Autore:
Emanuele Colombo

RADAR ANTI-COLLISIONE Se non fosse passato da un pezzo potremmo pensare a un pesce d'aprile, invece è tutto vero: con la collaborazione del Politecnico di Milano, Ducati si prepara a lanciare entro il 2020 una moto dotata di radar. Parte di un sistema di aiuti alla guida chiamato Advanced Rider Assistance Systems (ARAS), l'introduzione di sensori radar anteriori e posteriori permetterà alla moto di ricostruire la realtà circostante, contribuendo a prevenire eventuali collisioni.

BLIND SPOT MONITOR La collaborazione con il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano è iniziata nel 2016 e ad oggi ha portato allo sviluppo di un sistema di allarme che sfrutta un radar posteriore per segnalare eventuali veicoli in arrivo non visibili tramite i retrovisori: un blind spot monitor applicato alle moto, in sostanza.

IN VENDITA NEL 2020 L'aggiunta di un radar anteriore permetterà di gestire il cruise control adattivo, capace cioè di mantenere la distanza desiderata dal veicolo che precede e di segnalare un eventuale rischio di collisione. La moto con questi sistemi installati a bordo sarà messa in vendita nel 2020, dice Ducati, il cui impegno per la sicurezza è ampio e si tradurrà nell'introduzione dell’ABS Cornering Bosch su tutta la gamma: non solo sulle supersportive. Non a caso, questo dispositivo è già presente sulla Scrambler 1100.


TAGS: moto sicurezza ducati radar sistemi di sicurezza cruise control adattivo