trasferta in quel di Todi e con 1.393 chilometri di autostrada sul groppone il computer di bordo mi indica un valore medio di 6,5 l/100 km. Devo dire anche che durante tutto il viaggio ho seguito scrupolosamente le indicazioni di cambiata riportate sul quadro strumenti, concedendomi qualche allungo solo nei tratti in discesa e una volta tornato in pianura. Ovvio che in città il tre cilindri si faccia un po’ più assetato, facendo balzare i consumi intorno a quota 7,6 l/100 km, un fatto pur con uno stile di guida disinvolto.

Fiat Tipo Cross 2021: sulle strade dell'Umbria

SICUREZZA ALLA GUIDA La dotazione ADAS di Fiat Tipo Cross della prova conta su frenata automatica d’emergenza, mantenimento corsia, riconoscimento segnali stradali, monitoraggio dell’angolo cieco e sensori di posizione con telecamera posteriore. Nelle manovre quotidiane la retrocamera aiuta e più volte mi ha salvato da spiacevoli inconvenienti, rilevo comunque che il Lane Assist è un tantino irruento e il più delle volte interviene con troppa veemenza nel caso ci si allontani dalla riga di mezzeria. Un aspetto che mi ha dato un po’ di noia nelle 4 ore e mezza di viaggio verso l’Umbria.

VERSIONI E PREZZI

Il listino di Fiat Tipo Cross 2021 con motore turbo benzina 1.0 3 cilindri 100 CV come quello della prova parte da 23.500 euro, mentre la controparte Diesel 1.3 SDE 95 CV attacca a 25.600 euro. Infine la top di gamma 1.6 sempre a gasolio da 130 CV vale 27.000 euro. In gamma sono presenti anche le versioni con carrozzeria 3 volumi e station-wagon, con prezzi che partono da 17.000 euro per la berlina 4 porte e 20.000 euro per la famigliare. La Tipo 2021 2 volumi 5 porte benzina entry-level parte da 18.500 euro.

SCHEDA TECNICA FIAT TIPO CROSS

Motore FireFly 999 cc, tre cilindri turbo benzina
Potenza 100 CV @ 5.000 giri
Coppia massima 190 Nm @ 1.500 giri
Prestazioni Vel. Max. 183 km/h | da 0 a 100 km/h in 12,2 secondi
Trazione Anteriore
Cambio Manuale 5 marce
Dimensioni 4,39  x 1,54 x 1,56 m
Passo 2,64 m
Peso in ordine di marcia  1.260 kg
Bagagliaio

A partire da 440 litri

Serbatoio 50 litri
Consumo WLTP  5,7/5,8 l/100 km
Emissioni CO2 WLTP 130/131 g/km
Prezzo 

 Da 23.500 euro


TAGS: fiat Fiat tipo 2021 Nuova Fiat Tipo Cross Fiat Tipo Cross prova su strada