GP di Catalogna

MotoGP, Lorenzo espelle Iannone: La penalità e' troppo poco. Nel calcio...


Avatar di Luca Cereda , il 06/06/16

5 anni fa - Dopo l'incidente, parla il campione del mondo: Iannone va squalificato

Dopo l'incidente nel #GP di Catalogna, parla il campione del mondo Jorge #Lorenzo: #Iannone va squalificato

L’AC… CADUTO E due. Andrea Iannone ci è ricascato, ha affondato il tackle un’altra volta. Ha ritardato la staccata e ha fatto strike. Stavolta, però, colpendo il bersaglio grosso: il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo. Apriti cielo.

ROSSO DIRETTO Va da sé che uno così non gliele manda certo a dire. Lorenzo ha aspettato un po’, giusto il tempo di sbollire la rabbia per i punti persi (almeno 10, preziosi per il campionato). E poi ha sbottato. Ha messo la casacca da arbitro e ha estratto il cartellino rosso: “La penalità – Iannone per aver steso Lorenzo partirà ultimo ad Assen, nella prossimo GP, ndrè anche troppo poco. Nel calcio alla seconda che combini ti buttano fuori – ha detto il maiorchino – in MotoGP ne devi commettere quattro”. E qui il dito punta tanto su Iannone quanto sul regolamento, che solo alla quarta scorrettezza fa scattare la squalifica dal seguente GP.

VEDI ANCHE


ERRARE E’ UMANO, PERSEVERARE… Il problema, però, non è solo il danno procurato. E’ la recidiva. “Iannone non impara dai suoi errori “ ha aggiunto Lorenzo, criticando anche il comportamento dell'abruzzese a fine gara: “La cosa che più mi dà fastidio è che non è nemmeno venuto a chiedermi scusa”. E rincara la dose: “Iannone ha sempre questo comportamento: non è mai colpa sua. E’ sempre sfortuna o colpa di altri. Ma avete visto tutti quello che è successo”.

PAROLA ALLA DIFESA Le scuse di Andrea Iannone alla fine sono arrivate, in qualche maniera: “Mi dispiace molto per quello che è accaduto con Lorenzo. Stavo facendo una bella gara, spingevo forte senza fare errori, tanto che stavo andando a prendere Jorge”. E infatti l’ha preso: in pieno. Ma non poteva farci nulla, a detta sua: “Non ho potuto fare niente per evitarlo. Ho frenato nello stesso punto dei giri precedenti, ma lui (Lorenzo, ndr) era molto lento. Purtroppo l’ho toccato e siamo caduti entrambi. Può sembrare che io sia arrivato molto più forte e che volessi superarlo, ma non è così. E anche analizzando la telemetria ne abbiamo avuto conferma”. Fatto sta che: strike due, punti zero. E quest’anno, per Iannone, è già la quarta “X”. 


Pubblicato da Luca Cereda, 06/06/2016
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox