Autore:
Andrea Minerva

IN VOLO SUL FANGO Al termine della prima tappa del Rally d’Argentina, quinto appuntamento del Campionato Mondiale Wrc, Thierry Neuville (Hyundai i20 Wrc Plus) si trova al comando della classifica generale con un vantaggio di 11 secondi e 9 decimi sul sei volte campione del mondo Sébastien Ogier (Citroen C3 Wrc Plus), mentre la terza posizione è attualmente occupata dall’estone Ott Tanak (Toyota Yaris Wrc Plus) staccato di 13 secondi e 4 decimi dalla vetta. I primi ad essere oggi al di fuori della zona podio sono Kris Meeke (Toyota Yaris Wrc Plus) con un ritardo dal leader Neuville però già superiore ai 28 secondi e Andreas Mikkelsen (Hyundai i20 Wrc Plus), quinto a 29 secondi e 4 decimi. Questa prima fase del Rally d’Argentina è stata contrassegnata da un forte maltempo e da abbondanti precipitazioni piovose che hanno trasformato la terra e la polvere in una insidiosa poltiglia di fango; un cambiamento non da poco rispetto alle aspettative della vigilia. A dispetto di quella che è la regola non scritta di ogni gara su terra, questa volta sono stati premiati gli equipaggi che partivano davanti a tutti e sono invece risultati penalizzati quelli che prendevano il via nella seconda parte del gruppo. Una situazione che Neuville ha sfruttato con abilità straordinaria anche se va detto che Ott Tanak è stato decisamente sfortunato, rimanendo ancora una volta vittima della fragilità della Toyota Yaris Wrc Plus, velocissima ma ancora una volta non ineccepibile dal punto di vista dell’affidabilità.

FINE DELLA TRASMISSIONE Va dato a Neuville quello che è di Neuville, quindi il riconoscimento di un meritato primo posto al termine della prima tappa del Rally d’Argentina, ma allo stesso tempo non bisogna dimenticare che Ott Tanak e la Yaris Wrc Plus si sono trovati al comando fino alla penultima prova di giornata, la settima, prima di incappare in un problema al cambio nel corso dell’ultimo tratto cronometrato, inconveniente non da poco che ha provocato anche un testacoda per il pilota estone della Toyota. Per Tanak trovarsi ancora in terza posizione è da considerarsi adesso quasi una fortuna, poteva andargli decisamente peggio. In ogni caso Neuville e la Hyundai hanno disputato una grande prima parte di gara sfoderando un assetto particolarmente equilibrato e una velocità costante, oltre ad aver ottenuto un “crono” strepitoso nell’ultima prova speciale, fondamentale per portarsi al comando della classifica. Chi invece ha dovuto faticare parecchio, nonostante l’attuale terzo posto, è stato Sébastien Ogier, fino a questo punto mai in grado di ottenere il massimo dalla sua Citroen C3 Wrc Plus; ma attenzione al sei volte campione del mondo, un vero e proprio artista quando si tratta di limitare i danni, mantenendosi in una posizione ideale per sfruttare errori o problemi degli avversari oppure per tirare la “zampata” al momento giusto.

CHIAMALE SE VUOI….DELUSIONI D’accordo, è troppo presto per trarre conclusioni definitive quando mancano ancora due giornate alla fine del Rally d’Argentina, ma fino questo momento alcuni protagonisti sono stati al di sotto delle aspettative. In primis Kris Meeke (Toyota Yaris Wrc Plus), molto veloce nella prima parte di gara e poi in calo costante in quella successiva tanto da aver visto per il momento svanire le velleità di un possibile podio. Così e così anche i piloti Hyundai Mikkelsen e Sordo, per ora al 5° e al 7° posto. Per loro, fino a questo momento, una gara senza acuti, mortificata anche dal fatto di dover guidare si di un fondo molto rovinato. Ma c’è chi sta peggio, ci riferiamo al “povero” Jari-Matti Latvala (Toyota Yaris Wrc Plus) che avrebbe voluto festeggiare in ben altro modo la sua 200esima gara nel Mondiale Wrc e che si trova invece in ottava posizione, attardato addirittura di 1 minuto 13 secondi da Neuville.

BANDIERA ROSSA Al km 19,50 dell’ultima prova speciale di giornata, il finlandese Esapekka Lappi ha commesso un errore piuttosto vistoso provocando il cappottamento della sua Citroen C3 Wrc Plus; l’incidente non ha per fortuna provocato danni fisici né per Lappi né per il copilota Janne Ferm, ma per ragioni di sicurezza la direzione gara si è vista costretta ad esporre la bandiera rossa. Per Esapekka Lappi si tratta di un altro passo falso in una stagione fino a questo momento al di sotto delle speranze e delle previsioni di Citroen Racing. La stessa squadra del Double Chevron si consola però con il primo posto nella categoria Wrc2 di Mads Ostberg al volante della Citroen C3 R5. Nella giornata di sabato il Rally d’Argentina proporrà sette prove speciali, prima del gran finale nella giornata di domenica.

CLASSIFICA PRIMA TAPPA RALLY D’ARGENTINA

1. NEUVILLE (HUNDAI)

2. OGIER (CITROEN) +11.9

3. TANAK (TOYOTA) +13.4

4. MEEKE (TOYOTA) +28.1

5. MIKKELSEN (HYUNDAI) +29.4

6. EVANS (FORD) +38.2

7. SORDO (HYUNDAI) +41.1

8. LATVALA (TOYOTA) +1.13.6

9. SUNINEN (FORD) +1.59.2

10. OSTBERG (CITROEN WRC2) +6.11.1


TAGS: Sebastien Ogier jari matti latvala Thierry Neuville Kris Meeke ott tanak citroen c3 wrc plus toyota yaris wrc plus hyundai i20 wrc plus wrc 2019 wrc 2019 rally di argentina