FUTURO IN DISCUSSIONE Due indizi, forse, fanno una prova. Dopo aver annunciato che, per la prima volta dal 2013, non sarà presente di persona a un gran premio, Toto Wolff ha rilasciato alcune dichiarazioni che non escludono una possibile uscita di scena della Mercedes dalla F1. il manager austriaco ha spiegato la sua assenza dichiarando: "Resterò in Europa per concentrarmi su altri questioni in sospeso" e tra gli argomenti in ballo ci sarebbero in particolare i regolamenti 2021, recentemente presentati ad Austin alla vigilia del GP Stati Uniti. Da fine mese, la Mercedes sarà in gara per la prima volta con un proprio team nel campionato di Formula E e all'interno della casa di Stoccarda si sta ragionando sugli impegni sportivi del futuro prossimo.

Toto Wolff (Mercedes)

SPORT E TECNOLOGIA "Tutto indica che resteremo, ma non è un dato di fatto - ha esordito Wolff in un'intervista rilasciata a ESPN - Stiamo discutendo il nuovo Patto della Concordia. In relazione a questo, e indipendentemente da esso, stiamo discutendo dello sviluppo dell'automobile e dei suoi effetti sullo sport. In quale direzione si sta sviluppando il mondo automobilistico? In quale forma la Formula 1 è rilevante come piattaforma di intrattenimento e tecnologia? E come marchio la cui prima auto è stata un'auto da corsa, vogliamo rimanere su questa piattaforma a lungo termine?".

DIFFERENTI MODELLI Dopo aver monopolizzato l'era delle power-unit, fino a raggiungere e superare i record della Ferrari di inizio millennio, ora la Mercedes potrebbe anche non avere altri motivi per restare in F1. Wolff ha spiegato: "Mentre marchi come la Ferrari hanno costruito la loro attività sulle corse, c'è un altro modello che dice: 'Abbiamo avuto un ciclo di grande successo. Non c'è altro da dimostrare. Stiamo facendo qualcos'altro, ora'. Entrambe, sono strategie assolutamente plausibili".

F1 GP Singapore 2019, Marina Bay: Lewis Hamilton (Mercedes) segue Charles Leclerc (Ferrari)

TUTTO O NIENTE A giocare a favore di una permanenza della Mercedes in F1 è il suo ruolo di fornitore di motori ad altre scuderie. A fianco di Racing Point e Williams, nel 2021 tornerà a formarsi il binomio con la McLaren. Wolff esclude che la casa di Stoccarda rimanga solo come motorista e questo dovrebbe essere un indizio della permanenza delle Frecce d'Argento: "Puoi essere solo incinta o non incinta, non mezza incinta. Quidi o partecipiamo alla piattaforma oppure non partecipiamo". Le illazioni di Wolff sembrano dunque più che altro rientrare nel braccio di ferro tra grandi case automobilistiche e Liberty Media. Recentemente, anche la Renault ha avanzato l'ipotesi di una revisione del proprio impegno in F1.


TAGS: