Autore:
Simone Valtieri

IMPERIALE Alvaro Bautista continua a dominare questa stagione di Superbike ancora agli albori. Il ducatista in sella alla sua Panigale V4 R, dopo aver realizzato l'en plein di successi a Phillip Island, comincia il weekend thailandese con la vittoria in gara-1, al termine di un bel duello con il campione del mondo in carica, Jonathan Rea. Erano quattro anni che i piloti britannici non scendevano dal gradino più alto del podio al Chang International Circuit (sei trionfi di Rea, uno a testa per Sykes e Davies), ci ha pensato lo spagnolo proveniente dalla MotoGP a interrompere la striscia vincente grazie anche alla sua potentissima Ducati.

BATTAGLIA Il merito però non è solo della moto, anzi. Con lo stesso identico mezzo tecnico il suo compagno Chaz Davies, già vincitore come detto su questo tracciato in passato, è naufragato fino alle 15° posizione finale e già solo in qualifica scontava 1"3 dal compagno. Stavolta comunque non è stato tutto semplicissimo per Bautista: con Rea, scattato meglio al via, si innesca subito una battaglia memorabile, con tanto di toccata al terzo giro nell'incrocio di traiettoria. Lo spagnolo rischia di cadere ma resta in sella e riparte dalla terza posizione, mettendoci 7 giri per riprendere il britannico, dopo essersi facilmente sbarazzato della Yamaha del buon Alex Lowes, alla fine terzo. Tornato nello scarico di Rea, la Ducati di Bautista passa agevolmente la Kawasaki in rettilineo e si invola verso il quarto trionfo dell'anno

RIMONTA VDM Ai piedi del podio si ferma l'olandese Michael Van der Mark, in rimonta dalla decima posizione in griglia con la sua Yamaha, poi Leon Haslam, che ha avuto la meglio nella dura battaglia con Marco Melandri, sesto. Settima piazza per il tedesco Sandro Cortese davanti a un bravo Michael Ruben Rinaldi, ottavo con la Ducati del Barni Racing Team. Chiudono la top ten Tom Sykes con la BMW e Toprak Razgatlioglu, il turco del Puccetti Racing con la sua Kawasaki.

LE PAROLE Ora in classifica Alvaro Bautista comanda con 87 punti, 18 in più del delusissimo Jonathan Rea. "Sono soddisfatto" - dirà comunque il britannico a fine gara - "Ho fatto tutto il possibile, non posso recriminarmi niente.". Dal canto suo Bautista è euforico: "Oggi è stata più dura che in Australia, sapevo che dovevo battagliare con Rea e quando ci siamo toccati ho rischiato di cadere. Poi però sono riuscito a recuperare e vincere, sono molto felice."

Risultati Gara-1 - Thai Round Buriram

Pos Pilota Moto Giri Tempo
1 Alvaro Bautista Ducati Panigale V4 R 20 31'06"051
2 Jonathan Rea Kawasaki ZX-10RR 20 +8.217
3 Alex Lowes Yamaha YZF R1 20 +14.155
4 Michael Van der Mark Yamaha YZF R1 20 +14.623
5 Leon Haslam Kawasaki ZX-10RR 20 +18.554
6 Marco Melandri Yamaha YZF R1 20 +18.681
7 Sandro Cortese Yamaha YZF R1 20 +25.603
8 Michael Ruben Rinaldi Ducati Panigale V4 R 20 +27.627
9 Tom Sykes BMW S1000 RR 20 +28.789
10 Toprak Razgatlioglu Kawasaki ZX-10RR 20 +32.153
11 Jordi Torres Kawasaki ZX-10RR 20 +33.033
12 Leandro Mercado Kawasaki ZX-10RR 20 +33.254
13 Leon Camier Honda CBR1000RR 20 +34.232
14 Markus Reiterberger BMW S1000 RR 20 +43.041
15 Chaz Davies Ducati Panigale V4 R 20 +54.495
16 Thitipong Warokorn Kawasaki ZX-10RR 20 +1'15.758
17 Alessandro Delbianco Honda CBR1000RR 20 +1'25.108
    Not Classified    
RET Riuyichi Kiyonari Honda CBR1000RR 8 +12 giri
RET Eugene Laverty Ducati Panigale V4 R 2 +18 giri

TAGS: ducati superbike world superbike kawasaki melandri rea Buriram Chang International Circuit wsbk sbk 2019 sbk buriram Bautista SBK Buriram 2019