Autore:
Andrea Minerva

VITTORIA CERCASI Il tempo delle tattiche e delle strategie si sta rapidamente assottigliando, divorato da un Mondiale Wrc che non fa sconti a nessuno. Per questo motivo, chiaro e ben poco discutibile, il Citroen Total World Rally Team, in occasione del Rally di Germania, è chiamato a profondere il massimo sforzo, in particolare con il pluricampione iridato Sèbastien Ogier, per non rimanere a terra sul marciapiede della stazione mentre il treno del titolo iridato corre via rapido verso altri lidi. Inutile nascondersi dietro a un dito, il ritardo attuale di Ogier dalla vetta della classifica, nonostante il secondo posto assoluto, è piuttosto consistente e quantificato in 22 punti; sia chiaro, niente di grave, considerando che da qui alla fine della stagione mancano ancora 5 gare, Rally di Germania compreso, ma il potenziale degli avversari è particolarmente elevato, e nessuno fa sconti….a nessuno. La necessità di tornare alla vittoria è impellente per Citroen Racing, i cui successi nel 2019, due fino a questo momento, risalgono alle vittorie del “Montecarlo” e del “Messico”, oggettivamente un po’ distanti nel tempo. Ma avere in squadra il sei volte campione del mondo e poter disporre di una struttura tecnica ed ingegneristica come quella di Satory è indubbiamente un vantaggio non da poco.

EVOLUZIONE DELLA C3 WRC Il Rally di Germania, oltre ad essere probabilmente ad un passo dall’estromissione dal calendario del Mondiale Wrc, è anche l’ultima gara del 2019 a disputarsi interamente su asfalto, una superficie che fino alla scorsa stagione si addiceva in particolar modo alla Citroen C3 Wrc e che invece quest’anno si è rivelata più indigesta del previsto; in compenso, le prestazioni del bolide francese sul fondo sterrato sono migliorate, e non di poco. Ma ora incombe il Rally di Germania, e di quello bisogna parlare. In casa Citroen hanno lavorato parecchio, e dopo lo sviluppo dedicato all’assale anteriore, destinato a rendere più efficace la gestione dell’assetto attraverso un maggior numero di opzioni a disposizioni dei piloti, ora è venuto il momento del motore, sul quale si è intervenuti per trovare qualche prezioso cavallo in più, che in una gara su asfalto non è un elemento da poco, e per migliorare ulteriormente l’erogazione. Per poter fare questo, Citroen Racing ha sfruttato uno dei joker a disposizione per l’evoluzione della C3 Wrc, indubbiamente in una fase a dir poco cruciale della stagione.

PANZER RALLY Pur essendo una gara interamente su asfalto, il Rally di Germania si preannuncia incerto come non mai. I nomi dei favoriti, tra i quali certamente Ogier, non si discostano da quelli delle ultime gare, ma il percorso è duro, tosto, selettivo, e la giornata di sabato in particolare, metterà a dura prova la meccanica delle Wrc Plus e la concentrazione di tutti i piloti. Ma andiamo per ordine, la cerimonia di apertura si terrà giovedì nella città di Bostalsee. Le prove speciali del venerdì si disputeranno tra le colline e i vigneti che dipingono la regione della Mosella, ricalcando perfettamente il percorso dello scorso anno. E’ invece tutta nuova la giornata di sabato che dopo le prove in mattinata nella regione di Saarland, nel pomeriggio vedrà invece migrare la carovana Wrc in direzione dell’area militare di Baumholder. E qui viene il bello, perché tutti gli equipaggi in gara dovranno affrontare il doppio passaggio della leggendaria “Panzerplatte” che al solo pronunciarla un po’ di sana soggezione la si prova. I 41km e 170 metri di questo tratto cronometrato andranno perciò affrontati per due volte, ma nel senso opposto rispetto alla scorsa stagione. Per chi non lo sapesse, la “Panzerplatte” è connotata da una strada lungo la quale vengono testati i tank dell’esercito tedesco, dove le sezioni tortuose si alternano alle curve veloci, all’asfalto liscio, a tratti di cemento rotto e sconnesso, per finire con i ciottoli. Insomma, un toboga infernale. Il Rally di Germania si concluderà come sempre nella giornata di domenica, e in questo caso il programma propone le ultime quattro prove speciali nuovamente nella regione della Mosella; la “Dhrontal 2” sarà valida come Power Stage finale. In totale, i km cronometrati saranno poco più di 343. Come sempre, buon rally a tutti!

CLASSIFICA MONDIALE WRC PILOTI (prima del Rally di Germania)

1.TANAK (TOYOTA)  180

2. OGIER (CITROEN)  158

3. NEUVILLE (HYUNDAI)  155

4. EVANS (FORD)  78

5. MIKKELSEN (HYUNDAI)  71

6. SUNINEN (FORD)  66

7. MEEKE (TOYOTA)  60

8. LAPPI (CITROEN)  58

9. LATVALA (TOYOTA)  56

10. SORDO (HYUNDAI)  52

CLASSIFICA MONDIALE WRC COSTRUTTORI (prima del Rally di Germania)

1. HYUNDAI  262

2. TOYOTA  238

3. CITROEN  198

4. FORD M-SPORT  158

VITTORIE MONDIALE WRC 2019:

TANAK 4 (Svezia, Cile, Portogallo, Finlandia)

OGIER 2 (Montecarlo, Messico)

NEUVILLE 2 (Tour de Corse, Argentina)

SORDO 1 (Italia Sardegna)


TAGS: Sebastien Ogier Citroen racing citroen c3 wrc plus citroen racing wrc wrc 2019 wrc 2019 rally di germania

Allegato Dimensione
Tabella distanze e Tempi Rally di Germania.pdf 29 Kb