Pubblicato il 24/06/20

VERSO LA RIPARTENZA La Formula E ha annunciato i piani per la ripartenza dopo l’emergenza coronavirus. Sarà una fase-2 in tono minore, senza pubblico e senza viaggi, con l’intero paddock elettrico praticamente chiuso in una bolla simile a quella analogamente studiata dalla Nba negli Stati Uniti. La location designata è stata Berlino e il suo splendido parco dell’ex aeroporto di Tempelhof, che cambierà faccia in modo da ospitare sei gare su tre layout differenti. Il tutto per permettere al circus full electric di completare il campionato correndo oltre metà stagione in poco più di una settimana, dal 5 al 13 agosto. Una soluzione, questa, che comunque lascia soddisfatti i piloti impegnati in pista…

Formula E, ePrix Città del Messico 2020: Felipe Massa (ROKiT Venturi Racing)

L’OPINIONE DI FELIPE Di questo e tanto altro abbiamo parlato con Felipe Massa nell’ultima puntata di RadioBox (se non l’avete vista, potete recuperarla qui). Ospite speciale del nostro podcast sul motorsport, il pilota di casa Venturi Racing si è espresso con favore dinanzi al calendario post-Covid della Formula E: “Correremo più di metà stagione in poco più di una settimana, sarà tosto. Anche il circuito cambierà varie volte e sarà una bella sfida per chiudere il campionato in poco tempo. Come in tutte le gare, sarà importante provare a fare il meglio possibile sbagliando poco, così come sarà fondamentale riuscire a trovare un buon setup. In ogni caso, è bello avere la possibilità di chiudere la stagione che poi è quello che tutti i tifosi volevano. Però è anche vero che non è molto bello correre in una sola location e per giunta senza pubblico… Bisogna comprendere questa situazione, sperare che non succeda più e che in futuro si torni a gareggiare in Paesi diversi”.

Formula E, ePrix Città del Messico 2020: Felipe Massa a bordo della sua Venturi Racing

BERLINO MEGLIO DI VALENCIA Alla fine, quando era ormai chiaro che la Formula E avrebbe adottato il “modello Nba”, restava un dubbio relativo al circuito designato per la scorpacciata estiva di ePrix. Tempelhof ha vinto il ballottaggio con la pista di Valencia, che ha invece ospitato i test precampionato della categoria. E anche questa è stata, secondo Felipe, una scelta azzeccata da parte degli organizzatori: “Berlino mi piace, il posto è molto bello anche se, in mancanza di tifosi sulle tribune, sarà sicuramente molto triste. Lo sport è fatto per i fan, per la gente che tifa e che segue le gare… Rinunciarvi non è bello. Però il circuito di Tempelhof mi piace e devo dire che lo preferisco a quello di Valencia. Quella è una pista tradizionale, avrebbero dovuto cambiarla per adattarla allo stile della Formula E, mentre Berlino è perfetta per la nostra categoria”.

Formula E, Felipe Massa ai box

TORNA MONACO Altro tema caldo di discussione per il campionato elettrico è il calendario 2021, che vede il ritorno dell’appuntamento di Monte Carlo dopo un anno di pausa. E proprio Massa, che nel 2019 ha ottenuto sulla pista di “casa” il miglior piazzamento in carriera in Formula E, si è detto entusiasta dell’idea di tornare a gareggiare nel Principato: “Si fa sempre così, un anno si gareggia e un anno no, che poi è lo stesso che accade con il gran premio delle macchine storiche. In ogni caso, sono molto contento di questo ritorno e mi auguro che verrà scelto il circuito tradizionale (in Formula E si è fin qui utilizzato un layout ridotto, ndr) che è sicuramente il più bello possibile. Se si correrà lì, sarà assolutamente il circuito migliore del calendario. Speriamo che le cose andranno in quella direzione, anche perché è uno dei tracciati più amati da tutti i piloti”.


TAGS: monte carlo formula e felipe massa venturi racing ePrix Monaco ePrix Berlino