Digg Facebook Twitter Feedburner

Pneumatici invernali Scegliere le "gomme da neve"

Una maggiore sicurezza nella guida è data dai pneumatici invernali o "gomme da neve", soluzione che, spesa a parte, offre più vantaggi che svantaggi.

Pneumatici invernali:  Scegliere le "gomme da neve"

DA NEVE? C'è ancora chi le chiama gomme da neve o gomme termiche, in realtà il termine più adatto è pneumatici invernali perché le ricerche e le tecnologie che hanno interessato questo settore sono state tali e tante da aver provocato una piccola rivoluzione. Perché pneumatici invernali? Semplice perché questi modelli ormai non servono più solo per "andare in montagna" ma sono utili per guidare con maggiore sicurezza durante i mesi freddi, quelli dove acqua, gelo, sale e asfalto freddo la fanno da padrone. Migliori al punto da convincere qualche amministrazione provinciale a renderli obbligatori forse anche in modo un po' frettoloso. Certo, se tutti montassero gomme invernali (i camion soprattutto) in certe zone di Italia magari ci risparmieremmo certi ingorghi ciclopici alla prima nevicata...

QUESTIONE DI SILICE Magia della silice, che rende questi pneumatici invernali alla stregua di gomme termiche, ovvero in grado di scaldarsi prima e meglio delle normali gomme estive quando le temperature dell'asfalto raggiungono livelli prossimi allo zero, ma anche di avere una buona stabilità di funzionamento quando le temperature si alzano. Le prestazioni sempre maggiori delle automobili sono andate di pari passo con la crescita dei diametri dei cerchi e delle sezioni degli pneumatici. Al giorno d'oggi, una tranquilla station wagon turbodiesel monta pneumatici che fino a pochi anni fa erano appannaggio delle GT più sportive.

SPECIALIZZATE Questo ha portato ad una maggiore specializzazione degli pneumatici stessi, che sono sempre più performanti sull'asciutto (e sul bagnato), rinunciando però a quella versatilità che le fa andar bene un po' per tutto. Quindi? Una doppia spesa per viaggiare sempre in sicurezza?

SPESA O INVESTIMENTO? Non prendetela così male, innanzitutto ci preme sottolineare che i soldi spesi in sicurezza non sono mai spesi male e poi vedetela così: in pratica anticipate i soldi del prossimo cambio. Un treno di gomme invernali ha una vita almeno pari a quella di uno estivo anzi, d'inverno è anche meglio perché proprio per il minor grip offerto, quello estivo slitta di più e si consuma prima... per cui, quanto meno, raddoppierete la durata delle vostre gomme. Per quattro-cinque mesi guiderete con gomme invernali (diciamo da novembre a marzo) per gli altri utilizzerete quelli normali, unico problema è dove stoccare le gomme non utilizzate se non avete un box. Problema risolto anche questo dai gommisti che per 50€ l'anno tengono le vostre gomme nei loro magazzini.

OBBLIGO PER CHI VIAGGIA Ovvio che occorre sempre valutare caso per caso l'opportunità del cambio. Chi guida solo in città per poche migliaia di chilometri l'anno probabilmente non avrà bisogno di montare le calzature invernali. Chi invece viaggia parecchio prenda in seria considerazione l'eventualità, non solo per sventare il rischio di trovarsi bloccati sotto una nevicata improvvisa, ma anche per il maggior grado di sicurezza che questi pneumatici offrono in condizioni metereologiche avverse. Oltre alla mescola ricca di silice questi pneumatici hanno, infatti, scolpiture particolari studiate per offrire il massimo drenaggio dell'acqua e il massimo grip in caso di neve.

LAMELLE La particolare configurazione a lamelle sfrutta, infatti, la proprietà "legante" dei cristalli di neve. Gomma su neve= scivolata; Neve su neve= tenuta. In pratica le lamelle si riempiono di neve "aggrappandosi" letteralmente al fondo stradale, la dove un liscio pneumatico "estivo" slitterebbe facilmente. Fino qui niente di nuovo, direte voi, le gomme da neve sono sempre esistite.

NON SOLO NEVE Ma la vera rivoluzione delle gomme invernali sta nel loro livello di comfort e nelle loro prestazioni sull'asfalto asciutto. Un tempo montare le gomme da neve (e in quel caso sì che il nome era esatto) significava scendere a pesanti compromessi. Il codice di velocità (quello che indica la velocità massima con cui quel pneumatico può correre in sicurezza) scendeva drasticamente (spesso erano omologati fino a 140 km/h), il piacere di guida era frustrato da una tenuta sull'asciutto pesantemente ridotta, e il rumore di rotolamento invadeva l'abitacolo penalizzando il comfort di un viaggio.

NESSUN COMPROMESSO Oggi, nulla di tutto questo, un pneumatico invernale (ricordatevi di cercare la sigla M+S sul fianco a indicare che si tratta proprio di un pneumatico invernale) è silenzioso quasi quanto uno estivo (l'aumento del rumore di rotolamento è appena percettibile anche sulle silenziosissime berline di oggi), a livello di grip ha prestazioni solo lievemente inferiori con il caldo (ma con il freddo si scalda prima e meglio pertanto il limite si trasforma in pregio), e soprattutto le omologazioni di velocità sono le medesime degli pneumatici estivi (fino ad un al codice V ovvero 240 km/h).

ANCHE PER LE SPORTIVE E le sezioni si sono moltiplicate, al punto che ormai è possibile trovare pneumatici per qualsiasi auto anche per le velocissime Ferrari e Porsche. Insomma, se d'inverno fate tanta strada (ma anche se non ne fate), montare i pneumatici giusti non è solo un lusso ma quasi una necessità, utile per non fermarsi a pasticciare con le catene ai primi quattro fiocchi di neve.

I PREZZI Ovviamente molto variabili in relazione a sezioni, marche e codici di velocità, ma i prezzi non si discostano di molto dai listini dei pneumatici "estivi", indicativamente dai 60-70 euro per le misure più piccole agli oltre 600 euro per le misure più sportive. Il montaggio richiede circa un'ora di lavoro e una spesa che si aggira sui 50 euro. Gli pneumatici sono direzionali quindi attenzione che vi vengano montati nella giusta posizione. Ogni pneumatico si usura in modo particolare. Un consiglio è quindi quello di segnare con un gesso la posizione dei pneumatici estivi (il gommista lo fa sempre...) al momento dello smontaggio per poterli rimontare sulle stesse ruote una volta giunta la primavera senza avere problemi di convergenza.

MISURE E PRESSIONI Ovviamente vanno montati pneumatici d'identica misura rispetto a quelli estivi omologati per il vostro modello di auto per non incorrere in sequestri del libretto da parte delle forze dell'ordine. Se l'auto ha più omologazioni (esempio un 195/60-15 e 205/55-16) si può risparmiare qualche Euro montando magari pneumatici di sezione e diametro inferiore, ma a questo punto si spende qualcosa per l'acquisto di cerchi in lamiera più piccoli (circa 30 euro a cerchio).

FAI DA TE La maggiore comodità sta nel fatto che non sarà necessario ogni volta montare e smontare gli pneumatici ma sarà sufficiente cambiare i cerchi, operazione fattibile anche "in casa" con un minimo di pratica. Il crick dell'auto (per quelle che l'hanno ancora) e una chiave a X sono sufficienti. Impiegate al massimo un paio d'ore e risparmiate 50€ e la fila dal gommista (nel periodo di cambio tra estate/inverno e viceversa si viaggia su appuntamento manco si fosse da dentista). Certo avete speso per i cerchi per cui fate bene i vostri conti. Quanto alle pressioni sono simili a quelle degli pneumatici estivi raccomandata dalla casa, solo aumentate di 0,2 bar.

QUANDO UTILIZZARLI Le caratteristiche dei moderni modelli invernali sono tali da consentirne l'utilizzo dall'autunno inoltrato all'inizio della primavera. Non ci sono controindicazioni particolari o temperature limite. Certo è che con il caldo l'usura sarà maggiore.

CATENE? NO GRAZIE. Il montaggio di pneumatici adatti alla cattiva stagione libera dall'obbligo di portare catene a bordo anche dove indicato dai segnali stradali, quindi chi frequenta zone montane risparmia sull'acquisto di questo accessorio. Ovvio che pur molto performanti su neve fresca gli pneumatici non possono fare miracoli, la prudenza resta sempre il primo consiglio. Sul ghiaccio, invece, c'è ben poco da fare, lì servono i chiodi. 

Autore: Stefano Cordara
Data: 26/11/2010 12:43:00

pneumatici invernali ricordatevi che il carrozziere costa carissimo. Meglio montare i pneumatici invernaali, come d'altronde usano fare tutti gli automobilisti del nord europa e quelli seri italiani Inviato da: supertrive - 11/02/2012 21:15:21
@carletto ciao carletto, abitando nel pavese (dove peraltro abito anche io) gli pneumatici invernali sono sicuramente consigliabili. Anche se dotate di silice le gomme estive non dispongono delle famose "lamelle" che consentono di creare il grip necessario sui fondi difficili. Dalle nostre parti poi l'asfalto è spesso bagnato per cui avere quel tipo di pneumatici è sicuiramente meglio. Noi le consigliamo senz'altro. ciao Stefano Cordara Inviato da: Corda#90 - 02/08/2011 11:58:58
consiglio sulle gomme termiche Abito nel pavese ho acquistato una Fiat sedici 16 4x4 cc 1600 benzina ultimo modello. Immatricolazione gen.2011. Gomme 205/60/16 Continental premium conctac2 Con silice ultima generazione. (estive) Ho intenzione di far mettere le gomme termiche per quest'inverno. Il mio gommista mi ha suggerito tali gomme,(che ha in officina) un occasione praticamente nuove. ? 400 il treno. Non è che faccio molta strada, ma la sicurezza non mi dispiacerebbe. Considerando che la guida anche mia moglie. Visto che le attuali gomme hanno il silice nella mescola pur essendo estive, sarei più tranquillo con le gomme invernali?... Premetto per andare in giro ho tuto il tempo che voglio essendo in pensione. Grazie Inviato da: carletto - 02/08/2011 11:07:34
Mai più senza Ho montato le gomme invernali l'inverno scorso, per la prima volta. Mai più senza! Migliorano un sacco la guidabilità e la sicurezza in strada. Ho una semplicissima Yaris 1000. Inviato da: Anonimo - 03/12/2010 19:45:00
invernali + catene Personalmente oltre a montare le invernali tengo anche le catene nel bagagliaio perchè se capita una salita ghiacciata non si sale se non con le catene. Ciao a tutti. Inviato da: Anonimo - 28/11/2010 22:31:48
@paoloromano ciao, come spiegato nell'articolo una volta montate le gomme invernali viene meno l'obbligo di avere catene a bordo. Infatti la gomma invernale può andare sulla neve senza problemi. ciao Stefano Cordara Inviato da: Corda#90 - 26/11/2010 14:52:33
pneumatici chiedo una cortesia,montando i pneumatici invernali(termici),sono obbligato a portarmi anche le catene da neve? vi ringrazio .paolo romano Inviato da: paolo romano - 20/11/2010 13:55:41
Alain Consiglio, per esperienza personale, assolutamente 4 gomme sempre uguali, a maggior ragione nel caso di gomme invernali. Se si montassero solamente due pneumatici invernali, si rischierebbe di avere un'auto che ha motricità ma, in caso di trazione posteriore, sarà difficile imprimere la direzione voluta, in caso di trazione anteriore, avremo una vettura che ha trazione, che va nella direzione voluta, ma se mai scivolasse l'asse posteriore (e scivola!), difficilmente riusciremo a recuperare la sbandata! ps Ciò che ho scritto è frutto di prove effettuate su vari circuiti su ghiaccio. Inviato da: A Luigi: 2 o 4 gomme invernali? - 20/12/2009 14:09:19
sicurezza per tutti Hai ragione, la sicurezza è importante ma proprio per questo nessuno deve approfittare sulla sicurezza rendendo accessibile a tutti la possibilità di essere sicuri sulla strada: quindi i prezzi dovrebbero scendere Inviato da: pietro
INFORMO Abito sui colli bolognesi e alla mia C4 ho montato 4 gomme invernali ricoperte ( Marangoni) sono fantastiche, adesso con ghiaccio e neve salgo e scendo come in estate; e le catene le ho parcheggiate in garage. Inviato da: cippo
Totale pagine 5 | Pagina: 1

Vedi anche

Gelo duro: istruzioni per l'usoGelo duro: istruzioni per l'uso
Dizionario di consigli pratici per la brutta stagione
Pneumatici invernali: un bollino per snellire i controlliPneumatici invernali: un bollino ...
Dal 2011 un bollino segnala le auto a norma

Home | Prove su strada

Peugeot 508 SW 2015Peugeot 508 SW 2015
Sulla Peugeot 508 SW 2015 debuttano un nuovo frontale e motori ...
Nissan PulsarNissan Pulsar
Le doti migliori della Pulsar? Tanto comfort e spazio a bordo
Volkswagen Golf GTEVolkswagen Golf GTE
50 km a emissioni zero o 222 km/h di velocità, ecco i numeri ...
Jeep RenegadeJeep Renegade
Piccola, grande Jeep Renegade. Guarda il video
Nuova Renault TwingoNuova Renault Twingo
Con 5 porte e motore e trazione posteriori, la Nuova Renault ...

Home | Magazine

Citroën C4 Cactus AIRFLOW 2LCitroën C4 Cactus AIRFLOW 2L
2L come 2 litri per 100 km
Peugeot QuartzPeugeot Quartz
500 cv e tecnologia full hybrid, ecco i numeri del concept Quartz
Opel Adam SOpel Adam S
L'Adam che mette il turbo. E non solo
Ford C-Max 2015Ford C-Max 2015
Oltre al restyling, debuttano inedite tecnologie e motorizzazioni
Honda Jazz prototypeHonda Jazz prototype
A Parigi il prototipo della terza generazione europea della Jazz
New Ducati 1299 PanigaleNew Ducati 1299 Panigale
confirmed albeit by accident
Feathers RuffledFeathers Ruffled
The 2JZ Mopar
Top 5 Cafe Racers On eBay Top 5 Cafe Racers On eBay
The first "Top 5 Cafe Racers" collection was published...
L.A. IsettaL.A. Isetta
Most fun car I've seen in a while was at the Palos Verde Concours
A Bodybuilder With A Baby FaceA Bodybuilder With A Baby Face
The Seebacher Polo R WRC Clubsport
The new BatmobileThe new Batmobile
Dawn of Justice revealed
AKA Eurosport Mercedes G-ClassAKA Eurosport Mercedes G-Class
Californian tuner AKA Eurosport has a huge crush on the G-Wagen... ...
XLCH Ironhead Land Speed RacerXLCH Ironhead Land Speed Racer
Is a purpose built land speed racer
Indian ScoutIndian Scout
by Analog Motorcycles
2015 Panoz Esperante Spyder2015 Panoz Esperante Spyder
Looks like American car maker Panoz is finally a 100 percent sure. ...
R nine T Custom ProjectR nine T Custom Project
The builders. Watch the video
Novitec Maserati QuattroporteNovitec Maserati Quattroporte
It was only a matter of time before the tuning minds at Novitec... ...
MotorBuzz